Fabio Fazzi – Shattered Worlds / Nunavut – Diurnal Course (Asbestos Digit, 2020)

Due interessanti pubblicazioni targate 2020 dalla prolifica Asbestos Digit.
La prima è quella di Fabio Fazzi, musicista di area elettronica sperimentale, che già si era fatto notare con l’album Harsh Communication del 2019, lavoro con il quale imbastiva un personale connubio di trame sintetiche, manipolazioni rumoriste e armonie inconsuete, mostrando qualità stilista ed eleganza di vedute. Shattered Worlds con le sue leggere linee armoniche, gli sprazzi minimalisti e le teorie candidamente disperse, ne prosegue la ricerca spingendo stavolta il suono attraverso riflessioni distopiche: le 5 tracce dell’album rendono infatti palpabile la percezione di un mondo che va alla deriva (e con esso tutte le nostre certezze), traducendo la fragilità dell’esistenza contemporanea in un tripudio destabilizzante di allitterazioni sonore e riverberi vorticosi. Un discorso reso ancora più inquietante dalla scelta di metaforizzare qualsiasi legame terreno in una tensione evanescente; persino le morbide note di un pianoforte trasfigurano in una progressiva trasparenza. Allo stesso tempo, però, la linea melodica emerge non solo come ricordo della perdita, ma anche come ultimo frammento di speranza a cui aggrapparsi nel graduale disfacimento del tutto. Un lavoro gestito con stile solido e sincera passione melanconica.
Altre sensazioni positive arrivano dal nuovo album dei Nunavut, formati da Gianni Faluomo (piano, synth), Dabrowka (rumori) Ravich Ravic (percussioni) e Antti Jussila (mallets). Come prima cosa, tuttavia, devo subito dissentire con la presentazione della label, che definisce il genere dell’ensemble con il termine hypna-prog. Dentro Diurnal Course non troverete del citazionismo sterile à la James Ferraro post-Skaters, ma partiture che mescolano si generi differenti e teorie blobistiche, ma agite con una  un rigore compositivo modern classical che rende le stratificazioni concrete e accattivanti. Senza perdersi in fantasticherie che lasciano il tempo che trovano, il quartetto costruisce una musica ondivaga ma dalla consistenza coriacea, nella quale confluiscono derive terzomondiste, lamine siderali, aperture orchestrali, droni cibernetici, Ligeti in tutte le sue sfumature, tribalismi vari, dilatazioni iperspaziali ed elucubrazioni sciamaniche. E tutto scorre maestosamente. Insomma, qui si parla di roba fatta bene, non di altro.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Barbara De Dominicis: lady sings the blues, ma non solo

Ho conosciuto Barbara De Dominicis grazie ad Anti-Gone, il suo debutto in solo, un lavoro a-melodico ma al tempo stesso…

06 Oct 2012 Interviews

Read more

Superportua – Resterai Sempre Uno (Shyrec/Soviet/Sisma Mvmnt, 2018)

Non si può non provare simpatia per i Superportua: raramente mi è capitato di sentire un gruppo che tirasse fuori…

26 Jul 2018 Reviews

Read more

Controlled Bleeding & Sparkle In Grey - Perversions Of The…

Metti una band storica che ha esplorato con risultati eccellenti davvero tanti generi musicali e una band che sta diventando…

03 Jul 2015 Reviews

Read more

Kubark – Ulysses (Autoprodotto, 2011)

Con questo secondo EP, che segue l'omonimo Kubark del 2009, il quartetto si spoglia degli influssi delle band che li…

13 Dec 2011 Reviews

Read more

Gurubanana – Karmasoda (Shyrec, 2011)

Se uno dice "pop rock", voi cosa pensate? Possono due paroline così generiche inquadrare la sostanza di un disco? Non…

11 Oct 2011 Reviews

Read more

Bass Tone Trap - Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Tim Berne & Los Totopos - 21/01/11 Teatro Torresino (Padova)

Tim Berne. Un uomo che ha lavorato con tutti i nomi "che contano" in un certo modo di fare jazz,…

03 Feb 2011 Live

Read more

Rainbow Lorikeet - Mind's Far Continents (Debacle, 2013)

Continua l'esperienza sull'americana Debacle per il biellese Nicolò Tescari, a circa un anno dall'esordio Fracture infatti arriva questo Mind's Far…

21 Mar 2014 Reviews

Read more

Mattin – Songbook #7 (Munster, 2018)

Arriva all’episodio numero sette la serie dei Songbook di Mattin con un disco pienamente punk nel senso concettuale del termine,…

09 Apr 2019 Reviews

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

Music For Eleven Instruments - At The Moonshine Park With…

Leggiadro indie-pop orchestrale di chiaro respiro europeo, molto gradevole ed accattivante come la maggior parte delle produzioni siciliane indipendenti e…

14 Dec 2016 Reviews

Read more

Lonius - S/T (Setola Di Maiale, 2008)

Un sax tratteggia una melodia jazz, note si rincorrono, si perdono, si ritrovano, sembrano abbozzare una melodia. Sotto, in un…

30 Sep 2008 Reviews

Read more

Merzbow/Gustafsson/Pandi – Cuts (Rare Noise, 2012)

Masami Akita, nell'ambito del noise massimalista di cui è maestro, ha probabilmente e da tempo già detto tutto e per…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Franz Rosati - Theory Of Vortex Sound [Outflux I] (Ripples/Capillary…

Franz Rosati pubblica dischi fin dal 2007 e da buon programmatore multimediale costruisce de sé i propri strumenti, ovvero i…

31 Jan 2012 Reviews

Read more

Kenta Kamiyama - Side Effects (Stochastic Resonance, 2018)

In genere non amo riportare stralci dei comunicati stampa, soprattutto quando pretendono di inquadrare, non di rado banalizzandolo, quanto ci…

04 May 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top