Scum From The Sun – S/T (Afe, 2009)

Mettete insieme uno street rocker, Black Mickey dei Long Dong Silver e un musicista industrial/EBM, Cash dei Filthy Generation, aggiungete qualche collaboratore, fate masterizzare il tutto da Giuseppe Ielasi e il risultato non sarà assolutamente prevedibile. Scum From The Sun veleggia lontano dalle rotte seguite dai gruppi d’origine, proponendoci una musica volutamente fredda e meditativa, fra il dub e l’ambient più scuro, ma con una forte componente elettrica che impedisce un eccessivo sbilanciamento verso suoni troppo astratti e bidimensionali. L’incedere drammatico dell’iniziale La Caduta Prima Del Distacco, battiti monotoni e lenti ad accompagnare un basso austero su una base sporca di synth, che con lento crescendo si arricchisce di suoni sintetici, traccia le linee di un doom futuristico, come se i Pink Floyd pompeiani fossero trasportati al centro di una moderna metropoli in rovina. È questo, fin da subito, il pezzo migliore della raccolta e sfuma, senza soluzione di continuità, in Caput Corvi, paesaggi desolati e reminescenze dei Winsdor For The Derby più minimalisti, con delicati giri di chitarra destinati a estinguersi, nella successiva Eris, in favore di un’ambient attraversato da suoni spaziali, che a sua volta degenera in un post-industrial prossimo all’MB meno ostico. In chiusura il basso torna a intrecciarsi coi sintetizzatori, in un’atmosfera ancora non pacificata e che solo negli ultimi minuti suggerisce un’ipotesi di serenità.
Disco che necessita di alcuni ascolti per essere apprezzato appieno e che avrebbe forse guadagnato da una scaletta invertita, col pathos che sale fino al climax di quello che qui è il primo pezzo, è comunque l’ennesima conferma dell’ottimo lavoro svolto dall’Afe nel campo della ricerca e valorizzazione dei talenti. Nota di merito per l’originale confezione in metallo e plastica trasparente.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more

Space Aliens From Outer Space – Invade (O.F.F., 2013)

Come per ogni oggetto volante non identificato che si rispetti, non so darvi alcuna notizia su questi Space Aliens From…

13 Jan 2014 Reviews

Read more

Skullflower - The Black Iron That Fell From The Sky,…

Una trilogia in vinile sull’oscurità dell’antico Egitto e sull’ombra da cui provengono i sogni più cupi poteva trovare pochi interpreti…

12 Feb 2018 Reviews

Read more

Bron Y Aur - Millenovecentosettantatre (Wallace, 2007)

Gruppo di dichiarata ispirazione seventies, i Bron Y Aur seguono ormai da anni il proprio discorso artistico infischiandosene altamente di…

04 Jun 2007 Reviews

Read more

Lule Kaine - Radiations From Futurist Furniture (Chew-Z, 2008)

Ricordavo di aver già sentito qualcosa di questi Lule Kaine anche se non ricordo esattamente cosa e dove, ma questo…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Tetrics - S/T (Autoprodotto, 2012)

I Tetrics nascono come dinamica cover band della provincia anconetana, qui all'esordio con pezzi tutti originali. Apparentemente non ci sono…

11 Jun 2013 Reviews

Read more

Agnostic Front - Another Voice (Nuclear Blast, 2004)

Disco inconsistente e insapore come uno yogurt greco, ma senza fermenti lattici né carattere. Non ho mai avuto nulla in…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Le Scimmie - Colostrum (Red Sound/Metaversus, 2016)

Trio che arriva da Vasto e senza indugio alcuno si lancia nella scrittura dell'inenarrabile. Doom dallo spazio profondo denso di…

16 Nov 2016 Reviews

Read more

The Paper Chase + Nicker Hill Orchestra + Entrofobesse -…

Questa sera, davanti all'ingresso del Kroen, sosta uno strano figuro, postura ingobbita, andamento ciondolante, parlata non locale. Non ci sono…

17 Nov 2009 Live

Read more

Very Short Shorts – Minimal Boom! (Riff, 2011)

Secondo lavoro per Very Short Shorts (del primo disco parlammo qui), questo Minimal Boom! appare fin dal primo ascolto molto…

28 Oct 2011 Reviews

Read more

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

Mulo Muto/Beta – Tape Crash #11: The Examination (Old Bicycle,…

Nell’undicesimo scontro della serie su cassetta ideata dalla Old Bicycle estraiamo dalle lamiere gli svizzeri Mulo Muto e i padani…

14 Sep 2015 Reviews

Read more

Autocancrena – Homo Sacer (Diazepam, 2012)

Altra oscura uscita per la Diazepam: stavolta è il turno degli Autocancrena (il romano Lorenzo Chiarofonte) con un CD 3"…

03 May 2013 Reviews

Read more

Bluermutt - Decivilize After Consumption (Nexsound, 2008)

Bluermutt ha venticinque anni, vive a Barcellona, ed è la nuova uscita della Nexsound: arrivata alla numero quattro, l'etichetta di…

28 Feb 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top