the Dining Rooms – Turn to see me (LP Schema, 2022)

Qualche stolto avrà sicuramente provato a dirvi che, considerando che l’abito non fa il monaco, la copertina non fa il disco.
La mia posizione considera la linea grafica come parte integrante di un lavoro musicale, così come la scelta di materiali. Tutto questo per dire che, così come per il precedente e bellissimo Art Is A Cat, la mano scelta è quella di Pierluigi Longo, illustratore elegante e deciso, che decora di vibrante bellezza la doppia copertina con la nuca di una donna e di un uomo. Forse in cerca l’una dell’altro?
Potrebbero essere gli ospiti del primo brano, Bonjour, Julie Normal e Bob Junior padroni delle voci che semplicemente apparendo in francese scatenano un immaginario punteggiato da incontri rubati, sussurri ed aliti, sostenuto una ballata d’ambiente ibrido, carica di spleen e di stile, con spruzzate jazzy e lounge. C’è un forte taglio cinematografico nei brani, il vissuto, l’esperienza ed il mestiere di Cesare Malfatti e Stefano Ghittoni si sente eccome, piccoli picchi di tensione ed aria. Attivi dal 1997, ormai al nono album, esperienze personali come Weimar Gesang, La Crus, Peter Sellers and the Hollywood Party, Tiresia, solo per citarne qualcuno. Con Desire i due rincontrano Tropicantesimo, così come sul disco precedente con Lola Cola qui con Egeeno e la tromba di Gianni Sansone. Sono mondi che si incontrano, Milano e Roma, sotto palmizi carichi di umidità e di groove. Il ritmo rimane sottotraccia, sibilando talvolta, in antri library come in Gli Inglese E Gli Americani (del resto Ghittoni è parte di Intervallo Records, che di simili sbocchi ne ha a solchi) o rilassandosi in crema come in Energy And Love, cantata dallo stesso Stefano, quasi un ralenty al crepuscolo per un momento di pathos pacificato e sorprendente. C’è del jazz, senza paura e senza passatismo, ma una conoscenza del classico e del mood  da spalle larghe. Fossero di Bristol o di Berlino probabilmente avrebbero viaggiato su altre strade, ma di sicuro non avremmo mai avuto l’occasione di sentirli così vicini e trasversali, freschi nonostante gli anni di corsa nelle sale da pranzo. prendiamo What’s Your Path Man, la giusta dose di polvere su strumentazioni old school, Jonathan Clancy che appare su registri impensabili, Maurizio Marsico al piano, socchiudete gli occhi, pensate a Guru in un angolo a schioccare le dita e saremmo in Jazzmatazz, totale. Siamo quasi in chiusura, con Water And Sea c’è un altro strumentale vibrante e nervoso di schiuma, per poi trasferirci a sud, prima Pronuncia Di Levante e per chiudere un Notturno Cileno, Gianpiero Kesten alla voce, suoni a gocce e beats e piano e cinghie…
Che gli vuoi dire? Stile a pacchi, bellezza a profusione, l’ennesima dimostrazione di due musicisti e produttori di personalità tale da essere sempre nuovi e comunque classici.
Un paio di bicchieri ancora e giralo ancora…

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Johnny Mox – We = Trouble (Musica Per Organi Caldi,…

Non assomiglia a nulla della roba che si sente in giro, il nuovo disco di Johnny Mox, che sembra affondare…

21 May 2012 Reviews

Read more

Herba Mate - The Jellyfish Is Dead And The Hurricane…

La grafica e le note biografiche mi facevano ben sperare per questi Herba Mate. Le radici emiliane accompagnate da un…

28 Oct 2010 Reviews

Read more

Cannibal Movie - Mondo Music (Yerevan Tapes, 2012)

Dopo l'acclamato Avorio in cui venivano tirati in ballo, in modo molto azzeccato, addirittura gli Oneida di Rated O (anche…

15 Jan 2013 Reviews

Read more

Masoko - Bubu'7te (Snowdonia, 2006)

Se non avessi dei chiari preconcetti sui rigidi preconcetti dei signori padroni di Snowdonia, svilirei l'annessione dei Masoko nei propri…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Almeno Sei Metri Da Terra - S/T (Lanterna Pirata, Taxi…

Furioso screamo senza fiato nella migliore tradizione italica (Storm(o), La Quiete) per questa band genovese di esordienti. Nove pezzi da…

06 Apr 2020 Reviews

Read more

[mumble]³ - S/T (Autoprodotto, 2010)

Mumble Mumble Mumble (così si legge il nome ³ ) arrivano in tandem da Torino, ancora una volta basso/batteria…

26 Aug 2010 Reviews

Read more

The Land Of The Snow - Paths Of Chaos (Taxi…

Proseguendo nel filone one-man-project, la genovese Taxi Driver, dopo Petrolio, propone questa invernale scalata in vetta carica di riverberi doom…

07 Jul 2017 Reviews

Read more

Weight & Treble - Riddims 2010-2014 (CD Love Boat,…

Riddims, ritmi prodotti da Massimo Carozzi e Manuele Giannini, teste e dita pulsanti di alcuni fra i progetti più intriganti…

05 Jun 2022 Reviews

Read more

Tank of Danzig - Not Trendy (Music à la Coque,…

Grazie alla label barese Music à la Coque, dal dimenticatoio delle band underground anni '80 si fa notare la…

20 Feb 2014 Reviews

Read more

Night Sins - New Grave (Avant!, 2012)

Una delle primissime musicassette che acquistai, attratto dalla copertina (che, rivista ora, fa orrore...provare per credere) e con la casualità…

21 Dec 2012 Reviews

Read more

Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing In…

Cosa si potrà dire di un EP di circa 9 minuti? Nulla, se non che è il seguito di altre…

17 Oct 2021 Reviews

Read more

Duozero - Esperanto (Small Voices, 2006)

Strano il potere dell’autosuggestione: forse quanto sto per scrivere è dettato dal fatto che per una stramba associazione leggere che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

JK Flesh – Posthuman (3by3, 2012)

È bello ogni tanto ritrovare certezze che non siano le solite, inutile reunion di gruppi zombie, più o meno in…

20 Sep 2012 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2012)

Il lato oscuro di Tahiti su Boring Machines: non musica da spiaggia o surf rock come lo intendiamo noi, al…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

Mattia Coletti - Pantagruele (Wallace/Towntone, 2009)

Era da un po' che non sentivamo parlare di Mattia Coletti, o forse ero solo io che non ne sapevo…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top