Gianluca Becuzzi – Deeper (CD Luce Sia, 2022)

Deeper è la terza parte di una trilogia iniziata nel 2017 e comprendente i lavori RedruM e TheenD, in questo caso giostrata senza la collaborazione del sodale Massimo Olla.
Negli anni si è iniziato con le Murder Ballads, poi si è passati da Nico, fino ad un parterre de rois che vede coinvolti, uno in fila all’altro: Brian Eno e David Bowie, Coil, Kraftwerk, Einstürzende Neubauten, Faust’O/Deat in June, Talking Heads, Elvis Presley/John Cale, The Stooges. Nomi da farsi tremare le gambe, fate conto che in questa selezione troviamo due brani fra i preferiti di sempre del sottoscritto (Funerale a Praga e We Will Fall). Ma, mutatis mutandis, Gianluca, che è musicista d’esperienza, svela forse di più di se stesso attraverso queste canzoni che rispetto e buon gusto. Innanzitutto la sua voce, lirica, chiara, accorata. Poi l’acqua, che ritorna e rientra, uscendo dai canali e dando alle rappresentazioni un aspetto ancor più tetro. Di album di cover ne è pieno il mondo, di begli album di cover ognuno può averne al massimo 5. Io ci metto i Walkabouts, i Ramones, i Death in Rome, i Fleshtones e Gianluca Becuzzi. È un gioco, certo, ma se domani qualcuno mi prendesse in ostaggio e mi chiedesse, bava alla bocca: “Dimmi quali sono i tuoi cinque album di cover preferiti, dannato svizzero!” beh, su Gianluca ci conto. Non manca nulla a questo disco, c’ê buon gusto, stile, cognizione di causa.
Warszawa di David Bowie è cupa, come se in Polonia, prima della visita del nostro, fosse passata un’aspersione di soda. Se ne riconoscono gli squilli melodici ma il tutto risulta corrotto e distrutto, così come ogni cover dovrebbe essere.
Coil ed Heartworms lavora su più liveli vocali, con una visione molto classica di espressione, quasi da teatro greco (con un pathos che, come modalità di gestione, più volte uscirà in questo lavoro). I Coil vengono asciugati e resi rurali ed austeri, guadagnandone in spessore e visione.
Hall of Mirrors (che ricordo essere stato un progetto di Deison ed Andrea Ferraris ma sicuramento sbaglio alla grandissima. NDA: Infatti, erano Andrea Marutti e Giuseppe Verticchio) dei Kraftwerk viene raffreddata alla base, e qui, forse, sento la solitudine dell’uomo al comando senza automi. Ma, in loro assenza, il riverbero si fa sentire, eccome, ed il pezzo risuona realmente come se intorno a Gianluca ci fossero soltanto degli specchi.
Passiamo agli Einstürzende Neubauten, a questo punto. Rispetto a Blixa Bargeld, Gianluca risulta…ah, sono due mondi, non parliamo di confronti qui, ma della capacità di trasportare brani che hanno significato qualcosa nella crescita del musicista in esame (già 34enne al momento della pubblicazione) carico, carico di un entusiasmo che trasforma il rigore in entusiasmo, facendone fiorire i frutti.
Funerale a Praga è uno dei brani più lancinanti al mondo, non ringrazierò mai abbastanza la mia amata Jessica di avermi fatto tramite con Sacha Rovelli (che produce il disco insieme a Nebo con la sua Luce Sia, il mondo è minuscolo!) mentre i DIJ si sposano ad esse con un unione di accordi che più che un caso è una sentenza, lasciando un aura di completezza al tutto.
The Overload è uno dei Talking Heads più statici ed oscuri ed in effetti sembra un brano autografo di Gianluca, talmente comune è l’humus, l’anagrafe ed il trasporto. Droni, claustrofobie e slanci.
Heartbreak Hotel, riportata autografata sia da Presley che da Cale. La stanza è vuota, putrida, sicuramente una scena del crimine. Non c’è nessuna risposta alla disperazione, solo i battiti che entrano e trasformano la scena in un cuore: ventricoli, vene, arterie. Basico, una pompa meccanica, come potrebbe fare un piede od un corpo.
Il fondo quindi, 10:24 minuti in cui in cui nell’ashram vengono completamente spente le luci e Gianluca, con suadente presenza, rimane discosto ma in primo piano grazie ad una profondità ed una lucidità che da una prospettiva completamente diversa al brano, come se da una dimensione collettiva esca una single figura, lucida e magnetica, ad irrorare energia al tempio.
Serve una conclusione: diciamo che Gianluca Becuzzi riesce, a 60 anni giusti giusti, ad estrarre dal suo cilindro un gioiello che, qui lo dico, lustra le sue potenzialità di interprete e di inventore di ambienti, in un percorso che non lascerà indifferenti ne i giovani, ne gli anziani ne i curiosi. Gettatevi in profondità, so deep, so cool…

 

 

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Il Tempo... Tra Le Nostre…

    Forse è eccessivo definire questo un album di canzoni sebbene "ubriache e sbilenche", come fa il comunicato stampa che lo…

10 Apr 2009 Reviews

Read more

Reveille - Broken Machines (Clapping Music, 2014)

Broken Machines è il secondo album di questo duo francese, composto da François Virot, voce e chitarra, conosciuto…

05 Mar 2014 Reviews

Read more

Vinzenz Schwab - Dings #1 (Canto Crudo, 2014)

Dall'Austria arriva Vinzenz Schwab, un altro musicista contemporaneo da aggiungere alla schiera di quelli che hanno già trovato posto sulle…

19 Jun 2015 Reviews

Read more

Nigloswing - Senza Filtro (Autoprodotto, 2005)

Un tuffo negli anni ’30, quando il “mer” era più blu, e non solo quello di Charles Trenet, più di…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Lēvo – S/T (Zen Hex, 2019)

La nuova uscita su 7” dell’aretina Zen Hex è il battesimo musicale del concittadino Lorenzo Cardeti, unico titolare del progetto…

26 Mar 2019 Reviews

Read more

Marco Ferrazza - Citizen (Setola Di Maiale, 2018)

Interessante lavoro di Marco Ferrazza nell'ambito dell'elettronica acusmatica e concreta, musica con una spiccata vena sinfonica che le dà un…

30 Mar 2018 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi – Trax To Trax (Silentes, 2012)

Per uno stakanovista della musica come Gianluca Becuzzi operazioni come Trax To Trax sono quantomai benvenute, permettendo all'appassionato di trovare…

08 Jan 2013 Reviews

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

L'Ultimo Disco Dei Mohicani, intervista a Maurizio Blatto

Una varia umanità che spazza via qualsiasi noiosa "pippa" da appassionati di musica. La negazione assoluta di qualsiasi nozionismo musicale fatto apposta…

22 Feb 2011 Interviews

Read more

Almeno Sei Metri Da Terra - S/T (Lanterna Pirata, Taxi…

Furioso screamo senza fiato nella migliore tradizione italica (Storm(o), La Quiete) per questa band genovese di esordienti. Nove pezzi da…

06 Apr 2020 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Matawan - We Lingered In The Chambers Of The Sea…

La primavera alle porte, il sole del tramonto che filtra dalle tende e... l'immancabile (almeno per me) disco ambient agrodolce…

06 Apr 2018 Reviews

Read more

Le Ton Mité - Version D'Un Ouvrage Traduit (Music A'…

Originario di Olympia, Washington e folgorato dalla Francia, McCloud Zicmuse ha deciso un bel giorno di maggio del 2006…

07 Jan 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top