Low – C’mon (Sub Pop, 2011)

E tornano finalmente anche i Mormoni con l'atteso C'mon (col titolo più corto della loro storia), i pochi a resistere al tempo e alle mode, i pochi a rimanere gruppo di culto pur rastrellando adepti vecchi e nuovi disco dopo disco. Colpevolmente ammetto di avere saltato di palo in frasca, o per lo meno di aver dato un ascolto molto superficiale al precedente Drum And Guns (visto dai più come una mezza delusione nella catena di capolavori che ci ha regalato il gruppo). Al contempo però non ho mai mollato, col cappello in mano, i lavori del gruppo di Duluth, dal citatissimo Things We Lost in the Fire fino ad arrivare a ritroso alle origini. Se ho sempre considerato i newyorkesi Ida come la versione minore e "pop" dei Low, ecco che ora, gli stessi Low, con Try Sleep, Especially Me, You See Everything e, forse il pezzo più solare mai scritto dalla band, Something's Turning Over affrontano, a modo loro, il pop e il folk. Senza rinunciare al proverbiale talento di scrittura e limando quella tipica lentezza e spiritualità che, già dal nome, li ha resi dei maestri incontrastati. Con I'm Nothing But Heart, uno dei picchi del disco, le melodie talvolta diventano aspre, se non distorte (qualcosa si vede è stato mutuato da Great Destroyer), salvo poi elevarsi con una cadenza a cui è davvero difficile non soccombere. Ascoltare i Low per certi versi è sempre stato come entrare in chiesa da non credenti, e la band non ha rivali nel calare un alone spirituale in musica. Non stupisce, quindi, che la coppia Alan Sparhawk e Mimi Parker abbia registrato C'mon ritornando, dopo il sottovalutato Trust, al Sacred Heart Studio, una chiesa cattolica sconsacrata nella nativa Duluth, Minnesota. Certo, dopo i dovuti elogi per un grande ritorno e per un album che sicuramente e meritatamente sarà ricordato fra i più belli di questo 2011, C'mon non è l'uscita che consiglierei più caldamente nell'ormai lunga discografia del gruppo, bensì una decisa conferma, tra le più accessibili, arrivata dopo qualche esperimento che se pur valido risultava un pelo opaco e non del tutto convincente.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Airchamber 3 - Peripheral (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Tornano gli alessandrini Airchamber 3, dopo l'esordio su Amirani di ormai qualche anno fa: il loro suono si è nel…

16 Dec 2013 Reviews

Read more

Bessemerr - The Cultivation Of Rice (Far From Showbiz, 2008)

Nel sottobosco di piccole label, net release, tape label, CD-r, e nell'ipertrofia del mercato musicale (che comunque pare venda poco…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

The Doggs - Black Love EP (Autoprodotto, 2011)

Marcissimo e maleodorante EP imbrattato di Stooges, Velvet Underground e sferragliante punk anni settanta. Fa sempre piacere sentire che esiste…

16 Feb 2012 Reviews

Read more

The Star Pillow - Symphony For Intergalactic Brotherhood (Boring Machines,…

Cosa si può ancora dire della musica di The Star Pillow? Col suo progetto Paolo Monti  esplora le possibilità espressive…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

Atomic Papas - The Invisible Man (Hellbones, 2020)

Rockabilly di ampio respiro quello proposto dal terzetto toscano che, benché di recente fondazione, dimostra un rilassato e disinvolto affiatamento…

27 Oct 2020 Reviews

Read more

Enkil/La Furnasetta – Industrial Archeology (Luce Sia, 2019)

Chi si appresta all’ascolto di Industrial Archeology, cassetta split pubblicata da Luce Sia, non può farsi illusioni: il titolo e…

27 Aug 2019 Reviews

Read more

K-Branding - Alliance (Humpty Dumpty, 2011)

Giovani promesse crescono e vengono mantenute, proprio come nel caso di questi ragazzi belgi: ricordo di aver recensito il loro…

15 Apr 2011 Reviews

Read more

Sator - S/T (Taxi Driver, 2015)

Cinque brani per l'esordio della band genovese più interessante nell'ambito della musica pesante: già dai primi concerti dal vivo il…

29 Jun 2015 Reviews

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Psyche - The Influence (Final Muzik, 2012)

Nella categoria recensioni minori o per "adepti del Goth" (esiste un gruppo nato dalle mie parti su fb con questo…

13 Jun 2013 Reviews

Read more

Nedry - Condors (Monotreme, 2010)

Devo ammettere di aver cercato altrove il piacere solipsistico dell'ascolto negli ultimi mesi, lontano dal clamore suscitato dalla scena dubstep…

15 Apr 2010 Reviews

Read more

Three Steps To The Ocean – Unitl Today Becomes Yesterday…

Da Milano alla conquista del mondo. Di quello del post-core, almeno. All'album d'esordio, dopo un EP stampato anche negli USA…

25 Jun 2010 Reviews

Read more

Sigillum S - Emptiness Spheres (Luce Sia, 2020)

Rarefatto e speziato ritorno per i tecnopadri dell'area grigia. Power trio a tutti gli effetti quello che incarna le nuove…

02 Feb 2021 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Langhorne Slim - 25/06/09 Arci Kroen (Villafranca - VR)

Il maltempo, che ha caratterizzato l'inizio dell'estate, segna profondamente anche questa serata: prima un forte acquazzone respinge il tentativo di…

02 Jul 2009 Live

Read more

Moving Mountains - Pneuma (Deep Elm, 2008)

Ci sono quelli che detestano mettere riferimenti di altri gruppi nelle recensioni e quelli che per forza di cose li…

27 Oct 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top