Attilio Novellino/Collin McKelvey – Hyperhunt (Random Numbers, 2017)

La Split Series della Random Numbers nasce con l’intento di documentare su nastro la scena italiana più sperimentale. Questo quinto volume, quello di chiusura, ci saluta infrangendo le regole e aprendosi al futuro: non si tratta infatti di uno split bensì di una collaborazione che chiama oltretutto in causa un ospite straniero, l’americano Collin McKelvey, che con Attilio Novellino ha già collaborato in due occasioni. Hyperhunt ha la forma di una lunga sinfonia (spartita fra le due facciate) che, combinando con cura strumenti acustici, elettronica analogica e digitale  e suoni trovati, fa perdere loro ogni connotazione originaria, ponendoli come puro suono.  Conseguenza ovvia è la dissoluzione dell’idea di genere nel rapido e continuo mutare di riferimenti e atmosfere: dopo le cupezze sintetiche che aprono il lavoro, è tutto un rincorrersi di ritmi serrati e discontinui intessuti da concretismi ad alto coefficiente di realtà (come una rilettura critica del suono Warp dei ‘90), synth impegnati in ripetizioni dal sapore minimalista, crescendo ambientali, battiti techno sparati come laser,  voci spettrali e sintetizzatori non meno eterei, solo per citare i momenti che maggiormente mi hanno colpito. Eppure, in questo vagare apparentemente eccessivo, non ci si perde mai: i musicisti hanno saldamente il controllo della materia sonora, amministrata in particolare attraverso gli elementi ritmici – beat e cadenze – che ordinano e rendono misurabile la composizione. L’emotività è bandita a favore di una lucidità che quasi cinicamente evoca, rielabora e lascia alla deriva, una volta utilizzate, le varie parti, all’insegna di una bulimia che  sembra testimoniare l’urgenza di sperimentare tutto prima che la fine arrivi, così da poter ripartire senza fardelli. Hyperhunt non dà soluzioni, pone invece molte domande: sulla natura dei suoni, sulla convivenza fra i generi e sul loro valore (anche nel campo della musica di ricerca), sull’evoluzione sonora in rapporto al tempo e allo spazio. Davvero non poteva esserci miglior finale di serie.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Zac Nelson – Domain Of Pure Speculation (Second Family, 2011)

Torna su queste pagine una produzione della parmigiana Second Family Records, che stavolta è volata fino a Portland per pescare,…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

2010 - il disorientamento fagocita il mondo

2010, e il disorientamento fagocita il mondo. Tanto vale sguazzarci dentro. Cosa ho ascoltato quest'anno? Che cosa ho ascoltato più…

08 Nov 2010 Articles

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Strength - Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Van Cleef Continental – Red Sister (Casa Molloy, 2009)

I Van Cleef Continental si inseriscono in quel solco di rock classico tracciato dai vari Gun Club, Thin White Rope,…

14 May 2010 Reviews

Read more

Xabier Iriondo – Irrintzi (Brigadisco/Wallace/Phonometak/Santeria e altre, 2012)

Il primo album solista di una delle figure più presenti, in molteplici vesti, nel giro indipendente italiano è certamente un…

03 Oct 2012 Reviews

Read more

Unknown Mortal Orchestra - II (Jagjaguwar, 2013)

Galeotto fu un tranquillo giovedì sera di chiacchere nel pub di fiducia, saltano fuori nomi di possibili futuri live che…

06 Mar 2013 Reviews

Read more

Six Organs Of Admittance - Ascent (Drag City, 2012)

Avevamo già scritto di Ben Chasny, mente dei prolifici (anche troppo dalla quantità di album in uscita: 13, disco…

18 Sep 2012 Reviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

Corpoparassita - Inesorabile (Final Muzik, 2007)

Le mille etichette con cui si elencano, suddividono e catalogano i dischi a volte lascia interdetti, soprattutto nel caso di…

01 Oct 2008 Reviews

Read more

My Dear Killer – Collectable Items (Boring Machines, 2020)

Non è necessario leggere la dichiarazione all’interno del libretto – “This is My Dear Killer final long record and the…

21 Aug 2020 Reviews

Read more

Tapso II - S/T (Tapso, 2009)

Clamoroso al Cibali: anche la scena indipendente italiana si fonda su hype e mode che poco hanno a…

21 May 2009 Reviews

Read more

The Bitter Tears - Jam Tarts In The Jakehouse (Carrot…

Chicago, si sa, è considerata da almeno vent'anni a questa parte come una vera e propria Mecca di un certo…

23 Sep 2009 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top