Maggot/Heifetz – Plays The Music Of Slobodan Kajkut (God, 2013)

Uno split LP in cui due formazioni chitarra-batteria interpretano composizioni di Slobodan Kajkut, dal tono evidentemente minimalista: il suono, nei due lunghi pezzi che compongono il disco, appare un semplice incidente. Col senno di poi, la scarna copertina bianca con le semplici scritte in arial avrebbe dovuto farci intuire qualcosa, ma a conti fatti, in rapporto al poco che si ascolta qui, una grafica così appare comunque quasi barocca.
Dire che Sick Nature, il pezzo dei Maggot, sia minimalismo spinto è dir poco: due pennate di chitarra, doppiate da un leggero colpo di batteria, un secondo di silenzio. Un’altra pennata, accompagnata da un piatto, un altro secondo di nulla. Si va avanti così per sette minuti, poi i tocchi si fanno un po’ più frequenti, senza esagerare, e subito tornano a rarefarsi: falso allarme. Si va avanti nella totale monotonia. Minuto 12, si toccane tonalità più basse: è quasi una botta di vita. A questo punto è chiaro che l’andazzo è questo e nel brano non succederà altro: quando al minuto 19 i due musicisti decidono di dar forma a un lento doom-noise niente male, una versione soft dei Khanate, noi ce ne siamo già andati da un pezzo, vinti dalla noia e da un certo senso d’irritazione. Nel momento in cui parte il pezzo degli Heifetz, City Of Bore (titolo adattissimo…), ci viene da pensare di esserci scordati di girare il disco sul piatto: non è così, ma è come se lo fosse. Sempre silenzi punteggiati da rarissimi tocchi di chitarra e batteria, in un rapporto in cui il vuoto vince sul pieno 10 a 1. Ancora più liofilizzati del loro colleghi, gli Heifetz fanno sembrare gli Starfuckers più scheletrici come un gruppo di rock sinfonico. Il tutto dura quasi mezz’ora, senza apprezzabili variazioni. Non c’è altro da aggiungere: se siete monaci zen in attesa dell’illuminazione potreste apprezzare, si astengano tutti gli altri.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luminance Ratio/Yannis Kyriakides – Split 7” (Fratto9 Under The Sky/Kinky…

Terzo episodio nella serie degli split che i nostri Luminance Ratio hanno deciso di dividere con musicisti stranieri di una…

02 Apr 2015 Reviews

Read more

gRAEFENBERg - Plug (Fratto9 Under The Sky, 2018)

Il rumore è musica? Il suono è musica? Sì, basta che dia delle emozioni, che trascini l'animo e che porti…

12 Mar 2018 Reviews

Read more

Matteo Uggeri: "music for those who want to live in…

Immagino che Hue (al secolo Matteo Uggeri) e gli Sparkle in Grey non risultino proprio una novità per molti nostri…

01 Mar 2007 Interviews

Read more

Magliocchi/Angeloni/Castanon - Trullo Improvisations (Muzakrec, 2009)

Da quel che sento dopo tre dischi che vedono impegnato in prima persona Marcello Magliocchi, un retrogusto da improvvisazione "d'atmosfera"…

09 Sep 2010 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 33 (11/06/15)

Puntata numero trentatre della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo in un episodio dedicato ai loro chitarristi…

14 Jun 2015 Podcasts

Read more

Johnny Grieco - Affanno D’Artista (Snaps, 2009)

Il leader e indiscusso frontman dei Dirty Action torna con un lavoro che fin dalla cover è una dichiarazione…

15 Mar 2010 Reviews

Read more

Fabrizio Modonese Palumbo – Doropea (Old Bycicle, 2015)

Torino difficilmente lascia indifferenti, ma come tutti i luoghi, per essere conosciuto, va vissuto e anche questo può non bastare.…

24 Jul 2015 Reviews

Read more

Ventura - We Recruit (Africantape, 2010)

Africantape continua nel mix di dischi da tutto il mondo in odore di indie/math/post/eccetera pubblicando con un disco degli svizzeri…

13 Jul 2010 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi & TH26 - Arkaeo Planum (SmallVoices, 2006)

Ragazzi miei, mentre Maurizio Bianchi ce la sta mettendo tutta per raggiungere Merzbow per quantità (e qualità) di uscite, ecco…

10 May 2007 Reviews

Read more

Schwingungen 77 Entertainment - Act I: Notes In Freedom (Setola…

Un ascolto lontano da qualsiasi condizionamento o cliché, una sfida a tutto ciò che è banale ("Banality is not harmless:…

30 Oct 2014 Reviews

Read more

Anatrofobia - Brevi Momenti Di Presenza (Wallace, 2007)

"Eppur si muove" diceva quello e a quanto pare gli Anatrofobia di questa frase hanno fatto una ragione di vita,…

14 Aug 2007 Reviews

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Boring Machines, 2007)

Gruppo che annovera qualche membro degli Yellow Capra, ma differente dal progetto madre la musica si trova in tutt'altro emisfero.…

09 Jan 2008 Reviews

Read more

OvO – Crocevia (Load, 2009)

Tornano gli OvO e questa volta la release è 100% "made in Usa" come buona parte delle armi con cui…

10 Jan 2009 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

Balmorhea - Rivers Arms (Western Vinyl, 2008)

Quando la Western Vinyl mi ha contattato per recensire i Balmorhea ero un po' titubante, ho visto che in catalogo…

22 Jan 2008 Reviews

Read more

Palumbo/Tommasini - The Hunting Dog Of Bootes The Hersman (Chew-Z,…

Questo disco è quello che si suol dire una gran bella sorpresa, immagino che qualcuno di voi dirà che era…

18 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top