Crevecoeur – #1 (Drella, 2007)

Mi piace pensare che i francesi siano tutti degli stereotipati figli di Jacques Tati, prima ancora che nostri compagni europei. Dirimpettai, a due passi da qui, svicoloni e guasconi, come un po' tutto ciò che fa rima con campioni, a meno di un anno dalla sconfitta, loro, e dalla vittoria, nostra, della Coppa del Mondo di Calcio…
Diciamolo subito, qui la finale si ripropone al volo metaforicamente in un confronto serrato con i nostrani Ronin. Forse esiste davvero un fil rouge che unisce la nostra identita europea, nel corrompere giovani menti male educate alle sonorità del punk riprogrammandole da qualche parte tra lo spaghetti western morriconiano, i balcani e la ruralità contadina delle nostre campagne. Nelle metropoli si cerca un filo rosso che ci riporti ai nostri avi, migrati qui da chissà dove alla ricerca di chissà cosa. Gli assalti sonici sono messi da parte, le ripercussioni kraute pure. In una sorta di sagra di paese tra chitarrini, casse basse e acustiche, trombe ci troviamo di fronte alla nazionale francese di indiefolk, il cui primario referente dalle nostre parti sono proprio i già citati milanesi. A tratti il paragone sfiora l'imbarazzante, un pareggio sportivo che vede prevalere i nostri solo ai supplementari, se non altro per campanilismo.
Ma se ai due fulgidi esempi di re-azione in recupero della tradizione storica, viene sovrapposto come arbitro un prodotto come quello degli americani Brokeback, sorta di Tortoise acustici, eccoci, finalmente, a quadrare il cerchio di centrocampo. Tra una sega e un Sapientino, si fa strada dalla tribuna un pianoforte Tiersen-iano; un violino tzigano quasi A Hawk And A Hacksaw e un momento da campeggio al fuoco, così si dipana la interessante trama del dopopartita. E' un gruppo che mi piacerebbe incontrare di persona per tastare se riescano anche dal vivo ad intessere le loro immaginifiche storie con la stessa maestria con cui dosano i mille strumenti ben rappresentati nello splendido artwork. Se sono spensierati e allegri come l'attore francese citato, credo sia più che lecito aspettarsi grandi cose, che sbocceranno magari in un leale confronto con la truppa capitanata da Dorella. E se i nostri si allontanano a bordo del loro galeone dei dannati, i Crevecoeur mi piace pensarmeli diretti chissà dove in bicicletta, con quell'andatura dinoccolata che solo il Tati di Giorno Di Festa riusciva a mantenere.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

Neurosis - Honor Found In Decay (Neurot, 2012)

Pur portando sempre un compito rispetto verso la band, avevo ormai smesso di seguire i Neurosis da un po' di…

22 Nov 2012 Reviews

Read more

Boredoms + Kes Band + Bum Creek - 09/10/10 The…

Arriviamo perfettamente in orario alla serata più "in" del mese al Melbourne festival: alla mezzanotte sarà il 10/10/10 e il…

03 Sep 2010 Live

Read more

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Stefano Giaccone - Come Un Fiore (La Locomotiva, 2007)

Mi ritrovo a scrivere che a parte le dovute eccezioni non ho mai sopportato il cantautorato italiano, neppure gli intoccabili…

02 Jan 2008 Reviews

Read more

Bessemerr - The Cultivation Of Rice (Far From Showbiz, 2008)

Nel sottobosco di piccole label, net release, tape label, CD-r, e nell'ipertrofia del mercato musicale (che comunque pare venda poco…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

Guano Padano - S/T (Important, 2009)

La spina dorsale della band di Capossela dà forma a questo interessantissimo progetto "cinematico e sognante" (mai termine fu più…

27 Jan 2010 Reviews

Read more

Uomoman - Digital Kind Of Guy (Wallace/Blackbug/Il Verso Del Cinghiale/Villa…

Se i Quasiviri fossero un gruppo sul viale del tramonto anziché gli autori di un’opera maiuscola come Super Human, non…

22 May 2015 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Bernays Propaganda - Happiness Machines (Moonlee, 2009)

La serietà, la caparbietà e la tenacia della Moonlee va riconosciuta. Amerei davvero conoscere quei ragazzi che, con tanta…

17 May 2009 Reviews

Read more

No Age - An Object (Sub Pop, 2013)

Parto dalla conclusione: a Thurston Moore (almeno quello dei tempi di Evol, Daydream Nation o Goo) questo disco piacerebbe. Detto…

14 Oct 2013 Reviews

Read more

La Furnasetta /Sara Ohm – Bat Kvinnor (Industrial Coast, 2020)

Il rapporto fra La Furnasetta e la Industrial Coast continua arricchendosi di un nuovo capitolo, condiviso stavolta con la svedese…

05 Aug 2020 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Lēvo – S/T (Zen Hex, 2019)

La nuova uscita su 7” dell’aretina Zen Hex è il battesimo musicale del concittadino Lorenzo Cardeti, unico titolare del progetto…

26 Mar 2019 Reviews

Read more

Sparkle In Grey & Tex La Homa – Whale Heart,…

Questo disco è uno split tra Sparkle In Grey e Tex La Homa, italiani i primi, inglesi i secondi, due…

07 Mar 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top