since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

A Dog To A Rabbit – S/T (Lady Lovely, 2010)

Gli A Dog To A Rabbit, gruppo fiorentino nato nel 2007, sono un gruppo rock. "Che rock?" vi chiederete. "Tutto" è l'unica risposta possibile. Viaggiando a ritroso nel tempo e nello spazio i toscani pescano elementi che poi combinano con buona sapienza e se proprio bisogna trovare una definizione… beh, non può che essere quella di rock sincretico. La formula non è certo originale e anzi il ripescaggio/riproposizione è una delle costanti degli ultimi decenni, anche se qui non è il caso di parlare di manierismo, quanto meno per l'onestà con cui il gruppo si accosta alla materia. Come dicevo, la sintesi è operata con discreta perizia, andando da accenni al D.C. sound a ruffianeria inglese, fino all'hard dei '70 filtrato dall'esperienza del grunge; il tutto dà vita a una musica scarna e movimentata, che gioca con le dinamiche in maniera un po' scontata e nel tentativo di bilanciare le varie fonti di ispirazione, fatica a trovare la giusta incisività, colpa anche di una voce poco a suo agio nei momenti più concitati. Così i pezzi che si ricordano sono quelli che fanno una scelta netta, la meno scontata per un gruppo del genere: le chitarre morbide e strascicate di A Dog To A Rabbit e la leggermente più veloce ma ugualmente melodica Like A Play, col suo ritornello vincente. Canzoni solo apparentemente monotone, che in realtà rivelano una profondità notevole. Non sarebbe un male se il futuro si sviluppasse verso le direttrici del genere.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top