Lilies On Mars – Wish You Were A Pony (Elsewhere Factory, 2011)

Vivono a Londra, ma i due terzi femminili dei Lilies On Mars sono italiani. Lisa e Marina hanno collaborato con Franco Battiato (chi vuole può genuflettersi) prima di dar vita a questo interessantissimo progetto che ha inglobato alla batteria Matthew Parker che suonava coi Sunny Day Sets Fire. E se il buongiorno si vede dal mattino, immaginatevi che pomeriggio. Voglio dire che in tre anni di vita i Gigli Marziani sono già al secondo lavoro, con l'ottima base di un primo album prodotto e mixato da loro medesimi e portato in un tour che ha girato per l'Europa e gli States. Porca la miseria, viene da pensare… Soprattutto dopo aver notato che in rete si trovano dei loro videoclip di canzoni tratte sia da Wish You Were A Pony che dall'omonimo album precedente (e, per dare un'idea di massima, vi butto lì Emiliana Torrini nei suoi momenti migliori) che sono davvero bellissimi. Experimental shoegaze. Questo è ciò che dicono di loro e, per ciò che mi riguarda, si inquadrano alla perfezione tra quello e un indie girlish pop che evoca un pò le Elastica, un pò le nipponiche Luminous Orange e un pò le formazioni nostrane di una quindicina d'anni fa dove erano le ragazze a fare le 'padrone di casa'- Ustmamò, Soon e gente così -. Sarà che dovrei smetterla di riguardare certi film anni '80 che inneggiano alle situazioni scolastico-adolescenziali, ma Crabs mi sembra uscita dall'ottima colonna sonora di Pretty In Pink e Hiding Under Water è una di quelle perfette ballate per due voci e arpeggi strappacuore, malinconica come una serata di fine estate o l'ultimo cucchiaio di gelato della coppetta. C'è un leggero delay di fondo che caratterizza i suoni delle chitarre, rendendo tutto più soffice (alla faccia delle sinestesie…) e onirico – Aquarium's Key o Angry Lullaby -, mentre le uniche due tracce in italiano – La Mattina Prima Di Andare A Letto e Su – si rifanno a Ok Computer di Johnny Greenwood e i suoi amici (sempre Tom Yorke primo della fila… cambiamo un pò, no?). E se poi sono accusabile di tifare per loro perchè la band è capitanata da ragazze e una di loro suona una Danelectro D59 di cui sono da sempre follemente infatuata, allora che lo si faccia. Però prima vale la pena ascoltarli i Lilies On Mars, anche perchè penso proprio che tutte le accuse a mio carico possano cadere già alla fine della prima traccia.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Orfanado – Iter (Sound Of Cobra, 2011)

Piccoli noiser cambiano pelle, almeno temporaneamente, in questo progetto che coinvolge gente impegnata anche con In Zaire, Lago Morto, G.I.…

23 Dec 2011 Reviews

Read more

Marvin – Hangover The Top (Africantape, 2010)

Continua da parte dell'Africantape l'esplorazione del suono post in tutte le sue sfaccettature. Quello che propongono i Marvin, terzetto francese…

01 May 2010 Reviews

Read more

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

Stefano Isidoro Bianchi - Prewar Folk, "The Old Weird America":1900-1940…

Uscito da un po' di tempo, ma solo da qualche mese distribuito nelle librerie, il libro di Stefano Isidoro…

18 Jun 2009 Reviews

Read more

Bored Spies - Summer 720/Gerbils E (Damnably, 2013)

Ebbene sì, diciamolo: per alcuni come il sottoscritto il ritorno di Sooyoung Park (ex Seam, Bitch Magnet, EE, Team Xiaoping)…

10 Jun 2013 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti Ramon Moro - I Cormorani O.S.T. …

Interessantissima colonna sonora per un film che, indubbiamente per storia e location, non sarà facile scovare nei cinema, ma che…

27 Jan 2017 Reviews

Read more

Z’Ev & Simon Balestrazzi – Reverbalizations (Boring Machines, 2014)

Se faceste una rapida ricerca in rete rimarreste sorpresi nello scoprire quanti dischi siano stati registrati in caverne: non solo…

17 Jun 2015 Reviews

Read more

Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e…

07 Oct 2011 Reviews

Read more

Il Cielo Di Bagdad - Export For Malinconique (Recbedroom, 2008)

Il titolo dell'album chiarisce immediatamente il concetto, il perno su cui ruota il disco, il centro di gravità permanente, la…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

Erdem Helvacıoğlu, Şirin Pancaroğlu - Resonating Universes (Sargasso, 2011)

Nuovo capitolo per Erdem Helvacıoğlu, inarrestabile compositore turco che si muove fra musica colta e colonne sonore. Per chi di…

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Menace Ruine - Cult Of The Ruins (Alien8, 2008)

Il rock non è ancora deceduto. Forse non gode di ottima salute, forse è destinato a diventare lingua morta,…

26 Dec 2008 Reviews

Read more

Nadja + Whitehorse + Ivens + MV - 15/10/10 The…

Arriviamo giusto in tempo all'ultima data disponibile nel continente australiano per vedere i Nadja, che hanno accompagnato i Dead Meadow…

12 Sep 2010 Live

Read more

Gandhi's Gunn - The Longer The Beard The Harder The…

Il secondo tragico disco (per citare Psichofagist) è sempre un ponte di corde che o fa cadere nel baratro oppure…

23 May 2012 Reviews

Read more

Larva 108 - 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi…

09 Feb 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top