?Alos/Xabier Iriondo – Endimione (Brigadisco, 2012)

Il sodalizio fra Stefania Pedretti/?Alos e Xabier Iriondo, che avevamo sperimentato con il 7” su Tarzan Records, esordisce sulla lunga distanza (ma si arriva a stento alla mezz’ora) con un LP ispirato agli oscuri Madrigali di Artaud, opera di cui nulla mi è riuscito di scoprire, se non la data di pubblicazione, il 1921, e la casa editrice, l’immancabile  Gallimard. Più precisamente si tratta di strofe estrapolate e talvolta rimontate, in una sorta di remix dei testi originali.
Degli otto episodi, tutti tranne l’ultimo sono intitolati a personaggi della cultura francese del tempo, attrici, registi, critici; gente che, immagino, avrà incrociato le traiettorie dell’eccentrico artista, ma anche là dove i testi siano intelleggibili, non mi riesce di trovare un nesso fra titoli e parole. Brancolando nel buio per quel che rigaurda le questioni testuali, rivolgiamoci alla musica. É forse più facile immaginarsi questi brani interpretati dal vivo che non ascoltati su disco, ma il vinile conserva bene l’approccio fortemente teatrale dell’opera e, più di altre volte, ci sembra di vedere ?Alos che si contorce o sta in quiete, a seconda degli impulsi trasmessi dalle composizione, rese, mi ero scordato di precisarlo, in italiano. In realtà Stefania non rinuncia quasi mai al suo peculiare stile vocale, per cui i testi sono difficilmente comprensibili (ammesso che tutti i vocalizzi corrispondano a delle parole), se non nelle parti recitate, per cui, pur basandosi l’opera su materiale letterario, la comunicazione resta prevalentemente non verbale. A tanto espressionismo vocale fa da complemento (e talvolta da contraltare) Iriondo, che si concentra sulle chitarre, o comunque sugli strumenti a corde, svariando dai fuzz grassi che ormai sono il suo marchio di fabbrica, a passaggi più sferraglianti e noise ad altri più puliti e minimali, ricorrendo, quando è il caso, a un po’ di elettronica o agli immancabili 78 giri, altra stilema caratterizzante del nostro. Varia così anche il genere delle canzoni: avant blues in Simone Dulac, noise per Georges Gabory, free in Charles Dullin ma le categorie lasciano il tempo che trovano e il tutto è filtrato da uno spirito weird, sebbene piuttosto elegante: uno dei tanti contrasti di cui vive l’album. Endimione è un disco senza trascendenza, in cui tutto è in primo piano, crudo e brutale, direi quasi carnale, seppur di una carne marcescente, corrotta. Non proprio per tutti i palati, come buona parte della discografia di questi artisti, va forse visto come parte di un disegno più ampio, che è quello della collaborazione fra due spiriti affini che, si spera, avrà anche uno sbocco live. E chissà che, nel proseguio del sodalizio, ?Alos non trovi la voglia di cimentarsi con la melodia: i tempi sembrano maturi.

Sito

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 22 (19/03/15)

Puntata numero ventidue della terza stagione di The Sodapop Fizz: Simon Balestrazzi è ospite di Emiliano: c'è tempo per parlare della…

23 Mar 2015 Podcasts

Read more

She Said What?! - S/T (Marsiglia, 2009)

La genovese Marsiglia del "nostro" Matteo Casari continua nella missione di portare alla luce nuove band locali: una volta pubblicato…

30 Aug 2009 Reviews

Read more

The Star Pillow – 12/11/2016 Olandese Volante (Gazzuolo – MN)

È davvero un caso più unico che raro che qualcosa di veramente interessante passi dalla provincia mantovana, specie per la…

18 Nov 2016 Live

Read more

The Tapes - News From Nowhere (Luce Sia, 2019)

Ancora un insapettato blast from the past per Luce Sia che questa volta fa riemergere dal passato remoto la creatura…

18 Jun 2019 Reviews

Read more

Wolfnuke – Nightwar (Crucial Blaze, 2010)

Il metal-core che piace a noi. Eh, sarà che siamo vecchi, ma le porcherie alla Hatebreed e compagnia, chuggachugga da…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

Black Rainbows - Holy Moon (Heavy Psych Sounds, 2013)

Ancora una volta musica circolare: tanti infiniti vortici che rimpiccioliscono progressivamente senza mai riuscire ad annullarsi. Con i Black Rainbows…

18 Jun 2014 Reviews

Read more

Deison - Magnetic Debris vol.1 & 2 (Dissipatio, 2022)

Il passato che ritorno non è, in genere, una buona cosa: fantasmi, storie che credevamo dimenticate o, quando va bene,…

24 Mar 2022 Reviews

Read more

Larva - 1.0.1 (Cervello Meccanico, 2007)

Puzza di classe Bisani, sarò poco obiettivo, certo, però credo di parlare di uno di quei classici talenti naturali e se…

19 Sep 2007 Reviews

Read more

Burial - Untrue (Hyperdub, 2007)

Riverberi, voci ovattate, ritmi sincopati, linee di basso, Untrue è un disco in cui ogni cosa sembra…

14 Jan 2008 Reviews

Read more

Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Ovo - Miasma (Artoffact, 2020)

Gli Ovo sono una delle realtà più seminali della scena europea degli ultimi vent’anni. Partiti da una visione punk sperimentale…

25 Mar 2020 Reviews

Read more

Adam's Castle - Vices (Tripel Down, 2012)

C'è di buono che la mia curiosità spesso mi porta a conoscere cose un pò strane, difficilmente mi serviranno nella…

06 Sep 2012 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

You Are Here - As When The Fall Leaves Trees…

Ispirato dai suoni di band a mente unica quali M83 e Apparat, il trio romano You Are Here cerca…

27 Mar 2012 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana – Cristalli Sonori (Setola Di Maiale, 2011)

Se per alcune uscite del catalogo della Setola possiamo indubbiamente parlare di jazz, per dischi come quello di Gian Luigi…

10 Oct 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top