Deison & Mingle – Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin da subito ha sfornato dischi notevoli e anche questo Tiliaventum non è da meno: ci troviamo immersi in una elettronica ambientale fatta di suoni e atmosfere, a cui hanno collaborato un bel po’ di ospiti. Ma cominciamo dall’inizio: protagonista di Tiliaventum è il fiume Tagliamento (it.wikipedia.org/wiki/Tagliamento), di cui da grande ignorante in geografia non conoscevo nulla; ci ha pensato questo disco ad aiutarmi, soprattutto da un punto di vista emotivo e immaginifico che ai miei tempi non trovai, purtroppo, sui libri di geografia delle scuole. L’approccio è più quello di William Least Heat-Moon (en.wikipedia.org/wiki/William_Least_Heat-Moon) e non ho citato uno scrittore per caso, poiché la vera sorgente (…) di Tiliaventum è Sandra Tonizzo (sandratonizzo.wordpress.com), ideatrice che contribuisce con i testi presenti nel booklet, per nulla secondari rispetto alla musica: le parole trascinano rapidamente il lettore nella dimensione onirica e malinconica che viene poi espansa dalle musiche, con storie, descrizioni, poesie davvero magiche. Altro elemento importante e per nulla secondario è quello delle tante immagini contenute nel bel cofanetto: c’è pure un sassolino, per far sì che si possa anche toccare un microscopico frammento che compone il fiume. Deison e Mingle, oltre a trattare ed elaborare il tutto, si occupano di field recordings e suonano rispettivamente nastri e tastiere negli undici brani del disco, assieme ai contributi di vari altri musicisti: All My Faith Lost…The Haunting Green, Miss Xox, Matteo Dainese, Tony Longheu (Yton) e Lorelei Facile, Alberto Novello (JersterN), Maba (Len), Anna Comand e Giulia Spanghero; nel complesso dal punto di vista più strettamente sonoro ne viene fuori una ambient “concreta” davvero eccellente e di qualità cristallina. La fruizione del materiale sonoro, visivo, testuale e perfino tattile non è dispersiva come si potrebbe pensare, ma ha la dote di portare ad un risultato semplice e coeso nell’esprimere le emozioni legate a questo fiume e alla sua terra, regalando una esperienza davvero notevole e intrigante.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bruital Orgasme - S/T (Sincope, 2012)

I Bruital Orgasme sono un duo belga formato dal videoartista Philippe Cavaleri assieme alla moglie Nath con all'attivo una discreta…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

That Fucking Tank – Tanknology (Gringo, 2009)

La formula "duo = ", negli ultimi anni ha spopolato, vuoi per i bassi costi…

12 Oct 2009 Reviews

Read more

Stinking Lizaveta - Sacrifice And Bliss (Monotreme, 2009)

Non che sia una novità assoluta il fatto che la 5 Roses curi la promozione per un gruppo "non strictly"…

31 Jan 2009 Reviews

Read more

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Obelyskkh - White Lightnin' (Exile on Mainstream, 2012)

Super crautissimo doom tossico e polveroso direttamente dalla Germania per questi figli bastardi di Dave Wyndorf e di tutta la…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more

Werner Durand/Victor Meertens - Hornbread (Solar Ipse, 2013)

Il duo formato da Werner Durand e Victor Meertens si esibisce in performance da venti anni e solo quest'anno arriva…

18 Mar 2014 Reviews

Read more

Rara Avis – Mutations/Multicellulars Mutations (dEN, 2013)

Prendete Stefano Ferrian al sax tenore e soprano, Simone Quatrana al piano, Luca Pissavini al contrabbasso e SEC_ ai nastri…

30 Apr 2013 Reviews

Read more

Tanake e le apologie del quotidiano

Il nuovo disco e la continua ricerca dell’ensemble freejazz toscano Come spesso capitava una volta, alcune band le conoscevi dal vivo…

25 Jan 2019 Articles Interviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Loss Of Self - Twelve Minutes (The Flenser, 2013)

Gli australiani Loss Of Self arrivano al primo disco e trovano casa sulla americana The Flenser, etichetta che nel "black…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

Go Down Moses - Welcome Idiots (Produzioni Sante, 2007)

Ho visto i Go Down Moses ad un paio dei loro primissimi concerti (ormai anni fa), e in seguito negli…

04 Feb 2008 Reviews

Read more

Nedry - In A Dim Light (Monotreme, 2012)

Si dice che nel Regno Unito si stia evolvendo una nuova scena musicale tutta dedita a sonorità che, fino a…

12 Apr 2012 Reviews

Read more

Marcilo Agro e il Duo Maravilha - Tra L'Altro (Room…

Momenti di amarcord. Sono cresciuto ascoltando musica prevalentemente cantata in inglese e, tuttora, fatico a relazionarmi all'italiano. Negli anni ci…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

The Star Pillow – Invisible Summer (Midira, 2017)

Mi chiedo come Paolo Monti trovi il tempo per combinare le mille uscite discografiche (proprie e in compagnia, ultima Daimon…

05 May 2017 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top