The Carribean – Discontinued Perfume (Hometapes, 2011)

E' rimasto tanto ad aspettare sulla mia scrivania questo disco. Mi ha un pò spiazzato perchè lo trovavo poco inquadrabile. Non che tutto debba esserlo, ma l'ho ascoltato più e più volte, dando ogni volta giudizi di gradimento differenti. Oggi ho deciso di parlarne perchè ho finalmente deciso che Discontinued Perfume mi piace. Molto. Carribean è un progetto nato nel 1999 dalle ceneri di due indie-rock bands di Washington DC (ma ci sarà qualcosa di speciale nell'acqua o nell'aria da quelle parti? che dite?) e che ha all'attivo una discografia di tutto rispetto. Un trio di signori, non più giovanissimi, che ha partorito un album piuttosto eclettico, pur rimanendo legato a un genere che non si discosta tanto dal cantautorato e dal lo-fi indie-pendente.  Il primo e più bucolico David BowieMr. Let's Find Out o Outskirts -, un Nick Drake di buon umore – Lands And Grooves -, ballate dense per musica e testi quasi in stile John LennonThank You For Talking To Me About Israel – e voglio rovinarmi ostentando anche un parallelismo con (quel gran gruppo che erano) i Broadcast Collapsitarians – rievocati con suoni cristallini e leggeri giochi di feedback a condimento di una voce eterea. Michael Kentoff, chitarra e voce dei Carribean, è sposato, ogni mattina prende la macchina e va a lavorare, ha dei gatti, panni da piegare, conduce una vita mediamente normale e concreta insomma e la descrive in Discontinued Perfume parlando del suo sentirsi Artist In Exile e dell'area grigia che tutti, a fasi alterne o di continuo, vivono: "Just breathe and try to relax, we're all alone" si sente cantare tra racconti di case e giardini che nascondono il lavoro di musicisti nascosti nel seminterrato. "Like living, we're not easy" dicono di loro i Carribean e il divertente sta proprio qui, nel decifrarli con calma; giusto per dire, il Washington Post – che, diciamolo, fa bello citare, no? – li ha definiti "La band che non ha fretta", trovo che poco altro possa calzare così alla perfezione: le canzoni sono leggere e sottili, ma di grande potenza. La goccia che scava la roccia, un "pop d'elite" (contraddizione grossa… ma direi di assoluta verità) dalla parvenza innocua che ha la potenzialità delicata ma inesorabile di entrarti in testa e uscirne a fatica. Pacatamente e incisivamente.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Ladybug Transistor - Can't Wait One Minute More (Mondo…

Se solo fossi un giornalista (cosa che per fortuna non sono) alzerei il culo per andare a vedere se si…

17 Dec 2007 Reviews

Read more

Papiro - Automare (Muscut, 2017)

Marco Papiro arriva al settimo disco e si accasa presso la ucraina Muscat con questo Automare che continua la sua ricerca…

27 Mar 2018 Reviews

Read more

Aucan + Cheap Orchestra - 27/03/10 Interzona (Verona)

Non è molto che abbiamo avuto occasione di parlare degli Aucan dal vivo: circa otto mesi, solitamente insufficienti a registrare cambiamenti…

28 Mar 2010 Live

Read more

Last Minute To Jaffna - Volume I (Concubine/Swarm Of Nails/Hypershape/Consouling…

Avevamo incontrato i cinque torinesi (recentemente ridottisi a quartetto) sulla compilation Clouds From The Earth, segnalandoli nel gruppo dei migliori;…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Hobocombo – 25/02/11 Il Dito e la Luna (Coccaglio -…

Il vento che scende dalla Valcamonica taglia la faccia stasera a due passi dal monastero di Rovato, ma a fine…

21 Feb 2011 Live

Read more

Putiferio – Lov Lov Lov (MacinaDischi/Robot Radio, 2012)

Putiferio non ha mai avuto vita facile. Ai tempi della nostra intervista (vai a leggerla qui) reduci dall'abbandono di Giulio…

11 Sep 2012 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

Tongs - Jazz With The Megaphone? (Long Song, 2009)

Disco che suona parecchio intrigante alle mie orecchie questo Jazz With The Megaphone?, frutto della collaborazione tra Luca Serrapiglio, Antonio…

02 Feb 2010 Reviews

Read more

Obelyskkh - White Lightnin' (Exile on Mainstream, 2012)

Super crautissimo doom tossico e polveroso direttamente dalla Germania per questi figli bastardi di Dave Wyndorf e di tutta la…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

The Mighties - Augustus (We’re Fruit Records/Sob! Records, 2019)

Scoppiettante garage 'n' roll per questi decani perugini, iperattivi dal vivo, ma con un tiro di tutto riguardo anche in…

11 Jun 2019 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti Ramon Moro - I Cormorani O.S.T. …

Interessantissima colonna sonora per un film che, indubbiamente per storia e location, non sarà facile scovare nei cinema, ma che…

27 Jan 2017 Reviews

Read more

Houstones - S/T (Old Bicycle/Soppressa, 2016)

Audiotape azzurro, serigrafato e numerato con inserto interno.  Rock ad ampio respiro, incastonato in una costellazione tra Seattle, Steve Wynn…

19 Oct 2016 Reviews

Read more

Nero And The Doggs - Death Blues (Rocketman, 2013)

Probabilmente è vero che di musica non capisco un emerito cazzo. Ma allo stesso tempo credo che non serva un…

11 Dec 2013 Reviews

Read more

Quasi per caso... in Islanda

Lassù è un po' come trovarsi ai confini del mondo: te ne accorgi dal paesaggio, lo senti dal vento artico,…

27 Sep 2006 Articles

Read more

Candor Chasma - Rings (Old Europa Cafe, 2012)

Purtroppo credo che sia una delle prime, se non la prima uscita dell'Old Europa Cafe che viene recensita su questa…

10 May 2012 Reviews

Read more

Smallgang - Trespasses (Damnably, 2011)

"Una delle band live più interessanti del panorama londinese!"...Non male direi come presentazione. Ma si sa che i comunicati stampa…

14 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top