DoF – Rid The Tree Of Its Rain (Abandon Building, 2010)

Neve o no, mi sento alle porte della primavera, sta cambiando la luce e più passano gli anni più sono sensibile a queste cose, ora non posso affermare che si tratti di un disco primaverile, ma senz'altro luminoso ed arioso. Si tratta di indie folk prodotto da dio e suonato ancora meglio: banjo, chitarre acustiche e altri legni acustici che fanno un lavoro fantastico ma allo stesso semplice, poi piano, glockenspiel, elettronica, voci etc. Se non si trattasse di indie folk parlerei quasi di pop folk, visto che si tratta di musica che bene o male è accessibile a tutti.
I Dof non inventano nulla, anzi saccheggiano senza nessun timore la tradizione, nonostante ciò non c'è nulla in questo disco che non sia al posto giusto, un lavoro da manuale pulito pulito… leccato e laccato alla perfezione, roba che riconcilia con il genere. Non saprei che riferimenti diretti fare, nonostante l'uso di un po' di elettronica non si tratta dei The Books ma non si trovano neppure così distanti, allo stesso tempo ci ho ritrovato anche alcune cose di Jim O'Rourke, stesso gusto per le melodie morbide, dense, sognanti ma per nulla malinconiche. Mi vengono anche in mente alcune cose di Leaftcutter John o simili. Oltre alla primavera parlerei di estate, di viaggi in trattore in mezzo ai campi di grano. Al di là della splendida produzione del disco gli arrangiamenti sono studiatissimi, ammorbidiscono il lavoro senza annacquarlo, le melodie pur essendo ariose non tendono mai allo smidollato e mi fanno venire in mente che gente del genere andrebbe quasi ringraziata, non tanto per il fatto di far sobbalzare sulla sedia per genialità o quant'altro ma per il puro e semplice fatto che pur praticando folk, bluegrass, country, indie-tronica, pop lo fanno con quella noblesse di chi è trasportato dal senso per la melodia e per la canzone invece che dal desiderio di clonare questa o quella canzone. Bravo fucking bravo.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Guns Are For Kids - Too Much Red Not Enough…

 Inglesi nel suono ma australiani di origini, questi Guns Are For Kids potrebbero essere il risultato dato dalla formula:…

12 Dec 2007 Reviews

Read more

Moving Mountains - Pneuma (Deep Elm, 2008)

Ci sono quelli che detestano mettere riferimenti di altri gruppi nelle recensioni e quelli che per forza di cose li…

27 Oct 2008 Reviews

Read more

L'Enfance Rouge: oltre la fortezza europea

L'Enfance Rouge è un terzetto franco-italiano composto da François R. Cambuzat (voce, chitarra), Chiara Locardi (voce, basso) e Jacopo Andreini…

15 Sep 2008 Interviews

Read more

Daniele Santagiuliana – La Cupa (Looney-Tick, 2021)

Fra le tante identità che l’espressività di Daniele Santagiuliana assume o ha assunto (The Anguish, Anatomy, Kotha, Testing Vault, giusto…

20 Dec 2021 Reviews

Read more

Tsigoti – The Imagination Liberation Front Thinks Again (Autoprodotto, 2012)

The Imagination Liberation Front Thinks Again è un disco dalla storia complessa. Uscito solo in digitale e attualmente reperibile su…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Mexico (Lizard/Grey Sparkle/MCL/Old Bycicle/Afe, 2011)

Invecchiato tre anni. Questo riporta la cover del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey. E come un buon whisky che…

21 Feb 2012 Reviews

Read more

Schonwald - Amplified Nature (Panoplie, 2009)

A quanto pare la 5 Roses oltre ad ingrandirsi sta diventando un’agenzia di promozione sia per la roba estera che…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Endless Inertia - Oktiabr'/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

Rec_L – For Anita (Kaczynski, 2018)

La seconda uscita della Kaczynski, dopo la compilation Pulsioni Oblique, è un 7” in vinile che definire ultralimitato è un…

04 Apr 2018 Reviews

Read more

Illachime Quartet - Sales (Zeit/Lizard, 2012)

Tornano gli Illachime Quartet con Sales, disco di remix e rielaborazioni varie da brani estratti dai loro due dischi e…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Roll The Dice - In Dust (Leaf, 2011)

Questo duo svedese approda su Leaf per il secondo disco in studio e per quanto io non sia molto incline…

15 Nov 2011 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

The Asstemians – S/T (Neonparalleli/HYSM?, 2014)

Il nome prometteva male, le facce in copertina pure peggio. L’ascolto… Dio ce ne scampi! Mirko Spino, braccio e mente…

24 Jun 2014 Reviews

Read more

Polinski – Labyrinths (Monotreme, 2011)

Colpito dalla visione di Drive, mi sono chiesto quanto a volte un buon film possa diventare quasi un capolavoro se…

07 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top