A Flower Kollapsed – Orsago (Shove/Gaffer/Holidays, 2007)

Il “conte” Piacenza a qualche tempo mese da ora, nel mezzo di “cammin di nostra vita” verso il Leonkawallo mi avevo fatto sentire il master di questo cd ed ero rimasto favorevolmente impressionato “immantinente”, passano le settimane e dopo qualche mese il disco si materializza con tanto di ottima grafica che piace “ai ragazzi di oggi noi”.
Le impressioni che mi aveva lasciato quel primo ascolto non sono state per nulla smentite, anzi tanto per mettere subito le carte in tavola, per il sottoscritto questo è uno dei migliori dischi partoriti dal circuito punk/emo/etc. da un po’ di tempo a questa parte. Gli A Flower Kollapsed tradiscono ancora delle forti venature With Love-esche (With Love “mid-term” quelli in cui Vascellari non era ancora “the artist formely known as Nico Vascellari” e del mandato in cui i veneti sperimentavano un po’ meno), però si sentono già delle sensibili differenze e una personalità mica da ridere. Se i Botch erano “evil-math-core”, gli A Flower Kollapsed potrebbero essere “evil-math-emo” (bella definizione del cazzo, lo so). Innanzitutto in Orsago sono stati epurati arpeggi melensi e soluzioni filo-depresse, l’emo masticato su questo pezzo di plastica è “scremo” molto più figlio di gente tipo Reversal Of Man, Orchid e Mohinder o della “San Diego che fu” più che di Still Life e affini (cosa che invece nei With Love prima maniera era ancora molto marcata). Il disco è suonato e suona in modo perfetto, il che è dovuto sia alla perizia tecnica dei nostri “pestonissimi” ragazzuoli sia ad un Giulio Favero (per i più One Dimensional Man, ma per qualcuno anche ex-Geyser) che a sto punto dopo l’ultimo With Love si candida tranquillamente come il miglior fonico per registrare cose del genere (quanto meno qui in I-taglia). Pezzi a chiodo con voce urlata modello crisi isterica, gusto notevole che li salva da suonare nella media ed un “rifforama” (questo l’ho copiata da The Wire) decisamente stiloso e dei pezzi montati con tutte le curve al posto giusto. Il disco purtroppo (o per fortuna) dura molto poco, il tempo sufficiente per far venir voglia di essere riascoltato ed anche la scaletta sfodera due o tre perle notevoli: cambi di tempo, velocità e calci nel culo ma anche il pezzo: “famolo strano” in cui gli A Flower Kollapsed si dilatano e eliminano la batteria (ottima) e si concedono un sassofono che naviga su un loop di basso. Si butteranno (e buttatevi!) tanto come è già successo ai With Love? Riusciranno a “macinare strada” dopo una partenza con uno sprint così deciso? Si limiteranno a bissare le tappe di un percorso che già conoscono?. Al di là delle domande stile fine puntata di Batman e Robin (quello storico con Adam West, ovvio!), resta che stavo quasi per fare “stage-diving” su mia madre, poi mi sono ricordato che sono in fase senile e quindi sono ritornato alle feci incontrollate.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

Walter Leonardi & Paolo Li Volsi - Organizzo Eventi (Pop…

A metà strada tra l'intrattenimento e il caffè chantant troviamo l'esordio discografico di questo duo: perfetto act per crociere,…

05 Dec 2011 Reviews

Read more

Viarosa - Where The Killers Run (Tarnished, 2007)

Scribacchiare di musica è come registrare gruppi. Ti dà la possibilità di provare quello che le scelte che hai fatto…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri/Elio Rosolino Cassarà – Musteri Hinna Föllnu Steina (Neverlab…

Enrico Ruggeri (non quell'Enrico Ruggeri…) suonava negli Hogwash, uno dei tanti gruppi comparsi sull'incredibile serie PO Box 52 della Wallace,…

07 Mar 2013 Reviews

Read more

Colony Open Air Day 2 - Pala Brescia 22-23/07/2017 (Brescia)

Ci vuole un po’ di tempo per recuperare le energie in vista di un secondo giorno che si preannuncia impegnativo…

31 Aug 2017 Live

Read more

Radar Bros - Auditorium (Merge, 2008)

Dopo la mezza delusione di The Fallen Leaf Pages (che era tutt'altro che un disco brutto) torna un invecchiato Jim…

19 Jan 2008 Reviews

Read more

Junkfood – Transience (Parade/Trovarobato, 2011)

Parade è la costola della Trovarobato che si occupa di dare visibilità a musiche che presso l'etichetta madre difficilmente troverebbero…

27 Jul 2011 Reviews

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

Art Of Flying - Though The Light Seem Small (Discobolus,…

A noi di sodapop i fricchettoni piacciono, non quelli finti e poseur naturalmente, ma la coppia formata da David Costanza…

29 May 2010 Reviews

Read more

Casa - Variazioni Gracchus (Dischi Obliqui, 2017)

Nuovo raffinatissimo e difficile lavoro per Filippo Bordignon, ormai ultimo superstite dei Casa, qui ancora una volta proiettati verso una…

10 Apr 2017 Reviews

Read more

Bobby Soul & Blind Bonobos – Live At Meg Mell…

Ancora lui. Sempre lui. Maledettamente gigione, maledettamente educato, simpatico e dotato. Bobby Soul in una perpetua trasformazione di umori, non…

31 May 2013 Reviews

Read more

So.lo – Galvanica (Thingstoburn, 2011)

In Veneto, lo notavo durante le ultime trasferte, gran parte di quelli che girano per concerti suonano. O producono dischi.…

19 Oct 2011 Reviews

Read more

Six Minute War Madness – Full Fathom Six (Wallace/Santeria, 2010)

Solitamente non ci occupiamo di ristampe, ma se vale la pena fare un'eccezione, è per un disco come questo. Grazie…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.5

Arriva la primavera, ma non è tutta rose e fiori. Abilmente occultata tra innocenti melodie e apparentemente inoffensive canzoni pop,…

28 Feb 2010 Podcasts

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top