Vittorio Cane – ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane (all'anagrafe Claudio Cosimato) che è – bestemmia – the new Bugo in town?
Pensateci. La mia risposta è un incurante "importa sega". No, non datemi dello stronzo prima del tempo. Lo potrete fare, ma almeno aspettate che abbia esposto le mie vaccate. Questo è un tipico e paradigmatico esempio di cantautorato slacker: stonature, chitarre dissonanti, melodie sghembe, testi minimal-intimisti-stradaioli a identificazione rapida per chiunque non appartenga alla tribù del Blasco o del Festivalbar (anche se, a essere maligni, un Cane ben prodotto e ripulito, potrebbe anche non sfigurare nella prossima edizione del festival estivo in questione). La voce è pesantemente accentata, la chitarra si trascina a pizzichi e smozzichi, i pezzi sembrano un unico e perenne (quanto durano???) inno al lamento del giovane di periferia sensibile e un po' sballato.
Bene. Do you like this? Io non ci impazisco. Anzi.
Se poi ci aggiungiamo anche le frazioni electro scratch che fanno un po' Subsonica
mi metto le mani sulla testa e fatico a continuare l'ascolto. Per un momento mi chiedo se non sono semplicemente prigioniero del pregiudizio che mi porta a un'equazione tipo: [cantautore minimal x Torino] + [sprazzi elettronici + dance] = orchite. E poi mi rispondo: NO. Qui non c'è il Rock. Nè nei testi, nè – tantomeno – nella musica.
Questo disco non mi piace e nemmeno mi diverte come il vecchio Bugo (che – diciamolo – rompe i coglioni dopo poco, comunque). Però una cosa me l'ha provocata, 'sto cd: mi ha fatto venire voglia di ascoltarmi i dischi di Enzo Maolucci. Stessa città, qualche anno prima… ma vabbè.
Detto fra noi… non mi stupirei se il buon Cane diventasse un fenomeno di culto per le masse di gggiovani un po' alterna. Glielo auguro, perchè deve essere uno piuttosto verace.
Ma verace lo sono anche io e dico: no bbbuono.

www.vittoriocane.it

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Zac Nelson – Domain Of Pure Speculation (Second Family, 2011)

Torna su queste pagine una produzione della parmigiana Second Family Records, che stavolta è volata fino a Portland per pescare,…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

2010 - il disorientamento fagocita il mondo

2010, e il disorientamento fagocita il mondo. Tanto vale sguazzarci dentro. Cosa ho ascoltato quest'anno? Che cosa ho ascoltato più…

08 Nov 2010 Articles

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Strength - Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Van Cleef Continental – Red Sister (Casa Molloy, 2009)

I Van Cleef Continental si inseriscono in quel solco di rock classico tracciato dai vari Gun Club, Thin White Rope,…

14 May 2010 Reviews

Read more

Xabier Iriondo – Irrintzi (Brigadisco/Wallace/Phonometak/Santeria e altre, 2012)

Il primo album solista di una delle figure più presenti, in molteplici vesti, nel giro indipendente italiano è certamente un…

03 Oct 2012 Reviews

Read more

Unknown Mortal Orchestra - II (Jagjaguwar, 2013)

Galeotto fu un tranquillo giovedì sera di chiacchere nel pub di fiducia, saltano fuori nomi di possibili futuri live che…

06 Mar 2013 Reviews

Read more

Six Organs Of Admittance - Ascent (Drag City, 2012)

Avevamo già scritto di Ben Chasny, mente dei prolifici (anche troppo dalla quantità di album in uscita: 13, disco…

18 Sep 2012 Reviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

Corpoparassita - Inesorabile (Final Muzik, 2007)

Le mille etichette con cui si elencano, suddividono e catalogano i dischi a volte lascia interdetti, soprattutto nel caso di…

01 Oct 2008 Reviews

Read more

My Dear Killer – Collectable Items (Boring Machines, 2020)

Non è necessario leggere la dichiarazione all’interno del libretto – “This is My Dear Killer final long record and the…

21 Aug 2020 Reviews

Read more

Tapso II - S/T (Tapso, 2009)

Clamoroso al Cibali: anche la scena indipendente italiana si fonda su hype e mode che poco hanno a…

21 May 2009 Reviews

Read more

The Bitter Tears - Jam Tarts In The Jakehouse (Carrot…

Chicago, si sa, è considerata da almeno vent'anni a questa parte come una vera e propria Mecca di un certo…

23 Sep 2009 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top