Bonnie “Prince” Billy – Lie Down In The Light (Drag City, 2008)

One. Two. Three. Four. Sussurrato a battere il tempo. Come il cigolio notturno di un cancello, Un'apertura profetica. Un qualcosa dopo di cui è impossibile non voler vedere cosa succede. E quello che accade è un allegro passo country da strada sabbiosa con la voce piazzata sopra che sembra fischiettare, archi leggeri ad incrociarsi con l'acustica, suono aperto alle modulazioni più alte e versi apparentemente scacciapensieri. Si chiama Easy Does It il pezzo che apre il nuovo disco di Bonnie "Prince" Billy ed in un certo senso è una sorpresa. Intendiamoci, il tutto suona tremendamente inconfondibile, ma lo fa in maniera singolare fondendosi ad un'ironia trascinante. Ironia che altre volte sembrava fare difetto all'autore, con quella sua spinta un po' autoreferenziale.
L'album poi si scioglie nelle trame più conosciute, con la voce di Ashley Webber a fare da contrappeso nelle tracce più dolci e a dialogare con lui nei versi più disperati, con il suono che si ovatta e diventa pieno ed avvolgente, con i bassi che tornano a dominare insieme alla sua ruvida voce sempre sul filo della rottura. Su tutte What's Missing Is, serie straziante di domande imposte su una linea melodica che ha il passo di un funerale e la potenza di una esplosione. Però quel sapore frizzante dell'apertura rimane sempre vivo e dona ad alcune tracce una tale ironia che ne rivela l'anima più folk, si dica ad esempio di For Every Field There's A Mole e You Want That Picture. La sequenza si chiude con l'altra faccia della medaglia, quella più solenne, con il country-gospel "I'll Be Glad" dove organo e chitarra compongono uno splendido, soffice e commovente inno di chiusura. Non si sa bene come, ma non appena arrivati alla fine ci si accorge di aver viaggiato da qualche parte a sud del Kentucky e non si può fare altro che voler ricominciare. Subito… Per certi versi un disco alla Bonnie "Prince" Billy, suonato forse in maniera più stanca e distratta, ma con la solita carica di splendida inquisitoria malinconia. L'ultima apparizione (The Letting Go, 2006) era stata un vero e proprio capolavoro, questo Lie Down In The Light non lo è. Ma dopo tutti questi anni la presenza di Will Oldham è più che mai confortante, capace ancora di comporre un disco bello, pieno di spunti e che lascia in bocca la sensazione di aver ancora qualche carta da giocare per superare tutte le maledette spinose faccende che ogni giorno tentano di bucarci lo spirito.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lucertulas – The Brawl (Robotradio/MacinaDischi, 2010)

E venne il giorno della Lucertola. Dal precedente Tragol Del Rova ci dividono due anni e mezzo e decine di…

30 May 2010 Reviews

Read more

Erigoamabile – S/T (Autoprodotto, 2010)

Direttamente dalla zona dei cinque laghi, l’eporediese Erigoamabile tira fuori dal cassetto una manciata di pezzi assemblati tra il 2006…

29 Jan 2011 Reviews

Read more

Torba/Luca Sigurtà & Prayin For Oblivion - Tape Crash No.4…

Quarto episodio della serie tape crash per la svizzera Old Bicycle, musica che aggiunge elementi di confusione al vostro stereotipo…

03 Jan 2013 Reviews

Read more

An Moku - Rundum Zürich...

An Moku è l’alias dietro il quale agisce Dominik Grenzler. An Moku, in giapponese, significa “tacito, non detto, implicito”. Capiamo…

09 Jun 2022 Articles

Read more

Kinetix - Absolute Grey (Koyuki, 2009)

Dopo aver recensito negli ultimi tempi una serie di dischi in cui Gianluca Becuzzi compare in collaborazioni con altri musicisti,…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Donato Epiro: free(ak)-folk, neo-psichedelia, ma non solo...

Cari ragazzuoli (pronunciato possibilmente con un marcato accento emiliano), appena dopo aver ascoltato Orange Canyon di Skullflower (a cui va…

09 Apr 2010 Interviews

Read more

Matta-Clast - De Morbo (Autoprodotto, 2013)

Garbato ed eccentrico rock elettrico per questo prolifico trio perugino qui ormai giunto, tra lp e mini, alla quinta uscita.…

09 Jan 2014 Reviews

Read more

Polinski – Labyrinths (Monotreme, 2011)

Colpito dalla visione di Drive, mi sono chiesto quanto a volte un buon film possa diventare quasi un capolavoro se…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

Roll The Dice - In Dust (Leaf, 2011)

Questo duo svedese approda su Leaf per il secondo disco in studio e per quanto io non sia molto incline…

15 Nov 2011 Reviews

Read more

Robanera - Meco Discordia (Shove, 2013)

Pezzi avviluppanti quanto le spire di un pitone che ti si cementifica intorno alla gola fino a diventar pietra. E…

11 Feb 2014 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi plays Limbo – Unholy Rituals Vol I/II/III (Silentes,…

Avevamo già parlato di Unholy Rituals dei Limbo nel 2010, in occasione della pubblicazione dei due volumi in vinile su…

15 Sep 2015 Reviews

Read more

OvO – Crocevia (Load, 2009)

Tornano gli OvO e questa volta la release è 100% "made in Usa" come buona parte delle armi con cui…

10 Jan 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Steel From Your Brow (Metzger Therapie, 2016)

Arriva a materializzarsi su vinile il suono dei Grizzly Imploded a due anni dalla cassetta su Sincope di cui vi…

16 Sep 2016 Reviews

Read more

At The Gates - At War With Reality (Century Media,…

Non faccia storcere il naso il ritorno degli svedesi At The Gates, perché trai solchi del nuovissimo At War With…

19 Nov 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top