MSMiroslaw – Rebirth Invocations, Ritual Chants For The Vulture Goddess (Trasponsonic, 2013)

Sardegna pagana. Sembra essere questo il filo conduttore delle tante uscite provenienti da una regione che, dal punto di vista della musica meno convenzionale, gode oggi di un momento di grande ispirazione. Già avevamo detto del disco capolavoro di Dalila Kayros, dove tradizione e contemporaneità convivevano brillantemente, ora è la volta di questo lavoro di MSMiroslaw, membro del collettivo Hermetic Brotherhood Of Lux-Or, coadiuvato dal sempre ottimo Simon Balestrazzi.
In questo caso il suono non è facilmente etichettabile come sardo, la voce è un salmodiare quasi gregoriano e solo alcune sonorità acustiche, come in Till Ecstatic Resurrection, suggeriscono una collocazione mediterranea: d’altra parte è musica che si abbevera agli strati più profondi dell’essere, evocando forze ancestrali che travalicano ogni cultura e linguaggio, trovando compagni di viaggio in luoghi geograficamente lontani ma spiritualmente vicini. É un discorso che vale per la grafica, che riproduce alcuni graffiti anatolici testimonianti riti rintraccaibili anche nella cultura neolitica sarda, come per la musica; Rebirth Invocations sembra infatti attingere al ritualismo oscuro dei primi Current 93 e dei Coil, ma lo fa poi collidere con elementi di musica concreta particolarmente consoni al discorso che si va sviluppando: valga come esempio il fatto che lo strumento principale sia una teschio di cavallo… preparato! Ne risulta un suono pulsante e cavernoso, che evoca visioni di cerimonie tribali che onorano il respiro della terra (Jumis) e le forze di una natura a cui non ci si può rivolgere che con soggezione. MSMiroslaw si muove con sicurezza fra industrial e primitivismo, gettando un ponte fra un passato oscuro e un presente che non vuole abbandonarsi alla banalità del quotidiano (l’epica …And The Golden Horse’s Sacrifice); un discorso che non sarebbe dispiaciuto a Ernst Jünger, il quale, nelle pagine del suo diario sardo, scriveva “che il tempo passato sia vicinissimo e si avvicini sempre più questo è uno dei doni inattesi, una delle sensazioni tranquillizzanti del nostro presente”. È questo quello che mi sembra stia avvenendo di questi tempi nell’isola e che dischi come questo testimoniano con chiarezza e forza. Sempre il filosofo tedesco scriveva “sono dell’opinione che storia e preistoria di un’isola come questa siano comprensibili anche per altre vie che non siano quelle degli studi”; una di queste, oggi, è certamente Rebirth Invocations.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Monsieur Gustavo Biscotti - S/T (6X6, 2008)

Era cosa impensabile, anche solo poco tempo fa, trovare a Mantova quattro musicisti interessati a sviluppare un progetto non banale…

12 Dec 2008 Reviews

Read more

Pikelet - Pre-Flight Jitter (Sabbatical, 2007)

Avevo sentito questo disco dei Pikelet con un po’ di fretta e non mi ero neanche accorto di come fosse…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

David Tangye/Graham Wright - How Black Was Our Sabbath (Pan,…

Il titolo e gli strilli sulla copertina promettono succosa ignoranza e lasciano presagire aneddoti da scambiarsi, la sera, di fronte…

22 Aug 2007 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Luigi Turra - In Winter (Silentes, 2012)

Gianluca Becuzzi e Luigi Turra pubblicano per la prima volta un disco assieme, dopo aver collaborato sotto diverse forme per…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - The Earth Cries Blood…

Era atteso da tempo il nuovo disco del toscano The Child Of A Creek; ora, a oltre due anni dal…

12 Jun 2013 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

USA Out Of Vietnam - Crashing Diseases And Incurable Airplanes…

Gli USA fuori dal Vietnam: non saprei bene come spiegarmi la scelta di un cartello delle manifestazioni anni sessanta per…

27 Jun 2014 Reviews

Read more

Alessio Bondì - Sfardo (Malintenti/800A. 2015)

Sfardo è un disco fresco e scoppiettante. Un disco pop, leggero, ventoso, condito di quella intensa spensieratezza che anima il…

23 Dec 2015 Reviews

Read more

Battles - Mirrored (Warp, 2007)

Il concept del gioco di specchi che campeggiano dalla copertina alle foto promozionali, dal video di Atlas al poster interno,…

21 May 2007 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

Bobby Soul E Il Maschio #1

Ammetto di essermici avvicinato quasi per caso. Nel modo più tipico poi: dal momento che qualcuno lo criticava, oltrettutto per…

18 Nov 2007 Interviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Enlaire (LP Total Silence, 2022)

Devo essere onesto, non so molto di Joan Jordi Oliver. So che risiede a Zurigo, dove organizza in diversi spazi…

15 May 2022 Reviews

Read more

Uzi & Ari - It Is Freezing Out (Own, 2006)

Il "non-plus-ultra" (pronunciato alla Colle Der Fomento) del pop eccolo qui racchiuso in questo Uzi & Ari, mi sembrava strano…

27 Dec 2006 Reviews

Read more

Schwingungen 77 Entertainment - Act I: Notes In Freedom (Setola…

Un ascolto lontano da qualsiasi condizionamento o cliché, una sfida a tutto ciò che è banale ("Banality is not harmless:…

30 Oct 2014 Reviews

Read more

Mulatu Astatke - Mulatu Steps Ahead (Strut, 2010)

Mi sono avvicinato quasi per caso alla musica di Mulatu Astatke giusto poco prima di ascoltare questo suo nuovo disco…

27 Mar 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top