Palumbo/Tommasini – The Hunting Dog Of Bootes The Hersman (Chew-Z, 2010)

Questo disco è quello che si suol dire una gran bella sorpresa, immagino che qualcuno di voi dirà che era anche auspicabile visto chi ci suona sopra, ma per me non era così scontata come cosa. Oltre a Tommasini e Palumbo (Larsen e (r)), Evor Ameisie, Paul Beauchamp (Black Cave Salamander) e vari ospiti fra cui Marco Milanesio, Andrew Liles, Johnny Cakes, ma resta che i titolari del progetto sono i due citati nel titolo della recensione.
Perché si tratta di una bella sorpresa? Perché seppur molte cose di Palumbo siano sempre su un ottimo livello, spesso mi colpivano fino ad un certo punto, de gustibus, resta che questo lavoro ha quel qualcosa che invece non trovavo in altri lavori che lo coinvolgevano. Seppur alcuni suoni di tastiera di Ameisie non mi esaltino e molte cose siano sempre molto spinte fino al confine col kitsch, in realtà l'equilibrio e l'ispirazione di cui è carico questo disco bilancia tutto in tracce che al di là dell'ottima registrazione, dell'esecuzione e della costruzione, regalano momenti davvero belli. Un pezzo come Trattato Sulla Natura Delle Stelle Per Voce Ed Harmonium ad esempio fra cantato recitato in stile documentario e apertura lirica, rischia parecchio l'azzardo ed invece proprio per questo finisce per trionfare dove molti altri si arenerebbero, ma ripeto l'atmosfera è davvero notevole. Si tratta di un disco molto particolare: romantico, fra venature dark, rock, wave e quasi classiche… malinconia grattuggiata su tutto ed un gusto che porta Palumbo, Tommasini e soci sempre in quel limbo post-industrial, post-dark dove giocano Current 93, Nurse With Wound e famiglia pasticciando con i generi le categorie e i deliri di chi suona nella linea d'ombra dell' "in the shadow of the sun" (e mi scuso per questa citazione da caciottaro pseudo-intellettuale). Un disco molto sopra le righe, in cui i remix risultano interessanti ma il grosso del lavoro è fatto dai protagonisti e nulla da dire. Tirate fuori cerone bianco e la foto di Marc Almond, è arrivato il tempo di attraversare la depressione dell'inv(f)erno.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Sword - Warp Riders (Kemado, 2010)

Il revival è una questione delicata e, molto spesso,spinosa da trattare. Da qualsiasi parte lo prendi o lo rigiri, prima…

21 Jul 2010 Reviews

Read more

Camusi - S/T (Setola Di Maiale, 2007)

Credo che molti di voi conoscano Stefano Giust e Madame P e se così non fosse li inquadreremo dicendo che…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

Stefano De Ponti – Fin d’Ersástz/20xx–2016 (Grotta, 2017)

Con meno di vent’anni di musica e un’età anagrafica che non tocca i quaranta è ancora lontano il tempo dei…

10 May 2017 Reviews

Read more

Jenny Wilson - Love And Youth (Rabid, 2005)

Vestito color carta da parati sbiadito, scialle della nonna, voce splendidamente stridula e due occhi dolcissimi che ti fulminano.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Child Bite - Vision Crimes (Joyful Noise, 2013)

I Child Bite sono considerati la miglior band live di Detroit. In otto anni di carriera hanno cambiato diverse formazioni…

13 May 2013 Reviews

Read more

Lords - This Ain't A Hate Thing, It's A Love…

Bisogna essere piuttosto intelligenti per non capire le operazioni intellettuali. Il concetto stesso di liberatorio pare essere più legato al…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Broken Spindles - Fulfilled/Complete (Saddle Creek Europe, 2004)

Non è che uno prende, fa un disco solista e da cover band dei Cure si scopre essere un Tim…

12 Sep 2006 Reviews

Read more

Sutt - Elementer (Sincope, 2014)

Uscita perfettamente nelle corde dell'etichetta Sincope: i Sutt infatti sono un duo fuori dalla norma che tra improvvisazione radicale furente,…

17 Apr 2015 Reviews

Read more

The Brain Washing Machine - Seven Years Later (Go Down,…

Rieccoli qui i The Brain Washing Machine, per l'appunto sette anni dopo la recensione della loro prima autoproduzione. E con…

13 Jun 2014 Reviews

Read more

Fvrtvr - Demon Cycle 1-9 (Niente, 2010)

L'etichetta dietro alla quale si muovono gli St.ride si allarga e con questa nuova uscita oltre ad aprire ai musicisti…

04 May 2010 Reviews

Read more

Torche + Pelican - 04/10/08 Latte Più (Brescia)

Sperimentiamo oggi un nuovo genere di recensione: la recensione-Memento (se avete visto il film, capirete). Trattando di uno di quei…

02 Oct 2008 Live

Read more

Nick Hornby - 31 Canzoni (Guanda, 2003)

Se per molti Alta Fedeltà è il libro che parla della loro passione per la musica, per me non è…

22 Aug 2006 Reviews

Read more

My Violent Ego - One Day You’ll Laugh At The…

Paolo Miceli e Christy Brewster, romano lui, scozzese lei, dopo dieci anni di contatti prevalentemente, se non quasi esclusivamente, in…

09 May 2011 Reviews

Read more

Roberto Fega – Daily Visions (Creative Sources, 2012)

Ottimo manipolatore di suoni, Roberto Fega intaglia il suono con sapienza artigianale attingendo dalle fonti più disparate, da una parte…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

M. Moynihan & D. Søderlind – Lords Of Chaos (Tsunami,…

Arriva anche in Italia, per meritoria opera della Tsunami Edizioni, la corposa inchiesta che indaga fatti e misfatti della scena…

08 Jan 2011 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top