Weasel Walter – Skhiizm (Ugexplode, 2018)

Avvicinarmi a una nuova uscita solista di Weasel Walter mi riporta sempre alla personale atavica esperienza che fu l’ascolto di Systems Emerge From Complete Disorder dei Flying Luttembachers, opera rumorosamente scostante ma dal fascino irresistibile, dove il nostro suonava tutti gli strumenti da solo, un recupero caldamente consigliato per gli amanti dei suoni obliqui senza compromessi. Ora, dopo essere tornato già diverse volte sul luogo del delitto della performance solitaria, da ricordare la sua indimenticabile versione di Bohemian Rapsody dei Queen, esce Skhiizm per la sua Ugexplode, dove suona chitarre, basso, batteria, elettronica e canta.
Copertina black metal dissacrante, foto dello stesso Walter a mezzo busto con calza nera sul volto, giubbotto di pelle e tanto di braccialoni chiodati, per una manciata di pezzi che sono una messa a punto di suono trasversale estremo. Mescolanze di noise, no wave e prog deviato: distorsioni assassine, partiture matematiche impetuose e velocizzazioni hardcore; pezzi che sfruttano al meglio taglienti cambi di tempo, fughe inaspettate, rallentamenti struggenti con tanto di storti assoli killer, feedback sovraesposti e stridenti sottolineature live electronics.
Il sapore che si respira per tutta la durata del disco è decisamente caotico e carico di decibel, pronto a prenderci per mano accompagnandoci verso la catarsi bruta, eppure il tutto è ben pianificato nella ricerca del giusto senso complessivo. Ridefinizioni di noise rock lancinante (Bad Designs Fail), martellamenti per spasmi vocali (Contagious Mass Idiocy), aggressioni hardcore sommerse dal delirio (Assured Self-Sabotage, They’re Even Dumber Than They Look), black metal apocalittico (Blasphemy Clones) e ovviamente now wave luttembachersiana (Turns Out Everything Is Pointless). Finale di frenetica visionarietà affidato alla cover di Hangover Heartattack dei Poison Idea, rifacimento spinto all’estremo sia delle potenzialità sonore che dell’espansione temporale, dove tutti gli ingredienti vengono frullati senza pietà nei venti minuti della traccia monstre The Hangover Heart Attack Variations, e sottolineerei la parola variations. Un ascolto eccitante e che lascia appagati.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 34 (18/06/15)

Puntata numero trentaquattro della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo in un episodio con le ultime novità…

21 Jun 2015 Podcasts

Read more

AA. VV. - Italian Resonances -Dronegazers? (Oak, 2014)

Fare il punto sulla stato dell’elettronica italiana maggiormente orientata alla ricerca non è facile, soprattutto per via delle molte uscite…

09 Jul 2014 Reviews

Read more

Three Trees (Fabio Sacconi/Andrea Bolzoni/Riccardo Marenghi) - S/T (Bunch, 2014)

I tre "alberi" che danno il nome al trio potrebbero forse essere il jazz, l'improvvisazione e la musica contemporanea, dato…

10 Sep 2014 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Pablo Ledesma - Seis Episodios En Busca De Autor…

Enzo Rocco lo avevamo già visto qualche tempo fa in duo con Coxhill e l'impressione era che il chitarrista italiano…

11 Jan 2011 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more

Extra Life – Made Flesh (Africantape, 2010)

Sorprende trovare, in un catalogo così stilisticamente orientato come quello dell'Africantape, il disco di quello che alla fin fine è…

19 Feb 2010 Reviews

Read more

Power – Turned On (In The Red, 2018)

Cercando dentro la pancia della In the Red non si resta quasi mai delusi, una volta inquadrato bene lo spirito…

23 Oct 2018 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Hheva – Drench In The Mist Of Sleep (Diazepam, 2013)

A memoria, non ricordo mi sia mai capitato di recensire una band proveniente dall’isola di Malta e nemmeno mi ero…

04 Mar 2014 Reviews

Read more

Lydia Lunch’s Big Sexy Noise – 18/12/10 Latteria Artigianale Molloy…

Mi ero messo nell'ordine di idee di sottopormi a una lunga fila a cinque gradi sotto zero per assistere al…

04 Jan 2011 Live

Read more

37500 Yens - Astero (Distile, 2007)

Mi scuso per la banalità e per la noia che provoco nel continuare a ripeterlo, se rock dev'essere e proprio "post rock"…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

Pietro Riparbelli - Vacuum (Dirter Promotions, 2015)

Pietro Riparbelli torna con un disco solista a suo nome, facendo tesoro delle pubblicazioni in duo a nome Zone Démersale…

13 Jan 2016 Reviews

Read more

Bored Spies - Summer 720/Gerbils E (Damnably, 2013)

Ebbene sì, diciamolo: per alcuni come il sottoscritto il ritorno di Sooyoung Park (ex Seam, Bitch Magnet, EE, Team Xiaoping)…

10 Jun 2013 Reviews

Read more

Putiferio: no fun no core no mosh no trend!

In un mondo ideale non dovrebbe essere necessario spiegare chi sono i Putiferio. In un mondo ideale chi scrive, inoltre,…

05 Jul 2010 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top