Bachi Da Pietra – Habemus Baco (Wallace/Tannen/La Tempesta, 2015)

Abbiamo il Baco, e sono già dieci anni, due lustri che Giovanni Succi e Bruno Dorella calpestano la terra, ben lungi dal tornarci, come invece recitava il titolo del disco d’esordio. A celebrare il compleanno ci pensa un 12”, il secondo in poco più di un anno, anche questo tutt’altro che un riempitivo.
Un buon modo per festeggiare una ricorrenza mi è sempre sembrato quello di non indugiare troppo sul passato e fortunatamente è proprio quello che fa Habemus Baco: un’occhiata veloce indietro, i piedi ben piantati nel presente, lo sguardo fieramente avanti; testi e musica portano i segni del tempo passato e a venire, una cosa che avevamo già notato in Festivalbug e che, a maggior ragione, ha senso qui. Il brano eponimo, in apertura, parte con quel blues notturno e torrido che caratterizzava il duo agli esordi, ma ben presto straripa in una tempesta di metallo che il baco covava da tempo nelle proprie fantasie ma alla quale, finora, non aveva mai avuto il coraggio di dar voce in maniera così esplicita. E proprio la voce, che degenera ben presto in un growl bestiale, ci spara in faccia un testo che centrifuga Dante, Orazio, il culto del rock’n’roll e Gesù Cristo, tenendo in equilibrio autobiografismo, autocelebrazione e autoironia. Tutta La Vita è un scheggia di hard rock ruffiano di quello che caratterizzava i brani migliori di Quintale e che a tratti echeggiare i Ritmo Tribale, ma il carico, ben oltre la mezza tonnellata, è il pezzo di chiusura, Amiamo La Guerra: vi farà venire voglia di bruciare tutto quello che vi sta intorno. Un doom industriale, roba mai tentata prima da queste parti, regge un testo del Papini futurista (e interventista) declamato con un piglio che porta evidentemente il segno dell’esperienza di Succi con La Morte; eppure, ad onta di tutto questo, siamo al cospetto di uno dei brani più genuinamente bachici mai incisi dai Bachi Da Pietra, che esalta quel vitalismo irrazionale, crudo e per nulla accomodante che è forse il lato più umano del nostro insetto. Lo avevamo incontrato subito, in Primavera Del Sangue (da Tornare Nella Terra), ma forse ci era sfuggito, era tornato in Lui Verrà (da Tarlo Terzo) ma dai più era stato frainteso; ora è qua e non possiamo ignorarlo, dobbiamo farci i conti. Il tempo c’è, come c’è per ricercare i tanti legami con la storia del baco e del mondo circostante nascosti in questi solchi di vinile bianco. E ci sarà, più avanti, per rileggere quanto qui ascoltato alla luce di quello che verrà. Lunga vita, dunque.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Airportman - Rainy Days (Lizard, 2007)

Ritorna a far uscire dei dischi la Lizard che ha patrocinato delle produzioni interessanti e che rimane l’etichetta che ha stampato…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

White Hex - Heat (Avant!, 2012)

I White Hex sono un duo australiano composto da Tara Green e Jimi Kritzler, per un po' di tempo di…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

RPWL - World Through My Eyes (SPV/InsideOut, 2005)

Pur continuando a turbinare nel girone progressivo scatologico, stavolta, ammetto di esser incappato in qualcosa di interessante ed anche prezioso.…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Echran - In Offret (A Silent Place/MGF, 2010)

Quasi non ci speravo più in questo disco, la data del mastering di Ielasi reca 2007, quindi direi che si…

25 May 2010 Reviews

Read more

Death In June + Fire+Ice + Vurgart – 28/10/11 Carlito’s…

Tour del trentennale, dopo lunga assenza dai palchi, per i Death In June: come non esserci? Sì, anche solo per…

11 Nov 2011 Live

Read more

Khem - Magma 4 (Luce Sia, 2019)

Seppure in eterno ritardo temporale rispetto all' uscita, è doveroso segnalare questo lavoro altamente concettuale: la band, o forse per…

16 Jan 2020 Reviews

Read more

dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS – 4 (Eclectic Polpo, 2012)

E' una grande sorpresa l'ascolto di questo entusiasmante combo portoghese dall'impossibile nome di dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS (si, so cosa significa, qualche anima…

13 Apr 2012 Reviews

Read more

Natural Assembly - Army Of Departure (Avant!, 2012)

Duo londinese completamente immerso nella tradizione della dark wave ottanta questi Natural Assembly, in pieno stile Avant! direi. L'etichetta bolognese…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Paolo Bellipanni - Radiance (Eklero, 2020)

Paolo Bellipanni abbandona la vecchia ragione sociale K’an, con la quale lo avevamo conosciuto ormai sette anni fa, e (ri)esordisce…

14 Jan 2021 Reviews

Read more

Jenny Wilson - Love And Youth (Rabid, 2005)

Vestito color carta da parati sbiadito, scialle della nonna, voce splendidamente stridula e due occhi dolcissimi che ti fulminano.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Porta d'Oro - Libero Pensatore (Sentiero Futuro, 2021)

Ho la certezza di conoscere solo in minima parte l’opera di questo autore. Ho però la sensazione che questo non mi…

30 Jan 2022 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - The Calendar (Grey Sparkle/Under My Bed/Old…

Arrivo con una stagione di ritardo a parlare del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey che pubblicano un disco a…

06 Nov 2014 Reviews

Read more

The Dillinger Escape Plan - One Of Us Is The…

Non è mai facile confrontarsi con un gruppo che una quindicina di anni fa era sulla bocca di tutti per…

19 Dec 2013 Reviews

Read more

Bear Claw - Slow Speed: Deep Owls (Sickroom, 2007)

Ascoltando I Bear Claw come sempre ero ignaro di chi fossero e da dove venissero, perché se leggo i comunicati…

20 Oct 2007 Reviews

Read more

Murmur Mori – 13/08/2017 Centro Visita Val Grande (Buttogno -…

Se qualcosa manca all’ambito della ricerca folklorica italiana – non inferiore per quantità e qualità di studi rispetto alle altre…

04 Sep 2017 Live

Read more

Cronaca Nera - Non Consensual Violence (Luce Sia/Old Europa Cafe',…

Oscuro lavoro di power elettronica senza mezzi termini che in questa incarnazione vede tre illustrissimi dell'area grigia italica: il prolifico…

16 Apr 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top