Empty Chalice – Emerging Is Submerging-The Evil (Industrial Ölocaust, 2017)

Empty Chalice, metà del duo italo-russo Gopota (la metà nostrana, per essere precisi), così si presenta sulla propria pagina Facebook: “Creatore di sonorità death industrial e death ambient”. Sembrerebbe una dichiarazione che non ammette repliche e guida l’ascoltatore su binari ben definiti ma la citazione di David Lynch nelle note di copertina della cassetta ci ricorda – non tanto per quel che dice quanto per chi lo dice – che non tutto è ciò che appare. Così se il suono e le strutture che troviamo in Emerging Is Submerging-The Evil sono tipiche dei classici lavori usciti negli anni per Cold Meat Industry o Cold Spring, il feeling è decisamente diverso, a tatti malinconico a tratti suadente, senza che la cosa renda comunque l’ascolto più rassicurante. Look Into My Eyes, coi suoi droni profondi su cui aleggia una chitarra che richiama l’Oren Ambarchi di Triste è un incipit inatteso che invita all’ascolto partecipe ed è confermato dalle atmosfere oscure ma sinistramente attraenti di Muffled Scream dove lontane melodie, come voci di sirene, ci attirano in un paesaggio livido che deve qualcosa ai Raison D’Etre di Peter Anderson. Pur rimanendo entro i limiti dei suddetti generi la musica di Empty Chalice sembra voler manifestare sofferenza più che infliggerla. Lo scenario cambia girando il lato ma non potevamo non aspettarcelo. Sideral è una sinfonia decadente dove precipitare vuol dire aleggiare in un cosmo di droni ruvidi solcati da sciabolate metalliche mentre voci distorte salmodiano in modo poco comprensibile, poi, passando per le classiche strutture death industrial di Emerging Is Submerging, si giunge all’inferno scoperchiato di Stolen Breaths And Destroyed Hopes, punto d’arrivo e non ritorno che, a partire dal titolo e attraverso il suono opprimente di mille voci che si sovrappongono nel noise che ribolle, chiarisce come non ci possa essere redenzione alcuna. È da qua, guardandosi indietro, che tutto il percorso si fa manifesto: lontano dal solito nichilismo, Emerging Is Submerging–The Evil mette in luce senza compiacimento quel sottile fascino che è proprio del male e che contribuisce a renderlo così terribile. Una cupa riflessione, senza sconti, faccia a faccia con il lato oscuro dell’essere.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

Five Rooms - No Room For Doubt (Amirani, 2010)

Five Rooms non è un gruppo nuovo scoperto dalla Amirani ma una vera e propria all star band che vede…

01 Mar 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Tra(x)cce Su Eicool Sat. (Eicool Sat., 2007)

Per quanto sia rimasto relativamente perplesso nel leggere le note interne di questa compilation, tanto da pensare che Burroughs in botta…

24 Sep 2007 Reviews

Read more

Bobby Soul & Blind Bonobos – Live At Meg Mell…

Ancora lui. Sempre lui. Maledettamente gigione, maledettamente educato, simpatico e dotato. Bobby Soul in una perpetua trasformazione di umori, non…

31 May 2013 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - Hidden Tales and Other…

Dopo circa un anno dal precedente The Earth Cries Blood, l’artista che si cela dietro il nome di The Child…

04 Dec 2014 Reviews

Read more

Newdress - Newdress (Kandinsky, 2010)

Quando si infila nel lettore un cd che si presenta così ben confezionato (illustrazioni di Mirko Pellizzoli, packaging e grafica…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

The Death Of Anna Karina - New Liberalistic Pleasures (Unhip,…

I The Death Of Anna Karina  sono dei provocatori. Basta vederli sul palco, basta ascoltare le dediche a M. Placanica.…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Malkomforto - S/T (Taxi Driver/Dischi Decenti, 2016)

Delicato screamo tardo anni Novanta per una band presumibilmente giovane che arricchisce il proprio disagio urbano attraverso una malinconica e…

06 Apr 2017 Reviews

Read more

The Go Find - Brand New Love (Morr Music, 2014)

Il belga Dieter Sermeus porta avanti i suoi The Go Find con un disco ogni tre/quattro anni, siamo arrivati al…

27 Mar 2014 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Lol Coxhill - Fine Tuning (Amirani, 2010)

Dopo Braxton e Russell la Amirani si spara un altro monumento vivente dell'avant-impro-jazz anglofono, Lol Coxhill. Per chi non lo…

12 Jul 2010 Reviews

Read more

Mattia Coletti & Own Road/Powerdove – Split Tape (Old Bicycle,…

Una particolarità degli incontri/scontri che la serie Tape Crash della Old Bicycle ci presenta - oltre alla grande varietà stilistica…

20 May 2014 Reviews

Read more

Nate Wooley – Columbia Icefield (Northern Spy, 2019)

Si respira da subito una particolare atmosfera estraniante in Columbia Icefield, nuovo lavoro del trombettista Nate Wooley, dove risalta un…

06 Mar 2019 Reviews

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

Zeal & Ardor - S/t (MVKA, 2022)

Manuel Gagnieux è ormai arrivato al terzo disco (quello della maturità si sarebbe detto una volta). Terzo album ufficiale, giacché…

03 Apr 2022 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top