Adriano Orrù/Paulo Chagas/Silvia Corda/Mauro Sambo – Palimpsest (Pan Y Rosas, 2014)

Un significato poco conosciuto della parola “palinsesto” (il Palimpsest del titolo) è quello di pagina manoscritta dalla quale  il testo originario è stato cancellato e sostituito con un altro. All’idea di scrittura sovrapposta si rifà Adriano Orrù, proponendo alcune sue linee di basso elettrico a tre colleghi, chiedendo di arricchirle o, viceversa, di spedirgli brani su cui sovrincidere il proprio strumento.
Ne esce un lavoro composto unicamente da duetti, col basso che si accompagna di volta in volta alle percussioni e all’elettronica di Mauro Sambo, al piano di Silvia Corda e agli strumenti a fiato di Paulo Chagas, conferendo al lavoro una certa varietà stilistica, unificata però da un mood sempre piuttosto pacato. Il disco funziona bene sia che si segua la scaletta, che alterna le tracce delle varie coppie, sia che si scelga di ascoltare di fila tutti i contributi di un determinato duo, visto che la varietà di cui si parlava è riscontrabile anche all’interno dei singoli duetti e raramente un ospite usa due volte lo stesso strumento. Nei tre pezzi in compagnia di Sambo, ad esempio, troviamo campane tibetane, gong, marimba e percussioni orientali, che caratterizzano ogni traccia e portano il basso a suonare in modo sempre diverso: Palimpsest è un blues ambientale intessuto di suoni spettrali, Life Of A Duet un brano più classicamente impro, fra brevi fughe e momenti d’intesa, mentre in Scrape Off Orrù duetta con il suo doppio campionato in un brano teso, impreziosito sul finale dalla marimba. Tre anche i pezzi con Silvia Corda che, portando in dote un piano preparato e uno giocattolo, per qualche strana alchimia fa ritrovare al basso una corposità quasi rock, evidente nella pulsante The Rain Tree Under The Rain, uno dei brani più riusciti dell’intero CD. Infine i quattro duetti coi fiati di Chagas – clarinetto basso, sax soprano e flauto – che ci portano in territori prossimi al jazz, dove il basso gioca con la melodia portante stiracchiandosi e contraendosi (Bortadie) o trova l’intesa su coordinate free, dopo aver seguito il flauto in atmosfere orientaleggianti (On Different Shores). Un album decisamente riuscito, che parte da un’idea originale e ben congegnata e la sviluppa in piena libertà, senza risentire dell’eterogeneità della formula con cui è assemblato, ma facendone anzi un punto di forza.
Il disco, oltre che acquistabile in formato fisico, è scaricabile gratuitamente dal sito dell’etichetta.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Paul Beauchamp - Sala B: Intervention (Chew-Z, 2010)

Doppia uscita della Chew-Z in bilico fra la capitale sabauda ed un contesto internazionale, infatti se Tommasini si accompagnava a…

04 Feb 2011 Reviews

Read more

Teho Teardo - 23/02/2014 Santa Maria In Chiavica (Verona)

È sempre un piacere tornare nella suggestiva cornice di Santa Maria In Chiavica ogni qual volta l'associazione Morse organizzi un…

07 Mar 2014 Live

Read more

Thee Oh Sees - Putrifiers II (In The Red, 2012)

Non sapendo da dove cominciare, con i californiani Thee Oh Sees, (da O.C.?), credo non sia male, se ancora non…

25 Oct 2012 Reviews

Read more

Trigger Cut – Buster (Token Records, 2019)

Trigger Cut è la ragione sociale di un nuovo trio “noise rock in your face” tedesco, classicamente chitarra e voce,…

23 May 2019 Reviews

Read more

Chupaconcha - Mmxi Annus Conchae (Tan, 2010)

Non so se nel caso di questo duo parlerei di "fuga dei cervelli", semmai essendo un duo batteria-tromba parlerei di…

23 Apr 2011 Reviews

Read more

Words And Actions – Life Of Farewell (Autoprodotto, 2011)

Se si escludono le produzioni di Larva o di Corpo Parassita era da tempo immemore che non recensivo un gruppo…

03 Nov 2011 Reviews

Read more

Alessandra Novaga - La Chambre Des Jeux Sonores (Setola Di…

Alessandra Novaga suona la chitarra elettrica e questo è il suo esordio da solista, con cinque brani composti per lei…

09 Oct 2014 Reviews

Read more

Danneggiato Delights Novembre 2011

Non mi piace il dubstep. E' il suono della conservazione, una gratificante e consolatoria esaltazione da potenza e superomismo onanistico.…

08 Feb 2011 Articles

Read more

Taub - The Wrong Path (Bearsuit, 2010)

Dietro alla sigla Taub, di cui avevamo già recensito un ottimo lavoro qualche tempo fa, si nascondono Harold Nono e…

13 Sep 2010 Reviews

Read more

Unsolved Problems Of noise - L'Ombra Delle Formiche (Snowdonia/Tesladischi, 2012)

È un esordio, questo degli Unsolved Problems Of Noise, ma non si direbbe. Il terzetto, assetto da moderno jazz battagliero…

18 Feb 2013 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Nicola Ratti - Prontuario Per Giovani Foglie (Megaplomb, 2006)

Con colpevole ritardo recensiamo questo CD di Nicola Ratti. L'impressione è buona ed è rimasta la stessa che avevo avuto…

11 Jun 2007 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Another View (Ticonzero, 2011)

Giusto per diversificare ulteriormente la discografia di Simon Balestrazzi, il musicista parmigiano ritorna con un progetto che avevamo già recensito…

08 Nov 2011 Reviews

Read more

Enrico Conglio & Matteo Uggeri - Open To The Sea…

Prima collaborazione fra Enrico Coniglio e Matteo Uggeri in questo disco che si avvale dei suoni di molti musicisti, del…

26 Sep 2017 Reviews

Read more

Eagle Twin + Atomic Mold – 10/10/2018 Colorificio Kroen (Verona)

A me queste cose commuovono, c’è poco da fare. Vedere uno dei tuoi eroi di gioventù arrivare su un van…

17 Oct 2018 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top