Des Moines – Like Freshly Mown Grass (Dinotte/We Work, 2018)

Pur essendo orientati prevalentemente verso altri ambiti, capita talvolta, per particolari congiunzioni astrali, di imbattersi in lavori che sono il disco giusto al momento giusto. È il caso di Like Freshly Mown Grass di Des Moines, che ci si presenta alle porte di un autunno ancora caldo con un suono che sa già di foschie e foglie che cadono e di sentimenti messi a nudo. Lui è Simone Romei da Reggio Emilia e questo è la sua terza uscita, ma dopo un album praticamente in stampa domestica e un EP, potremmo quasi parlare d’esordio; un esordio a cui il nostro arriva già maturo e consapevole, aiutato dalla produzione e dagli arrangiamenti di Egle Sommacal (Massimo Volume) e dai contributi discreti di membri di Giardini di Mirò e Dolpo. Lontano dalle influenze dell’indie e del cantautorato nostrano e per nulla intimorito dal lasciare spazio, alla bisogna, alla chitarra spogliata delle parole (la poesia strumentale di Cricket And Cicadas e Like Freshly Mown Grass), Des Moines sembra essersi abbeverato direttamente alle fonti pre-guerra del Nuovo Mondo, al netto di qualche veloce puntata oltremanica (Daffodils). Le radici del suo folk affondano in quell’America rurale che, sarà forse colpa o merito di certi scrittori, è diventata un po’ patrimonio di tutti, specie di chi sta nelle pianure da dove si vedono le montagne non troppo lontane. Di questo continente antico e dignitoso i meno dotati fanno proprio l’immaginario, i migliori colgono la poetica. Nelle tracce di Like Freshly Mown Grass non c’è ombra di posa mentre si percepisce l’adesione a un’idea di esistenza che punta a riannodare i legami con l’essenza delle cose, a partire da un suono scarno (senza mai apparire povero) per giungere a parole misurate e sentite (Love in Vain, Whippoorwill). In questo senso la stagionalità di cui parlavo in apertura non deve essere avvertita come un limite ma come la riprova di quanto questa musica sappia cogliere nel profondo certe dinamiche e certi legami che ormai rischiamo di perdere. Lo scorso anno, sempre in autunno, vi parlammo di un disco, Cold Spring di Fletcher Tucker, che pur differente nel suono, aveva diverse affinità in spirito con questo lavoro. C’è anche un’altra analogia: Des Moines ha preso il nome dalle pagine di Sulla Strada di Kerouac, mentre la Cold Spring di Tucker si trova a Big Sur, luogo dove il musicista ha soggiornato in solitudine in cerca dell’ispirazione,  e che dà il nome a uno dei romanzi dello scrittore statunitense. Sono curiose casualità; o forse semplici conferme.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 1 -…

Nel deserto delle proposte fritte e rifritte, ogni tanto mi capita di andare a cozzare con delle cose veramente personali…

15 Sep 2012 Articles

Read more

AA.VV. - Pera Ascognüda (Tera Salvaria, 2013)

Non è inutile parlare di un'opera già esaurita in fase di prenotazione (solo 53 gli esemplari prodotti) quando si sta…

25 Sep 2013 Reviews

Read more

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Ventura - We Recruit (Africantape, 2010)

Africantape continua nel mix di dischi da tutto il mondo in odore di indie/math/post/eccetera pubblicando con un disco degli svizzeri…

13 Jul 2010 Reviews

Read more

Low - Double Negative (Sub Pop, 2018)

Quest'estate si è iniziato a parlare di Double Negative, disco che porta i Low verso sonorità più elettroniche: l'uscita è…

08 Oct 2018 Reviews

Read more

Nicola Guazzaloca/Tim Trevor Driscoe/Slizard Mezei – Underflow (Leo, 2011)

Dopo lo splendido debutto di One Hot Afternoon ritorna la coppia Nicola Guazzaloca - Tim Trevor Briscoe che per l'occasione…

17 Oct 2011 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Weight & Treble - Riddims 2010-2014 (CD Love Boat,…

Riddims, ritmi prodotti da Massimo Carozzi e Manuele Giannini, teste e dita pulsanti di alcuni fra i progetti più intriganti…

05 Jun 2022 Reviews

Read more

Le Pietre Dei Giganti - Abissi (Overdub, 2019)

Roccioso stoner di provenienza orgogliosamente eighties (Soundgarden) con sinuoso cantato in italiano. I ridondanti arrangiamenti chitarristici riducono un poco l'impatto…

09 Mar 2020 Reviews

Read more

A Spirale - Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo…

15 Oct 2009 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

Grotto Terrazza - Kalte Köstlichkeiten (Maple Death / Cut Surface…

Thomas Schaman, sciamano bavarese che confonde tiki bar con grotti ticinesi, reo e reiterato autore di uno space lounge pop…

21 Sep 2022 Reviews

Read more

DBH - Wave The Old Wave (Eh?, 2008)

La Eh? altro non è se non una costola della Public Eyesore, etichetta che oltre a dare alla stampe una…

03 Oct 2008 Reviews

Read more

Cannibal Movie – Avorio (Sound Of Cobra, 2011)

Continua a far proseliti, dalle nostre parti, un certo suono psichedelico e dilatato e forse mai come in…

20 Sep 2011 Reviews

Read more

St.Ride - Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco... e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top