Boslide – Questa È Una Moda Di Pazzi (Death First!, 2017)

Ecco, io vi avevo avvertiti ma voi non mi avete dato ascolto; li avete sottovalutati e ora i Boslide sono tornati. E fanno sul serio, come prima, più di prima. Innanzitutto da diarchia sono passati a triumvirato con l’ingresso di Barone Sangue a fianco di Re Degli Spaventi e Portofino; poi hanno scritto un disco che è un vero manifesto programmatico, senza possibilità di fraintendimenti (o no?); infine si fanno l’unica domanda che abbia senso farsi – “come arrivare al potere?” – e marzullianamente si rispondono nelle dieci trace di Questa È Una Moda Di Pazzi. Come prima cosa, poiché le radici sono importanti, in Demo 1993 il terzetto si guarda indietro con un senso di nostalgia degno dei migliori 883 e il suono e l’attitudine dei peggiori Mayhem, ma altrettanto doveroso è erigere – partendo da un inferno di blast-beat e qualche tocco di melodia carcassiana – Nazidas, un pantheon di nomi capaci di guidarci in questi tempi bui: sono tennisti, attori, assassini seriali e calciatori (tutti della Roma; e io che pensavo che questi fossero della Lazio…). Per condurre questa loro battaglia è indispensabile la crescita culturale e i Boslide la sostengono con la colta filologia esoterica e satanico-stregonesca di Boschpit, in quota Napalm Death, e con l’ambient-industrial espressionista di In Preda a Dumezil. Il black metal di La droga dei cadaveri è un bushido nichilista (ma anche un manuale operativo) che un po’ guarda a Fight Club e un po’ a Jean Genet e fa il paio con la preghiera di Vid Aloka (“perdonami madre per aver reso manifesto il caos”). È invece un fulgido esempio di misantropia autocritica in chiave grind (ancora con qualche tocco melodico) Svartcore 7 che allarga gli orizzonti dedicando un pensiero radicale al problema della sovrappopolazione (“noi non saremmo voluti nascere, voi non avreste dovuto”) mentre Bum Bum Bum Bum  butta a mare qualsiasi ipotesi di larghe intese coi metallari tacciandoli senza mezzi termini di subumanità, perché per i Boslide “tanti nemici, tanto onore” significa ancora qualcosa. Prima della conclusiva OPG, doveroso tributo alle cose importanti della vita (pellagra, vampirismo, fregna…)  Re Fragasso segna il punto più alto del disco: all’autore del campionatissimo Teste Rasate si alza un inno che lo acclama ultimo Kshatriya, profeta e condottiero delle schiere in marcia per prendere il potere. Se Satansbraten aveva tracciato il solco, Questa È Una Moda Di Pazzi lo difende con convinzione e un ghigno sinistro perché, come recita Boschpit, “la cosa bella è che malgrado tutto fa ridere”. I Boslide sono come quei gruppi black che negli anni ’90 voi deridevate, ma poi loro ammazzavano davvero la gente. State all’occhio.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Konstrukt + Ken Vandermark - Kozmik Bazaar (Karlrecords, 2019)

I Konstrukt continuano nella loro marcia forzata delle collaborazioni, e dopo aver incrociato gli strumenti con artisti come Thurston Moore,…

25 Oct 2019 Reviews

Read more

Zu – 20/08/10 Festa di Radio Onda d’Urto (Brescia)

Riprende la stagione concertistica dopo un'estate trascorsa senza grandi sussulti. Sarà che sono ancora in clima da giorni vacanzieri, ma…

04 Jul 2010 Live

Read more

Eternal Zio + How Much Wood Would A Woodchuck… -…

Torna ciclicamente a farsi vivo il Creassant, con proposte che sfidano il torpore di questa città di provincia, dando un…

19 Mar 2011 Live

Read more

Punk 'n' Rai (seconda parte)

Chi tra i lettori di Sodapop passa i quarant'anni potrebbe ricordare un servizio andato in onda nel novembre del…

20 Apr 2013 Articles

Read more

Nicker Hill Orchestra – All The Different Deaths… And Rebirths…

Il post rock come il progressive italiano alla fine degli anni ’70? Quanto manca prima che, numericamente parlando, gli attuali…

22 Oct 2009 Reviews

Read more

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Langhorne Slim - S/T (Kemado, 2008)

A tre anni dal precedente When The Sun's Gone Down, a sua volta seguito dell'autoprodotto Slim Pickens, uscito ben nove…

18 Sep 2008 Reviews

Read more

St.Ride - Fuori (Niente, 2014)

Disco numero tredici, se non erro, nella copiosa discografia del duo genovese e primo nel formato doppio album: Fuori infatti…

13 May 2014 Reviews

Read more

Anatrofobia – Canto Fermo (Wallace/Neon Paralleli/Lizard/ADN/Aut, 2020)

Chi l’avrebbe mai detto? Sono tornati gli Anatrofobia, a  13 anni dall’ultima comparsa su un supporto fonografico. Uno iato così…

24 Jul 2020 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Stearica - Oltre (Homeopathic, 2008)

Credo che Oltre possa essere considerato a tutti gli effetti il debutto degli Stearica, nonostante una loro prima apparizione, risalente…

27 Jul 2009 Reviews

Read more

Fungi From Yuggoth/Liturgia Maleficarum – Split tape (Diazepam, 2015)

Talvolta le conferme sono inutili, nondimeno averle fa piacere: è questo il caso, per quanto parlare di piacere potrebbe sembrare…

28 Dec 2015 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Kubark – Ulysses (Autoprodotto, 2011)

Con questo secondo EP, che segue l'omonimo Kubark del 2009, il quartetto si spoglia degli influssi delle band che li…

13 Dec 2011 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Double Penetration (Autoprodotto, 2013)

Ancora loro. Dopo lo sfacelo a tutta velocità del Coche Boogalero dopo solo pochi minuti ritornano gli Hazardous Waste con…

28 May 2013 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top