Big Sir – Und Die Scheiße Ändert Sich Immer (GSL, 2007)

Che poi io non mi ero mai imbattuto nella sindrome della pagina bianca come questa volta. Mai un disco aveva risieduto nel mio lettore per cotanto tempo senza farmi uscire un giudizio. E mi ci son picchiato. E, forse, alla fin fine ho cavato del sangue da una tal rapa, o noce o quello strano frutto che campeggia nella strana copertina di questo strano disco.
E pensa, pensa, pensa. E poi l'illuminazione?
No. Niente di che.
Ad un certo punto, alla disperata ricerca di un appiglio, ho contestualizzato questo disco. Ho unito qualche filo. Ho letto un po' di righe in giro. Ho visto i top friends del loro myspace.
Ho capito perchè, nel non trovarne il bandolo, mi figuravo divertito a giocare con la matassa. Attualmente di stanza a Los Angeles escono per l'etichetta che più ha sfornato tese ritmiche e assalti sonori negli ultimi anni, la Gold Standard Laboratories di Omar Rodriguez degli At The Drive In / Mars Volta. E di questi ultimi, Juan Alderete De La Pena, mente dei Big Sir, è il bassista. Con quest'intro il disco è bello e massacrato. Ma, in realtà, non c'entra per niente. E allora proviamo a ripercorrere il filo che parte da lei, Lisa Papineau, nativa di Providence, già con Air e M83, qui alla voce. E di nuovo un buco nell'acqua, non ci siamo dentro, niente smielismi.
Qui ci si perde.
I due sono insieme già nei Pet, con due dischi usciti per l'etichetta di Tori Amos, e qui qualcosa sembra quasi sul punto di scattare vista la bella voce della Papineau, e sulla colonna sonora del Corvo II, che è, però, un altro falso indizio.
Non c'è via d'uscita, il disco scorre ma non rimane; non incespica, si inerpica, sale e scende. Risulta gradevole, quasi esalta a tratti. Ma niente; non fa scattare niente nel cervello del recensore.
Poi i controlli incrociati danno frutto e scopri che la chiusura del disco è affidata a quel Mark Ramos Nishita già noto alle cronache sotto lo pseudonimo di Money Mark, precedentemente al servizio delle loro maestà Beastie Boys. E qui, finalmente, si intravede la luce alla fine del tunnel.
Le blande ritmiche si configurano in giochi di downtempo, lievemente funkeggianti, ciondolanti in un hip hop che definirei da cucina, dacchè la camera da letto è occupata dagli Outkast, la cameretta da Why? e il cesso da Eminem.
Come se il mainstream miscelasse il groove di Midnite Vultures di Beck e il pop maturo di Tanya Donnelly. L'underground se ne esce, dunque, con questo prodotto, bello e indecifrabile, di mille fattori.
Buono come mangiare una rapa immersa nella nutella, niente sangue ma soddisfazione garantita.
p.s. pare che il titolo significhi "e la merda continua a cambiare"…

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fabrizio Modonese Palumbo – Doropea (Old Bycicle, 2015)

Torino difficilmente lascia indifferenti, ma come tutti i luoghi, per essere conosciuto, va vissuto e anche questo può non bastare.…

24 Jul 2015 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Albireon - A Mirror For Ashen Ghosts Part Two (Toten…

“Raccontami una fiaba, in cui nessuno muore e mentimi se vuoi ma fallo con il cuore raccontami un dolore di vetro scheggiato giocattoli…

03 May 2022 Reviews

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

Lazarus - The Trickster (St. Ives, 2009)

Trevor Montgomery, fuoriuscito dai Tarentel alcuni anni fa, ha imboccato il sentiero già battuto da altri (Steve Von Till e…

20 Nov 2009 Reviews

Read more

Power – Turned On (In The Red, 2018)

Cercando dentro la pancia della In the Red non si resta quasi mai delusi, una volta inquadrato bene lo spirito…

23 Oct 2018 Reviews

Read more

Father Murphy - 19/12/08 Morya (Cellatica - BS)

Mancando pochi giorni al Natale sta a Father Murphy fare gli auguri di buone feste al pubblico intervenuto al Morya…

29 Dec 2008 Live

Read more

Sonic Youth - Simon Werner A Disparu (SYR, 2011)

Come abitudine da qualche anno a questa parte i Sonic Youth, parallelamente alla loro discografia diciamo "ufficiale" e su major,…

07 Apr 2011 Reviews

Read more

Henrik Munkeby Norstebo/Daniel Lercher - TH_X (Chmafu Nocords, 2014)

Cinque brani per trombone ed elettronica: descritto così brevemente questo TH_X di Henrik Munkeby Norstebo e Daniel Lercher può fare…

20 Jun 2014 Reviews

Read more

Empty Chalice – Emerging Is Submerging-The Evil (Industrial Ölocaust, 2017)

Empty Chalice, metà del duo italo-russo Gopota (la metà nostrana, per essere precisi), così si presenta sulla propria pagina Facebook:…

22 Sep 2017 Reviews

Read more

Crystal Plumage - Night Conference (Sincope, 2012)

Probabile omaggio a Dario Argento il nome di questo duo formato dal francese Benjamin L. Aman (Glue Pour, Lucie Huck…

27 Feb 2013 Reviews

Read more

Larva - Musica Per La Lumaca Più Triste (Noir/Void, 2006)

Scura ambient a base di drones chitarristici stratificati, con un tocco "industriale" sempre presente nelle composizioni: atmosfere tese, a volte…

30 Sep 2006 Reviews

Read more

Ufomammut & Lento - Supernaturals Record One (Supernaturalcat, 2007)

Ritornano carichi pesanti e carichi liquidi: una metafora da broker navale che ben sintetizza questo felicissimo connubio. E ancora una…

26 May 2007 Reviews

Read more

Elks - S/T (The Great Outdoors, 2008)

Dopo un mini tour di cinque date in terra d'Albione e uno split, i modenesi Three in One Gentleman…

06 Jan 2009 Reviews

Read more

Shelly Johnson Broke My Heart - Brighter (Stop!, 2011)

Caspita. La malinconia tutta all'improvviso. L'estate sta finendo dal punto di vista solare ed è finita per tutto il resto.…

20 Oct 2011 Reviews

Read more

Quitzow - Art College (Young Love, 2008)

C'è stato un periodo in cui l'indierock stava prendendo una piega strana, insperata all'epoca: nel sottobosco americano, con il miglioramento…

24 Jan 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top