Makhno – Leaking Words (Neon Paralleli/Wallace/Brigadsico e altre, 2018)

Non era necessario arrivare al terzo disco per capire che Makhno è una delle esperienze più autenticamente hardcore che potete trovare sul suolo nazionale e forse anche oltre: lo è – al di là del suono, comunque scarno, distorto, spigoloso – per il rigore che caratterizza il progetto, per lo spirito profondamente politico, per l’attitudine spartana e DIY che porta Paolo Cantù a fare quasi tutto da sé, con solo pochi amici fidati a spalleggiarlo. Ripensando ai tempi in cui, coi suoi Six Minute War Madness all’esordio, bazzicava l’ambiente Blu Bus, mi tornano in mente i gruppi di quel giro – Panico e Detriti su tutti – che seppero evolvere il suono delle origini abbandonando le traiettorie di un hardcore/punk ormai codificato verso una forma che si facesse essa stessa contenuto: libera, aperta, continuamente spiazzante. È quello spirito, in nuovi abiti, che ritroviamo in Leaking Words, un disco che mette la forma aperta del precedente The Third Season in comunicazione con le strutture più orientate alla canzone dell’album d’esordio; la fusione riesce splendidamente anche se il risultato, potete immaginarlo, non è dei più accomodanti. La Ragazza In Coma, che fa gli onori di casa col suo testo crudissimo, scritto e declamato come in trance da Federico Ciappini su una base di chitarra trapanante e battiti martellanti, è un pugno nello stomaco come raramente se ne ricevono da una canzone. Ci riprendiamo un po’ con la poesia ruvida di Techno (Berlino In Sottofondo), poi l’album viaggia all’insegna della varietà, con lo stile personalissimo di Makhno a fare da collante: c’è l’impro-blues sbilenco di Slowing Down, il jazz che diventa mantra sabbathiano sul finale di Sunday Clouds (HYSM? alla voce), il noise ipnotico di Attese, il rumore squadrato di Not In Your Shoes che ruba il ritornello ai Minor Threat di Sob Story (l’hardcore, si diceva…). Ancora una volta – lo avevamo già notato nelle opere precedenti – i brani partono incerti, lasciando aperte possibilità che solo attraverso  il dialogo fra gli strumenti si disciplinano in una forma definita ma mai statica, che regge le parole, curatissime. Non c’è tuttavia aria di ripetizione: quella di Makhno non è una formula ma la chiara manifestazione della volontà di mettere continuamente in discussione ogni elemento, senza preconcetti o gerarchie. In questo, nella forma che coincide con la sostanza, Leaking Words si rivela molto più che un album di grandi canzoni.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Raising Fear - Mythos (Dragonheart/SPV, 2005)

La nuova promessa del power metal! segnalano le prime note biografiche di questa scoppiettante formazione nostrana. Sound tedesco postbellico (Helloween,…

15 Aug 2006 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2012)

Il lato oscuro di Tahiti su Boring Machines: non musica da spiaggia o surf rock come lo intendiamo noi, al…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

Sneers - Tales For Violent Days (LP God Unknown, 2022)

Quinto disco in 9 anni per Maria Greta e Leo, ovvero gli Sneers. Una continuità che non dà adito a cedimenti,…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Vincenzo Ramaglia - Formaldeide (Autoprodotto, 2007)

A volte mi stupisco del potere del caos mediatico, della scarsa attenzione che viene prestata a certi generi e della…

29 Apr 2008 Reviews

Read more

Orthodox – Sentencia (Alone/Southern Lord, 2009)

Non credo l'ufficio turistico dell'Andalusia si servirà mai degli Orthodox per pubblicizzare le bellezze della Costa de la Luz; d'altronde…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Oracle – Going Up The River (Cynic Lab, 2009)

La carta dell'ironizzare sull'assetto strumentale basso-tastiere-batteria che fa tanto pèncfènc l'ho giocata nella recensione del party di compleanno del Megawolf, sono…

03 Mar 2010 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Sara Lunden & Andrey Kiritchenko - There Was No End…

Non so quanto spazio venga dato sulle riviste italiane ad Andrey Kiritchenko, ma per quel poco che posso fare vi consiglio…

11 Jan 2008 Reviews

Read more

The Orange Man Theory - Giants, Demons And Flocks Of…

Indefessa e decisa la band romana The Orange Man Theory continua il proprio percorso interrotto con il precedente lavoro muovendosi…

07 Jan 2014 Reviews

Read more

Oscenità Sulla Luna – 21/07/12 Spazio 4 (Piacenza)

Incubo di una notte di mezza estate. L'ultima cosa che ci saremmo aspettati di vedere e sentire è una carrellata…

27 Jul 2012 Live

Read more

Mingle & The Land Of The Snow -Vuoto/Leere (Luce Sia,…

C’è in rete un video di Giovanni Lindo Ferretti girato sulle sue montagne, pochi secondi di ripresa e una breve…

20 Jan 2017 Reviews

Read more

Omosumo - Ep (Auprodotto, 2008)

Ancora Sicilia, ancora promesse, ancora cose da dire. Potremmo quasi definirla una seconda ondata, considerando come prima quello fiorita…

17 May 2009 Reviews

Read more

Planet Brain - Forecasts EP (Function, 2011)

Dopo l'album d'esordio nel 2007 e uno split coi londinesi Lebatol due anni fa, l'etichetta inglese Function Record pubblica il…

11 Jan 2012 Reviews

Read more

Three Steps To The Ocean – Unitl Today Becomes Yesterday…

Da Milano alla conquista del mondo. Di quello del post-core, almeno. All'album d'esordio, dopo un EP stampato anche negli USA…

25 Jun 2010 Reviews

Read more

Henrik Munkeby Norstebo/Daniel Lercher - TH_X (Chmafu Nocords, 2014)

Cinque brani per trombone ed elettronica: descritto così brevemente questo TH_X di Henrik Munkeby Norstebo e Daniel Lercher può fare…

20 Jun 2014 Reviews

Read more

Sebastiano Meloni/Adriano Orrù/Tony Oxley - Improvised Pieces For Trio (Big…

Nella mole di cd che riceviamo e che escono, purtroppo ho accumulato un po' di ritardo nel recensire questo lavoro…

30 Sep 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top