Bachi Da Pietra – Festivalbug (Corpoc, 2013)

Non sono passate dodici lune dall’uscita di Quintale che già il baco torna a farsi sentire: il suo lavoro è oscuro e incessante e quando finalmente vede la luce il risultato è sempre meritevole di attenzione. Pur disperando di venire a capo di tutte le implicazioni che ogni lavoro del duo Succi/Dorella porta con sé, proviamo ad avventurarci nell’intrico di gallerie per vedere cosa possiamo portar fuori.
Festivalbug, vinile one side serigrafato sul verso, accoglie sul recto tre brani, due provenienti dalle session del succitato album, esclusi immagino per una certa differenza stilistica e uno, Baratto Resoconto Esatto, più recente, che media fra lo spirito intimista e quello più rock’n’roll: nulla è mai troppo lineare nel cosmo dei Bachi Da Pietra. Tito Balestra, triste cartolina dell’Italia (temo sia una storia vera) e la sensuale Madalena (ode a una figura archetipica più che canto bucolico), rimandano certamente gli esordi del gruppo, col loro blues dolente e scarno e la voce quasi sussurrata, ma ne sono in realtà una coerente evoluzione che ci dice come la metamorfosi del baco segua logiche che agli umani il più delle volte sfuggono. Il suono è corposo e pieno come non mai e gli inserti di piano, basso (Giulio Ragno Favero) ed elettronica (Rico Gamondi) punteggiano il discorso senza appesantire le trame; Tito Balestra applica alle sonorità conosciute la struttura strofa/ritornello sperimentata in Quintale, mentre Madalena è un jazz-soul in salsa d’insetto che si colloca fra brani migliori mai incisi dal duo. Si guarda avanti dunque, sebbene il passato sia sempre presente in questo disco breve ma affollato di nomi di luoghi e persone. La Lina di cui si parla in Madalena dove l’avevamo già incontrata? Era in Tarlo Terzo… E tutti questi luoghi? Antibes, Torino, Calamandrana i colli dei vitigni della Barbera e le città nominate in Baratto Resoconto Esatto… Era dai tempi de I Suoi Brillanti Anni Ottanta, se proprio non vogliamo tornare ai Madrigali Magri, che non trovavamo tanta precisione geografica nei testi di Succi. Nel comunicato stampa si insiste sull’idea di “bug” come errore, canzoni “sbagliate” rispetto alle sorelle finite su Quintale; ma non c’è nulla di sbagliato in questi brani, perché nulla di più normale, per insetti coscienti delle proprie mutazioni, è agire su più piani d’esistenza, essere qui e altrove, prima e dopo. Festivalbug, in pochi pezzi densissimi, ci dice che i Bachi Da Pietra sono vivi. E di molte vite contemporaneamente.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Right Moves - The End Of The Empire (Ultramarine,…

Tra aprile e maggio ho passato per lavoro un intero mese  a Catania. Una città sonnolenta e meravigliosa che…

07 Jun 2009 Reviews

Read more

Woods - Songs Of Shame (Woodsist, 2009)

Piccoli grandi album ogni tanto spuntano fuori, specie in questo terribile 2009 di crisi. Quei dischi fatti con poco, piccoli…

21 Jul 2009 Reviews

Read more

Scosse Elettriche - Rock Cut (MC Non Piangere, 2022)

Registrato nel corso del 2020 da Davide Zolli e Riccardo Sinigaglia. Batteria e percussioni il primo, piano, tastiere, sintetizzatori e…

17 May 2022 Reviews

Read more

Sparkle In Grey & Tex La Homa – Whale Heart,…

Questo disco è uno split tra Sparkle In Grey e Tex La Homa, italiani i primi, inglesi i secondi, due…

07 Mar 2011 Reviews

Read more

Shiver - They Will Feed On Us (Diazepam, 2011)

La seconda uscita a nome Shiver per Mauro Sciaccaluga (Ur, Wailing Of The Winds, Deprivation) sulla sua Diazepam si nota…

15 May 2012 Reviews

Read more

Ripples Recordings

So che myspace per molti di voi è out e che su facebook è più facile cercare donne e uomini,…

13 May 2010 Articles

Read more

Matmos + M.uto - 15/03/13 Interzona (Verona)

La prima tranche della stagione 2013 di Interzona è ricca di bei nomi: si è iniziato con Jon Spencer, che…

22 Mar 2013 Live

Read more

Beasts of Bourbon - the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

K11 - Waiting For The Darkness (Afe, 2010)

Già in precedenza mi era capitato di leggere o veder comparire qua e là il nome di un musicista e…

09 Jul 2010 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 11 (18/12/14)

Undicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano con graditissimo ospite Mirko Spino con novità e…

22 Dec 2014 Podcasts

Read more

Crisco 3 - You Can Never Please Anybody (Aut, 2011)

Continua imperterrito il cammino della Aut che ha ormai assunto definitivamente la fisionomia di un'etichetta dedita a quel jazz "off"…

27 Jul 2011 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Low Blood Pressure, Final Muzik CD…

Di tutte le annunciate uscite del Singles Club della Final Muzik, questo Low Blood Pressure è l’unica a non essere…

06 May 2014 Reviews

Read more

Laika Nello Spazio - Dalla Provincia (Overdub, 2019)

Rabbioso trio proveniente dall'hinterland milanese e attivo fin dal 2016. Salta subito all'orecchio la presenza di due bassi che inevitabilmente…

11 Oct 2019 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - Saint Erme (Gikt, 2019)

Continua la collaborazione tra il chitarrista svedese Finn Loxbo e il batterista danese Anders Vestergaard, che già con il precedente…

23 Aug 2019 Reviews

Read more

Io Monade Stanca - In The Thermi Table (Canalese Noise,…

La provincia di Cuneo riserva sempre qualche bella sorpresa alle mie orecchie. Gli Io Monade Stanca propongono un rock storto…

13 Apr 2009 Reviews

Read more

Moving Mountains - Pneuma (Deep Elm, 2008)

Ci sono quelli che detestano mettere riferimenti di altri gruppi nelle recensioni e quelli che per forza di cose li…

27 Oct 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top