Bachi Da Pietra – Festivalbug (Corpoc, 2013)

Non sono passate dodici lune dall’uscita di Quintale che già il baco torna a farsi sentire: il suo lavoro è oscuro e incessante e quando finalmente vede la luce il risultato è sempre meritevole di attenzione. Pur disperando di venire a capo di tutte le implicazioni che ogni lavoro del duo Succi/Dorella porta con sé, proviamo ad avventurarci nell’intrico di gallerie per vedere cosa possiamo portar fuori.
Festivalbug, vinile one side serigrafato sul verso, accoglie sul recto tre brani, due provenienti dalle session del succitato album, esclusi immagino per una certa differenza stilistica e uno, Baratto Resoconto Esatto, più recente, che media fra lo spirito intimista e quello più rock’n’roll: nulla è mai troppo lineare nel cosmo dei Bachi Da Pietra. Tito Balestra, triste cartolina dell’Italia (temo sia una storia vera) e la sensuale Madalena (ode a una figura archetipica più che canto bucolico), rimandano certamente gli esordi del gruppo, col loro blues dolente e scarno e la voce quasi sussurrata, ma ne sono in realtà una coerente evoluzione che ci dice come la metamorfosi del baco segua logiche che agli umani il più delle volte sfuggono. Il suono è corposo e pieno come non mai e gli inserti di piano, basso (Giulio Ragno Favero) ed elettronica (Rico Gamondi) punteggiano il discorso senza appesantire le trame; Tito Balestra applica alle sonorità conosciute la struttura strofa/ritornello sperimentata in Quintale, mentre Madalena è un jazz-soul in salsa d’insetto che si colloca fra brani migliori mai incisi dal duo. Si guarda avanti dunque, sebbene il passato sia sempre presente in questo disco breve ma affollato di nomi di luoghi e persone. La Lina di cui si parla in Madalena dove l’avevamo già incontrata? Era in Tarlo Terzo… E tutti questi luoghi? Antibes, Torino, Calamandrana i colli dei vitigni della Barbera e le città nominate in Baratto Resoconto Esatto… Era dai tempi de I Suoi Brillanti Anni Ottanta, se proprio non vogliamo tornare ai Madrigali Magri, che non trovavamo tanta precisione geografica nei testi di Succi. Nel comunicato stampa si insiste sull’idea di “bug” come errore, canzoni “sbagliate” rispetto alle sorelle finite su Quintale; ma non c’è nulla di sbagliato in questi brani, perché nulla di più normale, per insetti coscienti delle proprie mutazioni, è agire su più piani d’esistenza, essere qui e altrove, prima e dopo. Festivalbug, in pochi pezzi densissimi, ci dice che i Bachi Da Pietra sono vivi. E di molte vite contemporaneamente.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

La Decima Vittima - Storie Strane Al Buio (Zona, 2011)

 Ognuno ha lo chansonnier che si merita. Evidentemente, e i fatti mi danno ragione, oggi Bobby Soul è quanto di…

07 Jun 2011 Reviews

Read more

Slayer - Christ Illusion (Warner Bros / Wea, 2006)

Loro. Sono tornati e ancora una volta, fin dalla copertina, è evidente il tentativo di tornare ai torridi fasti di…

02 Aug 2006 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

ElectroAcousticSilence - Flatime (Amirani/Grim, 2010)

Ieri sera mentre facevo zapping, mi trovo di fronte a questa formazione che ad Umbria Jazz esegue Imagine come pezzo…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

Psychofagist W/Napalmed – Songs Of Faint And Distortion (Fobofile, 2013)

Un occhio al cuore ed un occhio alla testa. I mangiatori di psiche non hanno mai perso di vista il…

29 Apr 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Plasma Expander - Kimidanzeigen (Wallace, 2009)

Ritornano i rocker sardi e lo fanno con un disco che li vede ancora più raffinati, non tanto nel suono…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Tupolev - Tower Of Sparks (Valeot, 2010)

Nome russo come pure uno dei componenti, ma equipaggio in prevalenza austriaco, tanto che si tratta di un disco fatto…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

Dubby Dub - Rocknroll Head (Alka, 2011)

 Una testosteronica boy band ferrarese meno muscolare e più dialettica di quanto non sembri ad un primo ascolto, questo sono…

26 Jul 2011 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Early Works (1979–1982) (Azoth, 2016)

Quello che vedete in copertina può sembrare un registratore a nastro ma non lo è: è una macchina del tempo…

06 Mar 2017 Reviews

Read more

JesterN/Paolo Pascolo - H Bar (Dobialabel, 2012)

Il fisico Alberto Novello (JesterN) concepisce questo disco dal titolo pari alla costante di Planck: il tema del paradosso è…

02 May 2013 Reviews

Read more

Io, Monade Stanca – The Impossible Story Of Bubu (Africantape,…

Il primo scoglio da superare è il nome, più adatto a un romanzo di Susanna Tamaro che non a un…

29 Oct 2009 Reviews

Read more

Jesu – Christmas (Avalanche, 2010)

Non credo che su queste pagine si sia mai trattato del nome dietro cui, da oltre un lustro, si nasconde…

12 Jan 2011 Reviews

Read more

Fausto Balbo - Login (Afe/Snowdonia, 2012)

Dopo che negli ultimi anni ha pubblicato un live assieme agli St.Ride e un disco con Andrea Marutti, Fausto Balbo…

30 Jan 2013 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Asymmetrical Warefare (Azoth, 2015)

Ultimamente più in forma che mai, Simon Balestrazzi decide anche di creare una propria etichetta per diffondere i suoi lavori…

10 Feb 2016 Reviews

Read more

Oracle – Going Up The River (Cynic Lab, 2009)

La carta dell'ironizzare sull'assetto strumentale basso-tastiere-batteria che fa tanto pèncfènc l'ho giocata nella recensione del party di compleanno del Megawolf, sono…

03 Mar 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top