Deison & Mingle – Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin da subito ha sfornato dischi notevoli e anche questo Tiliaventum non è da meno: ci troviamo immersi in una elettronica ambientale fatta di suoni e atmosfere, a cui hanno collaborato un bel po’ di ospiti. Ma cominciamo dall’inizio: protagonista di Tiliaventum è il fiume Tagliamento (it.wikipedia.org/wiki/Tagliamento), di cui da grande ignorante in geografia non conoscevo nulla; ci ha pensato questo disco ad aiutarmi, soprattutto da un punto di vista emotivo e immaginifico che ai miei tempi non trovai, purtroppo, sui libri di geografia delle scuole. L’approccio è più quello di William Least Heat-Moon (en.wikipedia.org/wiki/William_Least_Heat-Moon) e non ho citato uno scrittore per caso, poiché la vera sorgente (…) di Tiliaventum è Sandra Tonizzo (sandratonizzo.wordpress.com), ideatrice che contribuisce con i testi presenti nel booklet, per nulla secondari rispetto alla musica: le parole trascinano rapidamente il lettore nella dimensione onirica e malinconica che viene poi espansa dalle musiche, con storie, descrizioni, poesie davvero magiche. Altro elemento importante e per nulla secondario è quello delle tante immagini contenute nel bel cofanetto: c’è pure un sassolino, per far sì che si possa anche toccare un microscopico frammento che compone il fiume. Deison e Mingle, oltre a trattare ed elaborare il tutto, si occupano di field recordings e suonano rispettivamente nastri e tastiere negli undici brani del disco, assieme ai contributi di vari altri musicisti: All My Faith Lost…The Haunting Green, Miss Xox, Matteo Dainese, Tony Longheu (Yton) e Lorelei Facile, Alberto Novello (JersterN), Maba (Len), Anna Comand e Giulia Spanghero; nel complesso dal punto di vista più strettamente sonoro ne viene fuori una ambient “concreta” davvero eccellente e di qualità cristallina. La fruizione del materiale sonoro, visivo, testuale e perfino tattile non è dispersiva come si potrebbe pensare, ma ha la dote di portare ad un risultato semplice e coeso nell’esprimere le emozioni legate a questo fiume e alla sua terra, regalando una esperienza davvero notevole e intrigante.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Isterismo + Circuits + Collapsed Toilet Vietnam + Leprosy +…

Nella nostra trasferta downunder non poteva mancare un concerto alla mecca del punk locale: all'Arthouse infatti ha suonato praticamente qualunque…

14 Sep 2010 Live

Read more

Schwingungen 77 Entertainment - Act I: Notes In Freedom (Setola…

Un ascolto lontano da qualsiasi condizionamento o cliché, una sfida a tutto ciò che è banale ("Banality is not harmless:…

30 Oct 2014 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Spasmi da una primavera incombente

I tempi si avviano a diventare disperati ancora più che difficili. Repressione e risentimento la fanno da padroni. Non è…

18 Feb 2011 Articles

Read more

Your Intestines - Untitled (Pink) (Black Petal, 2008)

Quando nel mio negozio preferito di dischi, il mitico Sunshine and Grease a Melbourne, mi sono affidato a Pat (non…

02 Nov 2010 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

Joe Petrosino - Rockammorra (Essonamò Rec, 2009)

Se negli ultimi anni abbiamo un po' patito l'assenza di un nuovo rappresentante della musica partenopea più contaminata, credo…

17 Dec 2009 Reviews

Read more

Ground Unicorn Horn - S/T (Three.One.G, 2007)

Piccoli oggettini e deformazioni fisiche. Ossa inesistenti e problemi di dieta. Temporanei divertissement di annoiati e insofferenti capipopolo. Tutto…

14 Feb 2008 Reviews

Read more

De Curtis + Mic Bombatomica – 09/04/11 Interzona (Verona)

Serata di gala all'Interzona per la presentazione del disco di Mic Bombatomica, idolo locale che accoglie nella sua band alcuni…

06 Apr 2011 Live

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

My Dear Killer – Collectable Items (Boring Machines, 2020)

Non è necessario leggere la dichiarazione all’interno del libretto – “This is My Dear Killer final long record and the…

21 Aug 2020 Reviews

Read more

AVSA – Parallels (Manyfeetsunder/Concrete, 2017)

Sarà che mi riduco sempre ad ascoltare e recensire i dischi a tarda ora, ma ammetto di essere rimasto disorientato…

27 Nov 2017 Reviews

Read more

Frana - Disastersss (Taxi Driver/Santavalvola/Sonatine, 2021)

I milanesi Frana ci sono simpatici. Come se fossimo ancora nel1997 si divertono a coniugare brillantemente i Quicksand, i Bastro…

06 Apr 2021 Reviews

Read more

Pale Sister – Embeddead (Sincope, 2014)

L’oscuro progetto Pale Sister ritorna a far sentire la propria lancinante voce su Sincope, sempre disponibile a fare da cassa…

17 Dec 2014 Reviews

Read more

La Furnasetta/Leather Parisi – Past Present Temple (Industrial Coast, 2019)

Era inevitabile che La Furnasetta e Leather Parisi, dopo essersi incrociati in diverse compilation, finissero per condividere insieme un tratto…

27 Mar 2020 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top