Caso – La Linea Che Sta Al Centro (To Lose La Track/CORPOC, 2013)

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora con la menata che alcune eccezioni confermano la regola e che, anzi, alcune di queste alcune, più che confermare, mettono tutto in caps-lock, grassetto e sottolineato. E’ il caso di Caso (no, perdonatemi, ma quando ricapita la scusa di scrivere una roba scontatamente bella così?), ex batterista punk-hc che ha ‘svoltato’ da un pò, prendendo una strada apparentemente più morbida anche se non meno incazzata. In quel di Bergamo, il Nostro scrive e canta di delusioni morali – vedi i sindacati menefreghisti vs giovani adulti precari bestemmianti di Un Anno Terribile e Poco Memorabile o i falsi e stragonfiati sedicenti musicisti vs gente che suona per il gusto di farlo (‘Non lo facciamo per avere consenso’) che compongono la ballata Parete Nord – e ‘facciate’ contro la realtà nelle sue varie dimensioni – Senza Luna, Fino Agli Alberi Sottili, Orsa Minore -. Andrea Casali si racconta in questo che è il suo terzo lavoro con una nettezza che (mi) colpisce per la semplicità e complessità allo stesso tempo della decina di pezzi. Di tutta la suddetta decina, nessuna traccia è neanche in minima parte banale, pur essendo quasi minimale come costruzione e arrangiamento. Che poi, e forse questa è la sua vera forza, più che raccontarsi, Caso ci racconta, parla e urla di una generazione che sta vedendo finire male tutte le certezze con cui era stata cresciuta, che si incazza senza ottenere, che vive senza aver ‘bisogno (né potersi permettere) di stare tranquilli’ e che è ‘solo costretta a restare in corsa’. Qualcosa del tipo: De André, Guccini e De Gregori stanno a mia mamma come Caso può stare a me. E non penso di aver scomodato paragoni illustri. Caso è bravo sul serio, mi sembra giusto così.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Paolo Petralia Aka SOA Records

Chi è Paolo Petralia? Per chi non lo conosce un po' per età, un po' per fortuna, un po' perché…

21 Dec 2007 Interviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

qqqØqqq – Burning Stones Of Consciousness (Casetta/DreaminGorilla e altre, 2017)

Sulla carta la proposta di qqqØqqq, il duo formato da  Tomaso Busatto e Carlo Mantione, sembra la perfetta somma dei…

26 Mar 2018 Reviews

Read more

Glorytellers + Guapo - 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità…

27 Sep 2008 Live

Read more

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all'improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete,…

10 Apr 2013 Reviews

Read more

Wojaz - Hengienmaa (Future Lunch, 2017)

Hengienmaa di Wojaz, one man band finlandese qui alla terza prova, ci è arrivato per tramite di Paolo Monti/The Star…

24 Jul 2017 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Oggetti Smarriti (Setola Di Maiale, 2011)

Un solo pezzo, di 28 minuti e 20 secondi, ma che scorre veloce, dinamico, ricco e vario, anche se scritto…

18 Jun 2013 Reviews

Read more

...un quadro di Giacomo Spazio

...il titolo di quest'intervista si riferisce a inventario dei La Crus e la menzione non è per nulla casuale: Giacomo…

08 Oct 2010 Interviews

Read more

Iztok Koren - Lonely Hymns and Pillars of Emptiness (Torto…

Il polistrumentista sloveno (già membro degli avantfolk Sirom) ci proprone questo lavoro rarefatto e malinconico interamente concepito e suonato in…

05 Jul 2021 Reviews

Read more

Hong Chulki & Will Guthrie - Mosquitoes and Crabs (Erstwhile,…

Il rischio che corre un lavoro costruito su concetti frammentari e irrisolti come questo Mosquitoes and Crabs è quello di…

12 Jun 2018 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - The Earth Cries Blood…

Era atteso da tempo il nuovo disco del toscano The Child Of A Creek; ora, a oltre due anni dal…

12 Jun 2013 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

Rollerball - Two Feathers (Wallace, 2009)

Ecco qui il "solito" disco dei Rollerball che è come dire il solito disco dei Portishead o dei Tortoise, infatti…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top