Bachi Da Pietra – Habemus Baco (Wallace/Tannen/La Tempesta, 2015)

Abbiamo il Baco, e sono già dieci anni, due lustri che Giovanni Succi e Bruno Dorella calpestano la terra, ben lungi dal tornarci, come invece recitava il titolo del disco d’esordio. A celebrare il compleanno ci pensa un 12”, il secondo in poco più di un anno, anche questo tutt’altro che un riempitivo.
Un buon modo per festeggiare una ricorrenza mi è sempre sembrato quello di non indugiare troppo sul passato e fortunatamente è proprio quello che fa Habemus Baco: un’occhiata veloce indietro, i piedi ben piantati nel presente, lo sguardo fieramente avanti; testi e musica portano i segni del tempo passato e a venire, una cosa che avevamo già notato in Festivalbug e che, a maggior ragione, ha senso qui. Il brano eponimo, in apertura, parte con quel blues notturno e torrido che caratterizzava il duo agli esordi, ma ben presto straripa in una tempesta di metallo che il baco covava da tempo nelle proprie fantasie ma alla quale, finora, non aveva mai avuto il coraggio di dar voce in maniera così esplicita. E proprio la voce, che degenera ben presto in un growl bestiale, ci spara in faccia un testo che centrifuga Dante, Orazio, il culto del rock’n’roll e Gesù Cristo, tenendo in equilibrio autobiografismo, autocelebrazione e autoironia. Tutta La Vita è un scheggia di hard rock ruffiano di quello che caratterizzava i brani migliori di Quintale e che a tratti echeggiare i Ritmo Tribale, ma il carico, ben oltre la mezza tonnellata, è il pezzo di chiusura, Amiamo La Guerra: vi farà venire voglia di bruciare tutto quello che vi sta intorno. Un doom industriale, roba mai tentata prima da queste parti, regge un testo del Papini futurista (e interventista) declamato con un piglio che porta evidentemente il segno dell’esperienza di Succi con La Morte; eppure, ad onta di tutto questo, siamo al cospetto di uno dei brani più genuinamente bachici mai incisi dai Bachi Da Pietra, che esalta quel vitalismo irrazionale, crudo e per nulla accomodante che è forse il lato più umano del nostro insetto. Lo avevamo incontrato subito, in Primavera Del Sangue (da Tornare Nella Terra), ma forse ci era sfuggito, era tornato in Lui Verrà (da Tarlo Terzo) ma dai più era stato frainteso; ora è qua e non possiamo ignorarlo, dobbiamo farci i conti. Il tempo c’è, come c’è per ricercare i tanti legami con la storia del baco e del mondo circostante nascosti in questi solchi di vinile bianco. E ci sarà, più avanti, per rileggere quanto qui ascoltato alla luce di quello che verrà. Lunga vita, dunque.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Nembrot/Andrea "Ics" Ferraris - Il Suono Dell'Olifante (Zero Sonico/HYSM?, 2011)

La recensione del disco a otto mani tra il trio partenopeo dei Nembrot e il nostro Andrea Ferraris tratta di…

22 Nov 2011 Reviews

Read more

Above the Tree - Minimal Love (Boring Machines e altre,…

Iniziato un paio di anni fa, il progetto di Matteo Bernacchia alias Above The Tree, intimo fin dal primo ascolto…

06 Oct 2010 Reviews

Read more

Jason Noble Benefit Show – 06/02/10 Interzona (Verona)

Da quando a Jason Noble, polistrumentista in forze a gruppi quali Rodan, Rachel's e Shipping News è stato diagnosticato un…

15 Feb 2010 Live

Read more

Athletic Automation - A Journey Through Roman’s Empire (Skin Graft,…

Steve Mattos, chitarra, già con Arab On Radar, e Patrick Crump, batteria, formano insieme gli Athletic Automation,…

13 Nov 2007 Reviews

Read more

Corpoparassita - Inesorabile (Final Muzik, 2007)

Le mille etichette con cui si elencano, suddividono e catalogano i dischi a volte lascia interdetti, soprattutto nel caso di…

01 Oct 2008 Reviews

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

A Flower Kollapsed - Orsago (Shove/Gaffer/Holidays, 2007)

Il "conte" Piacenza a qualche tempo mese da ora, nel mezzo di "cammin di nostra vita" verso il Leonkawallo mi…

30 Jan 2007 Reviews

Read more

Aucan – Dna EP (Africantape/Ruminace, 2010)

È un laboratorio, questo EP, dove gli Aucan manipolano il proprio codice genetico partendo dal presupposto che "il domani è…

08 Feb 2010 Reviews

Read more

Jesse Krakow - World Without Nachos (Eh?, 2008)

Non so se vi ricordate della Eh?, ad ogni modo si tratta di una costola di quella che un volta…

10 Sep 2009 Reviews

Read more

Giovanni Dal Monte - Anestetico Vol. 1 (Neolitico) & Anestetico…

Il suono, una volta create, prende forme sorprendenti e plasmabili. Non sorprende quindi la scelta di Giovanni Dal Monte di…

28 Jun 2022 Reviews

Read more

Brian Peterson - Burning Fight (Revelation, 2009)

E' un periodo in cui mi rendo sempre più conto di quanto il tempo scorra veloce, il peggio è che…

25 Feb 2010 Reviews

Read more

Kirameki - A Fit Of The Jerks (Bearsuit, 2008)

Cosa chiedete ad un disco? Coerenza? Chiarezza? Intensità? Continuità? Oppure cercate di farvi stupire il più possibile? Sperate sempre, ad…

22 Jan 2009 Reviews

Read more

Weeping The Black - Meanings In Lacrima (Autoprodotto, 2007)

Ancora metal. Ovviamente. Anche perché: "Heavy Metal will never die!" diceva un caro amico metalmeccanico di Spinetta Marengo. E se…

20 Aug 2007 Reviews

Read more

DD Owen - S/T (12XU, 2016)

Nella sezione "miglior rumenta del 2016" ecco che mi sento di caldeggiare Il 19enne Drew Owen, trasferitosi a New Orleans…

02 Aug 2017 Reviews

Read more

Heliogabale - Blood (Les Disques Du Hangar, 2010)

Un gruppo particolare gli Heliogabale, di cui avevo del vecchio materiale ma che era un po' che non sentivo nominare:…

09 Oct 2010 Reviews

Read more

Lēvo – S/T (Zen Hex, 2019)

La nuova uscita su 7” dell’aretina Zen Hex è il battesimo musicale del concittadino Lorenzo Cardeti, unico titolare del progetto…

26 Mar 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top