Umanzuki – Sonic Birds (Brigadisco/Fromscratch/Eclectic Polpo/Ambient Noise Session/Hysm?/Toten Schwan/Charity Press/ZAMZAM, 2012)

Sarò prevenuto io (non che me ne dispiaccia troppo), ma in questo particolare periodo storico il solo sentir parlare di Jazz-core mi fa mettere mano alla fondina così come, in tempi passati, era stato per il math core e per i gruppi basso e batteria, piaga quest’ultima che ancora fatichiamo a estirpare (Il Teatrino Degli Errori semper docet). L’esitazione che salva gli Umanzuki è dovuta al non vedere nel loro organico alcun sassofono: il successivo ascolto dell’EP vale loro la salvezza.
La realtà è che il terzetto (chitarra, basso, batteria) rischia scioccamente la vita, perché nella seconda parte del comunicato stampa, dopo l’iniziale sparata “Umanzuki è una giovane band toscana che suona jazz-core punk” si corregge il tiro e infatti del suddetto genere in questi sei pezzi non c’è taccia, spicca anzi la scrittura misurata e l’intelligente interazione fra forma canzone e spirito free. Se di jazz si vuole parlare va inteso quello più di confine, ma ancor più esattamente va considerato come spirito che anima canzoni che non si pongono limiti di genere: abbiamo così la psichedelia mesmerizzata dai riverberi di Sonic Birds, o il funk disturbato di Amazing Sun, che incupisce sul finale o le durezze di Captain Orso, mitigate da una sensibilità mediterranea che, insieme al gran lavoro percussivo, è l’elemento di coesione fra tutti i brani. Felice anche l’uso delle voci, presenti in metà dei pezzi: suadenti cantilene mai sopra le righe, contribuiscono a dare alle composizione quel tono di calda psichedelia che le rende così particolari. Va di moda vantare credenziali kraut; qui, se proprio bisogna citare dei padri nobili, penserei al giro prog napoletano degli Alan Sorrenti e Toni Esposito, quello slegato dagli schemi e dalle pomposità del genere, ma con radici profonde e respiro internazionale. La strada intrapresa dagli Umanzuki è buona e ha già dato i primi frutti, ma l’impressione è che le potenzialità siano ancora maggiori.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Andrea Rottin - Songs About Nightmares (Madcap Collective, 2008)

La Madcap continua imperturbabilmente nel suo percorso all'insegna del folk, per dirla tutta: dell'indie-folk. Anche questo disco firmato Andrea Rottin…

27 Jan 2008 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Musica Per Bambini - Dio Contro Il Diavolo (Trovarobato, 2008)

Benchè con clamoroso ritardo, finalmente mi accingo a recensire quello che, ancora ad oggi, resta l'ultima fatica del piacentino…

26 Jul 2010 Reviews

Read more

Movie Star Junkies - Son Of The Dust (Outside Inside,…

Mi piacerebbe parlare di questo nuovo recentissimo album dei Movie Star Junkies, fuori per Outside Inside Records esclusivamente in formato…

18 Apr 2012 Reviews

Read more

Extra - F R Double E (Commune, 2006)

Già membro negli anni novanta dei Drill Team, band alt rock, il californiano J. Mills si diverte con questo progetto…

20 Dec 2007 Reviews

Read more

Prehistoric Pigs - Wormhole Generator (Moonlight, 2012)

Ferroso e macilento sludge nostrano che a passo incartato e moribondo procede per tutta la durata di questo esordio. Ogni…

25 Feb 2013 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Lebenswelt - Metaphysics Of Entropy (Under My Bed, 2019)

C’è stato un tempo in cui “indie” non era una parolaccia che evoca canzonette inutilmente sghembe e cantanti fintamente arguti…

02 Apr 2019 Reviews

Read more

Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown" non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile…

04 Jan 2021 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana – La Cupa (Looney-Tick, 2021)

Fra le tante identità che l’espressività di Daniele Santagiuliana assume o ha assunto (The Anguish, Anatomy, Kotha, Testing Vault, giusto…

20 Dec 2021 Reviews

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Boring Machines, 2007)

Gruppo che annovera qualche membro degli Yellow Capra, ma differente dal progetto madre la musica si trova in tutt'altro emisfero.…

09 Jan 2008 Reviews

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Luciano Caruso/Luigi Vitale - Tripterygion (Aut, 2011)

Seconda uscita per la Aut, dopo l'esordio Kongrosian/Sabatin con il secondo disco mi sembra evidente che l'etichetta sottolinei come si…

26 Mar 2011 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - La Stanza Di Swedenborg (Eibon, 2006)

Uno dei gruppi genovesi più "chiaccherati" del momento? Non saprei, non abitando neppure nella Superba dura valutarne la fama in…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Caligine - I 3” (Monstre Par Exces, 2008)

Meglio tardi che mai, ed effettivamente ci ho impiegato un po’ di tempo a recensire questo 3” dei Caligine, sia…

30 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top