since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Dirty Trainload – Trashtown (Otium, 2011)

Duo di blues elettrico e grezzo, nei suoni, ma dalle soluzioni decisamente fini, questi Dirty Trainload, rimandano ai The Kills per la formazione maschio e femmina, ma si collocano più vicini a un Bob Log III per affinità sonore e attitudine (mi ricordano anche un pò quei francesi su In The Red, i Volt). Trashtown, per gli amanti del genere, è un disco molto divertente, forse un po’ monotono nel suono della chitarra che non mi fa impazzire, e nella verbosità dei testi. Ha comunque dalla sua un paio di hits che si intitolano Had It Coming e Lullaby (e mettiamoci pure Bitch e This Jail), che non a caso si distaccano anche come stile, qui un pò meno tirato, dal resto del disco. Molto bella la voce, roca, sensuale e giustamente sporca. Il Renault Kangoo in copertina invece mi porterebbe a domandare per quale motivo il gruppo non ha utilizzato l’immagine all’interno del libretto che trovo più accattivante, ma insomma si vede che ai due piaceva quella macchina lì. Andrei a un loro concerto? Certo che si. Comprerei un loro disco? Non saprei, forse solo dopo averli visti dal vivo.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top