June – Happy Boys Cry Loud (Here I Stay, 2007)

La Here I Stay è l’etichetta sarda che qualche tempo fa aveva fatto uscire i Plasma Expander in collaborazione con Wallace, un buon gruppo post-rock/math che a tratti mi ricordava i Golden (l’altro gruppo del chitarrista dei Trans Am). I June riconfermano la vena marcatamente melodica dell’etichetta ma se i conterranei Plasma Expander la giocano sul tiro e sul rock, i secondi giocano sulla melodia pop conclamata. Il gruppo di Cagliari è più che mai figlio della perfida Albione tanto che forse viene anche facile paragonarli ai Belle and Sebastian, il fatto è che volente o nolente ci assomigliano davvero tanto. Il punto è che credo che non glie ne possa fregar di meno di essere originali o sperimentali, hanno delle coordinate musicali e cercano di seguirle facendo un buon lavoro di maniera e a sentire il disco penso sia evidente che ci riescano, anche perché di certo è studiato, eseguito e registrato perfettamente. Non mi stupirei se oltre ai dischi del gruppo di Glasgow i June avessero in casa gli stessi dischi anni ’60 che hanno infiammato Stuart Murdoch e Stuart David una decina di anni fa. Suona banale se parlo anche dei Beatles? Eppure è difficile non usarli come paragone parlando di musica del genere e pur non essendo io un fan degli “scarrafoni” credo che ci siano pochi dubbi sulla loro capacità di scrivere pezzi… poi Yoko e Mark David Chapman, per fortuna, hanno buttato benzina sul fuoco facendolo bruciare in eterno (ah… dimenticavo, come ricorda King Buzzo: “anche Paul McCartney una volta è morto, però i Beatles hanno continuato a suonare con un manichino”). Ritornando ai June, come avrete capito vanno di cantautorato morbidissimo, chitarre acustiche, cristalline, voci sottili e coretti leggeri del tipo “che piacciono tanto alla vostra fidanzata”, anche quando entrano le distorsioni e per fortuna hanno anche dei pezzi parecchio andanti, lo fanno in modo molto soffice, come credo che vada fatto per recuperare lo stile degli anni che furono. In vena di vintage oltretutto recuperano organi, tastiere e soprattutto arrangiamenti studiati a dovere, anzi direi che il punto di forza di un gruppo del genere stia proprio nel fatto che nel rifarsi ad un suono, giochi molto sull’arrangiamento. Maximum pop, se siete fan dei gruppi che ho menzionato potreste apprezzare.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio…

09 Feb 2015 Podcasts

Read more

Squarcicatrici - s/t (Wallace-Burp-etc, 2009)

Ecco il ritorno di Jacopo Andreini, non che se ne fosse mai andato in verità, infatti ha sempre continuato a…

03 Nov 2009 Reviews

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Boredoms + Kes Band + Bum Creek - 09/10/10 The…

Arriviamo perfettamente in orario alla serata più "in" del mese al Melbourne festival: alla mezzanotte sarà il 10/10/10 e il…

03 Sep 2010 Live

Read more

Riga - Escapism (Chew-Z, 2011)

Ero curioso di sentire questo disco dei Riga e non mi ha lasciato con l'amaro in bocca. C'erano varie ragioni…

07 May 2011 Reviews

Read more

Luigi Milani - Rockstar (Lulu, 2006)

Prendiamo la storia di una veejay disgustata dal suo lavoro su Mtv, il cantante di un gruppo grunge morto tragicamente…

16 Jun 2007 Reviews

Read more

Heroin in Tahiti - Peplum (Yerevan Tapes, 2014)

Tornano con un 7" i romani Heroin In Tahiti e tornano pure quelle atmosfere "psichedelizziottesche" di borgata che tanto…

07 May 2014 Reviews

Read more

Fozzy - All That Remains (SPV/Steamhammer, 2005)

Finalmente una band programmaticamente perfetta: Fozzy! Un poco Fonzie e un poco Ozzy, la sintesi insomma della miglior tradizione americana:…

15 Aug 2006 Reviews

Read more

3eem - Matilda (White Label Music, 2008)

Dopo un CD ed un 7" su Small Voices, i 3eem pubblicano adesso in UK per la label di un…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

Sneers - For Our Soul, Uplifting Lights To Shine As…

Non sappiamo se Maria Greta Pizza e Leonardo Oreste Stefanelli, che compongono questo duo formatosi, come spesso capita, a Berlino,…

18 Dec 2013 Reviews

Read more

Gli Imperdibili - Vado A Vivere Da Solo (Autoprodotto, 2014)

"Scusa Diego ma a volte mi interrogo sui tuoi gusti". Forse ha ragione Andrea: ascolto musica di merda. Non mi…

07 Jul 2014 Reviews

Read more

Mastice – Crepa (Hellbones/I Dischi Del Minollo, 2020)

Il secondo lavoro lungo dei Mastice, duo noise ferrarese, segna un deciso passo avanti nella definizione di una propria cifra…

02 Sep 2020 Reviews

Read more

2010 - il disorientamento fagocita il mondo

2010, e il disorientamento fagocita il mondo. Tanto vale sguazzarci dentro. Cosa ho ascoltato quest'anno? Che cosa ho ascoltato più…

08 Nov 2010 Articles

Read more

Giardini Di Mirò + Mimes Of Wine - 7/12/12 Circolone…

Con un valido lavoro uscito la scorsa primavera e la ristampa del glorioso primo album Rise And Fall Of Academic…

14 Dec 2012 Live

Read more

Marcilo Agro e il Duo Maravilha - Tra L'Altro (Room…

Momenti di amarcord. Sono cresciuto ascoltando musica prevalentemente cantata in inglese e, tuttora, fatico a relazionarmi all'italiano. Negli anni ci…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Kc (Wallace/Phonometak/Paint Vox/Brigadisco, 2010)

Credo che ci siano dischi e gruppi interessanti, lavori ben fatti e lavori che per quanto piacevoli finiscano per essere…

16 May 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top