since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: reich

Marco Scarassatti/Marcelo Bomfin/Nelson Pinton – Sonax (Creative Sources, 2009)

Altro lavoro elettroacustico, che questa volta introduce degli elementi molto interessanti, quanto meno per chi sta scrivendo, infatti Marco Scarassatti e Marcelo Bomfin, fra gli altri strumenti, utilizzano anche sculture sonore come quella ritratta nella copertina del disco. Oltre a ciò in questo lavoro troverete flauti, chitarre preparate, elettronica e altri suoni assortiti: in questo caso

Read more

Alberorovesciato/Donato Epiro – S/T (Sturm Und Drugs, 2010)

Nuovo lavoro per l'etichetta pugliese e nuovo episodio per Donato Epiro, questa volta in combutta con Alberorovesciato per uno split ben pensato e ben elaborato. Credete che sia ancora freak-folk? Sbagliato! Gente come Donato Epiro non è esattamente l'ultima arrivata anche in virtù di un bagaglio fatto di contesti classici, post-rock con i Comfort e gusti maturati attraverso attenti ascolti, in grado di orientarsi come meglio crede variando ampiamente la produzione con cognizione di causa.

Read more

Growing – All The Way (Social Registry, 2008)

Mi ricordo ancora la prima volta che mi hanno imposto l'ascolto del Dream Syndicate con Tony Conrad e La Monte Young. Il fastidioso senso di già sentito, reminescenza di anni di "alza i piedi che passo con l'aspirapolvere" di matrigna memoria, mi allontanò per lungo tempo dalle melme di certe sonorità rumoristico-reiterative. Tuttora preferisco quando certe composizioni vengono ricondotte a valori di riferimento più immediatamente rimasticabili dai miei gangli nervosi, come ritmo o melodia. Non è compito facile impedire alla manina di distruggere, dopo l'eject, il disco in ascolto. …

Read more

Harold Nono – To The River Lounge (Bearsuite, 2007)

A quanto pare questo disco è uscito qualche tempo fa, ma l'etichetta al tempo dell'uscita era sprovvista di soldi e quindi non ha fatto girare molto il lavoro di questo musicista scozzese. Non so se in Scozia abbiano del buon vino e per di più essendo io astemio mi sarebbe comunque indifferente, resta che Harold Nono nel prendere polvere sugli scaffali della Bearsuit records è invecchiato bene.

Read more
Back to top