Mulu – Garagebleu (Wallace, 2008)

Pop su Wallace? Non proprio, ma quasi… so che non ve lo sareste mai aspettato, ma sarebbe stupido non aspettarsi di tutto dato che l’etichetta è passata dalla finezza dei Permanent Fatal Error al ruvidume dei Pornography, dal free di classe di Ligeti-Pupillo-Gebbia (grandissimo disco!!!) alla finta cafonaggine krauta dei R.U.N.I. e dalla violenza cieca dei Gerda alla maximum freakitudo di Xabier Iriondo. Non pago di venire (finalmente) celebrato con una super intervista su Blow Up, Spino continua imperterrito a sfornare materiale e questa volta tocca a un duo femminile.
Parlavamo di pop e per qualificarlo ulteriormente si parla di pop da circuito indipendente con i pregi ed i difetti di sorta: fra i pregi quelli di una produzione buona e non eccessivamente laccata tanto da rischiare la stucchevolezza, fra i difetti il fatto che a volte pop per pop mi domando se avendo il coraggio di affondare completamente il coltello nella torta non si rischirebbe davvero di passare in top class. Pur non trattandosi propriamente di materiali che ascolto abitualmente le Mulu hanno le loro carte da giocare e sfido l’intera “sezione misogini” là fuori a pensare che la produzione del disco fosse ingiustificata sentendo traccie come ad esempio Lavinia’s Boat o Opale. Non è un caso che abbia citato i pezzi più melodici e più smaccatamente ascoltabili, anche perché sono quelli in cui Marialuisa Balzi e Luisa Pangrazio danno il meglio. Musica molto semplice ma per nulla povera, il frutto di una scelta intenzionale viene evidenziato dal fatto che la produzione sia stata affidata a Iriondo, se per certi versi nei modi accosterei il duo alle Cocorosie, l’effetto generale è molto diverso dato che ricorda più qualche vecchio lavoro della Matador. Se Solex fosse stata molto più tranquilla e non fosse cosparsa di quei campioni (splendidi) tagliati a colpi di badile e si fosse armata di una groove box, se nella line up avesse accolto Caroline Loeb e Les Rita Mitsouko (due vere leggende), avrebbe fatto lavori non troppo distanti da questi. Belle voci e musica che, per quanto sia stupido scriverlo, potremmo anche definire femminile, melodie mediamente malinconiche, arrangiamenti semplici ma molto ben suonati e forma canzone senza timore e con risultati a volte davvero notevoli. Una volta un “genio” mi ha detto: “ah… la Wallace, quella che fa quella roba inascoltabile”… sì bravo, ascoltati questo coglione!. So che è un paragone del cavolo, ma ascoltando questo disco mi sono domandato se con degli arrangiamenti ancora più pop ed una produzione da major non avrebbe rischiato di suonare meglio dei dischi solisti di Meg.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Majak - Scavengers (Autoprodotto, 2014)

Hardcore apocalittico e senza compromessi per questa agguerrita pattuglia genovese. Un brillante esordio dove scorgiamo tanto i cicloni ascensionali dei…

04 Nov 2014 Reviews

Read more

Plasma Expander - S/T (Wallace/Here I Stay, 2007)

L'ennesimo frutto del sottobosco che esordisce su Wallace? Degli esordienti?...direi che sì per la prima, visto tratta di un esordio,…

31 Jan 2007 Reviews

Read more

Luca Sigurtà - Bliss (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Luca Sigurtà pubblica per la Fratto9 di Gianmaria Aprile il disco solista Bliss, che va ad aggiungersi ad una folta…

24 May 2012 Reviews

Read more

Neal Morse - One (InsideOut, 2004)

Vi interessa un parere sul Prog da profana? Dio esiste. Non me ne ricorderò più solo quando bestemmio. Per chi…

25 Sep 2006 Reviews

Read more

The Asstemians – S/T (Neonparalleli/HYSM?, 2014)

Il nome prometteva male, le facce in copertina pure peggio. L’ascolto… Dio ce ne scampi! Mirko Spino, braccio e mente…

24 Jun 2014 Reviews

Read more

Kongrosian - The Exit Door Leads In (Aut, 2012)

Non sempre quando si mettono assieme personaggi/musicisti importanti e con una lunga storia di collaborazioni la ciambella deve per obbligatorietà…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Liars - Liars (Mute, 2007)

Liquidare questo quarto album dei Liars come il loro album più pop sarebbe fin troppo facile, però essendo questo…

17 Sep 2007 Reviews

Read more

Guided By Voices - The Bears For Lunch (Fire, 2012)

Parlare del nuovo disco dei Guided By Voices vuole dire percorrere una strada insidiosa, infatti quando sto per scrivere da…

06 Feb 2013 Reviews

Read more

Wound - Breathing The Void (Teen Action, 2014)

Dopo l'esordio nel formato DVD-R a nome Wound, Massimo Onza torna con questo suo monicker per una seconda uscita, questa…

08 May 2014 Reviews

Read more

M'Ors – Anima Nera (Alka, 2009)

Il destino sorriderà alla carriera di Marco Orsini, in arte M'Ors. Per come si pone, cito testualmente le parole della…

19 May 2010 Reviews

Read more

Cagna Schiumante - S/T (Tannen, 2014)

Scorticare fino a raggiungere l'essenza stessa. Le tracce di questo lavoro sono canti di muezzin ubriachi e storti declamati sbavando…

26 Sep 2014 Reviews

Read more

AA.VV. – Crepe (VacuaMœnia, 2014)

La pratica di field recordings è sempre più diffusa, dalle nostre parti. Certo, non è una cosa originale, ma il…

28 Jul 2014 Reviews

Read more

Luca Sciarratta + Tiziano Milani - Spatial Impulse Response Rendering…

Gran bella collaborazione questa in cui sono coinvolti il boss della rudimentale con Milani, di cui abbiamo recensito l’ultimo lavoro…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Betzy - Romancing The Bone (Lady Lovely, 2010)

La profezia che preconizzo a Fabio Cussigh è predestinazione al successo per tutta una serie di buoni motivi. Pur…

12 Feb 2010 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Queen's Headache (Northpole, 2008)

Proprio di recente ho avuto il grande piacere di ascoltarmi in anteprima l'ultimo Rollerball e per l'ennesima volta mi sono…

20 Mar 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top