Function – The Secret Miracle Fountain (Locust, 2006)

Partiamo dicendo che si tratta di un disco di maniera, come d'altro canto anche i Radiohead (e gli va dato merito di non averlo mai nascosto) che pur essendo un buon gruppo, per loro stessa ammissione hanno sempre saccheggiato a destra e a manca (a scando di equivoci a me i Tom York e soci non dispiacciono affatto). Anzi in merito a ciò forse va detto che spesso molto pop, in quanto tale è manierista per esigenza, come ricordava il nostro "simpaticissimo" Morgan dei Bluvertigo in uno di quei giornalini gratuiti che ho letto: "anche i Beatles copiavano!". Direi che moderno o no i Function per loro stessa definizione scrivono canzoni, certo i mezzisono moderni, i suoni idem, ma pop resta ed in questo non c'è nulla di disonorevole. Il disco si digerisce bene, anzi, se masticate indie questo disco è caldamente consigliato visto che l'elettronica, i pezzi e le melodie vengono da lì e sono fatti con gusto e non in maniera pressapochista. In merito alla perizia direi che l'elettronica o l'uso che ne viene fatto in questo pezzo di plastica rinsalda la mia idea che quella a stelle e strisce risulti molto più easy e più luminosa rispetto a quella europea (ovviamente questa è una generalizzazione visto che per un Telefon Tel Aviv c'è sempre un Venetian Snares, ma questo è assodato). A tratti ho quasi avuto l’impressione che se i Cave In invece che "i Radiohead dei poveri virati in salsa '70", dopo i fasti metal di Until Your Heart Stops si fossero buttati a pesce sul pop e sulle chitarre acustiche, i risultati non sarebbero stati poi così lontani (anche se più brutti, almeno a giudicare gli ultimi Cave In). Certo è che nei Function (omonimi di un gruppo che nei Novanta ha stampato uno dei migliori 7" su Revelation) tutto sta perfettamente al suo posto: i tappeti glitchiosi soft, i coretti eterei che non saprei se accreditare ai Belle and Sebastian o ai Beach Boys, i campionamenti, le chitarre, le sovraincisioni, gli arrangiamenti di archi. So che avrei dovuto dire molto più semplicemente che si tratta di "indietronica" allo stato puro, ma non volevo giocarmi subito una carta ovvia, ma questo è e di questo si tratta. Il disco è molto melenso e suona davvero bene infatti da quel punto di vista c'è poco da dire in merito alla fattura di The Secret Miracle Fountain: questi americani sono capaci a fare il loro mestiere. Però non c'è rosa senza spine ed in questo caso stanno nel fatto che il disco finisca per risultare un po' anonimo, se Bexar Bexar pur non aggiungendo nulla al genere fila molto bene, i Function a tratti mancano leggermente di personalità pur dimostrando di essere capaci. L'altra "spina nel fianco del ragazzo" forse sta nel taglio dei pezzi che a parte qualche piccola variazione tende un po' a ripetersi, soprattuto nell’atmosfera del disco che alla lunga finisce un po' per stufare. Se l'indietronica è il vostro pane qui c'è di che mangiare, se invece siete esigenti, non scordate il titolo di un disco che qualche metallaro (non io) di questo sito possiede: Handle With Care!.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

I Rudi - Tre Pezzi Di Routine (Autoprodotto, 2013)

Bieco campanilismo. Questo rischio, parlando dell'ep de I Rudi, trio milanese sfacciatamente dedito - come la sottoscritta - a sonorità retrò (con…

05 Feb 2014 Reviews

Read more

Athletic Automation - A Journey Through Roman’s Empire (Skin Graft,…

Steve Mattos, chitarra, già con Arab On Radar, e Patrick Crump, batteria, formano insieme gli Athletic Automation,…

13 Nov 2007 Reviews

Read more

Fukjo - La Musica, Il Mare E La Deriva Occidentale…

Raffinato shoegaze nineties per questo inaspettato duo pugliese (Cerignola) che seppur dedito ad un cantato italiano nulla ha da invidiare…

02 Mar 2020 Reviews

Read more

Starcontrol - The Ages Of Dreams (Autoprodotto, 2012)

Secondo EP per il trio della provincia nord milanese, cinque tracce che appoggiano su suoni che pescano direttamente negli anni…

17 Jan 2013 Reviews

Read more

Walter Prati, Evan Parker/Lukas Ligeti, Joao Orecchia - Phonometak #9…

Il penultimo capitolo della Phonometak Series ospita le gesta di quattro bei nomi dell'improvvisazione, accoppiati due a due. Walter Prati…

03 Sep 2012 Reviews

Read more

Il buio ai margini di Drive-In: il ritorno degli '80s…

"Siamo arrivati così ai tanto vituperati Eighties, per l'inevitabile "revival" dei quali bisognerà forse attendere il giro di boa del…

07 Aug 2006 Articles

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - The Calendar (Grey Sparkle/Under My Bed/Old…

Arrivo con una stagione di ritardo a parlare del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey che pubblicano un disco a…

06 Nov 2014 Reviews

Read more

Death Mantra For Lazarus - Mu (Grammofono Alla Nitro, 2010)

Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più? Non parliamo ovviamente di Lucio Battisti, il cui ritorno ci inquieterebbe assai, essendo…

16 Jun 2010 Reviews

Read more

Laura Loriga - Vever (Ears&Eye 2022)

Di Laura Loriga avevo un bellissimo ricordo. La Maison Verte, datato 2016, mi sembrava l’unione quasi perfetta tra i tratti…

28 Apr 2022 Reviews

Read more

Rospi In Libertà - 12-21/08/11 Rocca Dei Tempesta (Noale -…

Estate non densissima di concerti questa, almeno per noi. Un po' di vacanze, dai... Certo, qualcosa si è visto, ma…

04 Sep 2011 Live

Read more

Sufjan Stevens - The Age Of Adz (Asthmatic Kitty, 2010)

Quando meno te lo aspetti, in un anno deludente per l'indierock arriva uno dei dischi migliori da anni: è l'ennesima…

29 Oct 2010 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Daniele Santagiuliana – La Cupa (Looney-Tick, 2021)

Fra le tante identità che l’espressività di Daniele Santagiuliana assume o ha assunto (The Anguish, Anatomy, Kotha, Testing Vault, giusto…

20 Dec 2021 Reviews

Read more

Sneers - Tales For Violent Days (LP God Unknown, 2022)

Quinto disco in 9 anni per Maria Greta e Leo, ovvero gli Sneers. Una continuità che non dà adito a cedimenti,…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network - Tutti I Colori Del Silenzio (Wallace/Palustre,…

Trattasi di un live molto ben registrato e per di più corredato di grafica piuttosto carina, se ciò non bastasse…

26 Feb 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top