Bilayer – Bilayer (Va Fongool, 2019)

Dopo  prove soliste molto interessanti, tra cui l’incisivo Lazuli, Hilde Marie Holsen torna assieme a Magnus Bugge a nome Bilayer. Un progetto nato in modo casuale con la volontà di sperimentare mescolando l’approccio della trombettista norvegese, che si muove sinuosamente tra jazz, ambient e manipolazione elettronica, e i sintetizzatori analogici del giovane compositore, per lo più dedito a colonne sonore e installazioni.
Ragione sociale che richiama evidentemente il dualismo, cosa che si può ritrovare anche nell’architettura complessiva di questa primo prova, costruita a partire da lunghe sessioni di improvvisazione poi messe a punto nelle cinque tracce edite dalla Va Fongool.
Se la cifra stilistica del suono si basa su una cosmicità ben ancorata al materismo per distendersi in diverse direzioni, la tensione di fondo resta ugualmente doppia. Da un lato cinque tracce brevi più composte e rifinite: elettroacustiche sommesse che gradatamente diventano droni discorrendo con il tempo attraverso una tenebrosa glacialità (Inertia) o che acquistano una ritmicità dal sapore costantemente siderale (Nystagmus) facendo il verso ad alcuni esperimenti delle Ectoplasm Girls, fino a  tingersi di umori noir nelle profondità cupe dei synth su cui la tromba tratteggia lente flessioni malinconiche (Dura Mater). Dopo una lieve calo di breve estaticità, si arriva alla seconda parte ideale del disco con la lunga traccia omonima. Bilayer in effetti racchiude in se il nocciolo duro di quella che potrebbe essere la vera ragion d’essere del progetto, un modo di intendere l’improvvisazione elettronica che si esprime in tutta la sua distensione. Una lunga suite dove le varie concatenazioni tendono verso la scoperta di risvolti inediti attraverso l’interazione; un’organicità cangiante maggiormente viscerale fatta di obliqua ritmicità musicata dai fiati, passaggi ambientali lungimiranti, psichedelia e fredde ritorsioni di trambusti meccanici. Tutto scorre con estrema naturalezza e una capacità di sintesi che fanno ben sperare.
Un gran bel biglietto da visita.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Neunau – Il Ciclo Del Vuoto (Boring Machines, 2019)

In un mondo sempre più indistinto e superficiale un progetto come Neunau, che già avevamo conosciuto con l’EP di un…

12 Jul 2019 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 1 -…

Nel deserto delle proposte fritte e rifritte, ogni tanto mi capita di andare a cozzare con delle cose veramente personali…

15 Sep 2012 Articles

Read more

Thee Oh Sees - Carrion Crawler/The Dream EP (In The…

Per me questi Thee Oh Sees non sbagliano un colpo. E dopo averli visti nel maggio di quest’anno esibirsi in…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Lee Gamble - KOCH (PAN, 2014)

Ritorno al futuro. Sarà ormai più di un mese che ascolto questo disco (alternandolo con altro, naturalmente), perchè con le…

16 Oct 2014 Reviews

Read more

Ikue Mori/Simon Balestrazzi/Sylvie Courvoisier/Alessandro Olla/Maja Ratkje - Tresure Hunt (TiConZero,…

Che per Simon Balestrazzi si trattasse di un periodo molto florido lo avrete anche intuito dalla sua iperprolificità e questo…

30 Apr 2012 Reviews

Read more

Israel Martinez – The Minutes (Aagoo, 2013)

Israel Martinez è al suo settimo lavoro e si è sempre interessato al mondo della musica ambient/elettronica e sperimentale anche…

23 May 2013 Reviews

Read more

Bad Pritt – S/T (Shyrec, 2018)

Quando avevamo perso le tracce di The White Mega Giant, il trio veneto stava evolvendo il proprio suono, partito da…

31 Dec 2018 Reviews

Read more

Liars - Liars (Mute, 2007)

Liquidare questo quarto album dei Liars come il loro album più pop sarebbe fin troppo facile, però essendo questo…

17 Sep 2007 Reviews

Read more

This Will Destroy You - Tunnel Blanket (Monotreme, 2011)

"Post-rock will never die...but you will" giusto per menzionare il titolo dell'ultimo Mogwai ed anche per iniziare a mettere le…

31 Mar 2011 Reviews

Read more

Kruk - End It (Autoprodotto, 2011)

Comincia a far freddo. Sul serio. E mi sembra di aver trovato la colonna sonora perfetta per le mattine ghiacciate,…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon…

03 Oct 2016 Reviews

Read more

Danneggiato Delights Novembre 2011

Non mi piace il dubstep. E' il suono della conservazione, una gratificante e consolatoria esaltazione da potenza e superomismo onanistico.…

08 Feb 2011 Articles

Read more

Fungi From Yuggoth – S/T (Diazepam/Lightbulb, 2012)

È lungi dall'esaurirsi il fascino che gli scritti di H.P. Lovecraft esercitano sui musicisti di aera estrema: in questo caso…

14 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top