Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese Maurizio Pustianaz, anche fanzinaro, giornalista musicale e DJ a radio Blackout dove conduceva una trasmissione col nostro vecchio collaboratore Fabio Battistetti. Vecchia è anche queste registrazione, risalente al 1999, che fotografa un momento fondamentale per il progetto torinese. Se avete una minima dimestichezza con la sua discografica conoscerete l’inquietudine che lo ha sempre caratterizzato e che dai cut-up esoterici degli esordi (Phlegmaticus) porta – passando dal noir pianistico sporcato di rumore di Sucker – al rock difforme ed occulto di St. Anthony Fire, marchiato dall’uso di synth, chitarre elettriche e campionatori. Il percorso che ho brevemente illustrato è ben leggibile nella recente raccolta 32 Years Of Rain, ma per comprendere appieno la svolta del nuovo millennio è indispensabile l’ascolto di questa cassetta che si pone come documento fondamentale. Ce lo spiega chiaramente Pustianaz nelle note di copertina: “stavo vivendo una crisi creativa, così pensai che la soluzione fosse cambiare tutto. Ma come? Decisi di avere un diverso approccio al suono manipolando campioni e frequenze create col PC”. Contando che fino ad allora nessuno degli elementi utilizzati nei vari periodi era mai scomparso completamente dall’orizzonte del progetto questa scelta risulta ancora più significativa e radicale. Via dunque il piano, via l’improvvisazione come punto di partenza delle composizioni e largo a sonorità e metodi nuovi – pur in un’evidente continuità di spirito – che porteranno alla nascita del (cito sempre l’artista) “materiale più violento che abbia mai registrato”. In effetti, fatte salve le prime tre tracce che accostano rumore e melodia e insistono su ritmi sintetici che molto devono al suono del tempo, dalla traccia 4 – che odora di inquietudine e di industrial vecchia scuola – si svolta verso atmosfere cupe e sonorità più ruvide, con la voce che si distorce (o viene campionata) e il suono che tocca spesso e volentieri territori harsh. Lo fa tuttavia col piglio curioso di un artista che, seduta stante, sperimenta nuove strade, per cui, pur entro una cornice stilistica data, nessun brano assomiglia all’altro e anzi si trovano intriganti commistioni (ad esempio la traccia 6, dove alle frequenze distorte si sovrappongono ritmiche che ricordano i Godlfesh più sintetici e dub). Live Radio Blackout 1999 è un ascolto interessante per chiunque sia appassionato di certi suoni ma il suo essere testimonianza di un snodo cruciale nell’esistenza di Gerstein è sicuramente un valore aggiunto. L’ascoltatore che quasi vent’anni fa sentì annunciare in coda all’ultimo brano “grazie a tutti, ho finito” avrà pensato di assistere alla conclusione di qualcosa; noi ora sappiamo che era un inizio.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

Pierre Bastienne - Visions Of Doing (Westernvynil, 2008)

Pensavo che la Westernvynil fosse per il pop di gusto o comunque per la musica easy listening e tutto sommato…

11 Nov 2008 Reviews

Read more

Adriano Orrù/Paulo Chagas/Silvia Corda/Mauro Sambo – Palimpsest (Pan Y Rosas,…

Un significato poco conosciuto della parola “palinsesto” (il Palimpsest del titolo) è quello di pagina manoscritta dalla quale  il testo…

10 Feb 2015 Reviews

Read more

Wand. And Princess - Locust 9 (Sincope, 2012)

La coppia di ragazzi greci che incide a nome Wand. And Princess è in giro già da qualche tempo, sempre…

23 Jul 2012 Reviews

Read more

Des Moines - Like Freshly Mown Grass (Dinotte/We Work, 2018)

Pur essendo orientati prevalentemente verso altri ambiti, capita talvolta, per particolari congiunzioni astrali, di imbattersi in lavori che sono il…

14 Nov 2018 Reviews

Read more

Giorgio Ricci - Insanity (Laverna, 2012)

Giorgio Ricci, per chi di voi non lo sapesse, è un ex Templebeat, gruppo in forza alla Submission e che…

17 May 2012 Reviews

Read more

Le Singe Blanc – Babylon (Bar La Muerte, 2010)

Nuova prova discografica per il trio francese di Metz. La ricetta cambia poco rispetto al precedente BaïHo (la recensione è…

30 Mar 2011 Reviews

Read more

Controlled Bleeding & Sparkle In Grey - Perversions Of The…

Metti una band storica che ha esplorato con risultati eccellenti davvero tanti generi musicali e una band che sta diventando…

03 Jul 2015 Reviews

Read more

Davide Cedolin - chiacchiere e fili d'erba

SODAPOP: Ciao Davide, Grazie mille per aver accettato di scambiare qualche chiacchiera con me! Innanzitutto devo ammettere di conoscerti appena musicalmente, sono…

09 May 2022 Interviews

Read more

Corpoparassita - Inesorabile (Final Muzik, 2007)

Le mille etichette con cui si elencano, suddividono e catalogano i dischi a volte lascia interdetti, soprattutto nel caso di…

01 Oct 2008 Reviews

Read more

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Camion - A Serenade For Yokels (Autoprodotto, 2011)

Appena mi è capitato fra le mani il disco di questo terzetto romano non ho potuto non pensare che avessero…

27 May 2011 Reviews

Read more

Merzbow – MONOAkuma (Room40, 2018)

Se un amico neofita mi chiedesse 10 dischi fondamentali per comprendere il genere noise, tra quei dieci ce ne sarebbero…

13 Dec 2018 Reviews

Read more

Unknown Mortal Orchestra - II (Jagjaguwar, 2013)

Galeotto fu un tranquillo giovedì sera di chiacchere nel pub di fiducia, saltano fuori nomi di possibili futuri live che…

06 Mar 2013 Reviews

Read more

Johnny Grieco: dai Dirty Actions a tronista mancato

Johnny Grieco detto "il bello" incarna perfettamente l'eroe tragicomico impersonato da Mickey Rourke nello stupendo The Wrestler, con l'attenuante che,…

18 Jun 2010 Interviews

Read more

Taras Bul'ba - Secret Chimiques (Wallace,2008)

A volte ci sono dei libretti così strani che a fatica riesci a capire dove infilare il cd, un pò…

17 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top