Delia Meshlir – Calling the Unknown (CD / LP Irascible, 2022)

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a Losanna una data ai Melampus (era Hexagon Gardens, qui passato dalla penna di Stefano Fantino) in coabitazione con Delia Meshir. Dopo sette anni, stregato da Calling the Unknown, sono qui a rimettere insieme i pezzi. È passato una vita e, dalle informazioni in mio possesso, questo è il suo debutto fisico ufficiale (Stories From Vaculty, proprio di quell’anno, rimase infatti nell’aura digitale). Gavetta e palchi a profusione, per una musicista che parte da epigoni base di un certo suono, quei Nick Cave e Polly Jean Harvey che tanto diedero all’intensità in musica ma, complici le lezioni di piano, ha introiettato anche il jazz spirituale di un Pharoah Sanders. Delle prime esperienze in seno al progetto Cheyenne non saprei dirvi ma quel che conferma le buone impressioni è tutto qui, in queste 9 tracce. Filano che è una meraviglia, con una Delia che gestisce al meglio intensità e tremori, forte di una backing band di tutto rispetto che in questo lavoro si compone di batteria, basso, chitarra e sax. Il suono risulta pieno ma mai esagerato, misurato nell’accondiscendere vocalità sgranata e quasi d’antan della cantante. Molte le frecce nel suo arco, ma inizierei dal brano che chiude il lavoro, un colpo diretto al cuore tra voce spettrale e piano The Future Holds My Hand chiude in maniera magnificam spegnendo la luce a 35 minuti abbondanti di carattere e stile. Chapeau.
L’incedere del disco è slegato dal presente, tema che sempre più ricorre nelle soliste donne che maggiormente apprezzo (come datare una Marina Allen? Una Lana del Rey? Una Cristallo?), con una voce gioca a confondersi con le strumentazioni, calde, che la sostengono e giocano con lei. Ci si bea quindi, tra giri di chitarre maggiormente folk e momenti invece di apertura quasi orchestrale (magistrale The Better Half) che si lanciano in cavalcate dai sapori western. Del resto, chiamando un brano Satin Woods, l’autrice sembra proprio descrivere i due mondi entro i quali si muove: ritmi vagamente scentrati, come un vecchio 33 giri imbarcato dai cambi di stagione, incroci di chitarra super classica e sax, enfasi e voce su pellicola. In Dirty Colors il piglio si fa più rock e l’incedere è perfetto, c’ê sinuosità, carattere e ritmo. È solo un episodio, peccato, perché qualche momento più ritmato avrebbe ben rappresentato lo spettro di azione della nostra (presumo che dal vivo possa riservare delle discrete sorprese in questo senso, spero presto di poterne saggiare le bontà), ma il clima resta comunque notturno e deciso anche in Cry Me Something, con una lunghissima coda sulla quale ondeggiare e su una Over The Seasons che da lirica e gotica si trasforma in pichedelia rurale e gutturale. Horseland ci riporta giù tra classicismi giocati al piano, riportandoci là, dove eravamo partiti.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hexn - YY (Zen Hex, 2018)

Onestamente le primo uscite di Hexn, al secolo Alberto Brunello, non avevano destato in me particolare interesse: si accodavano al…

08 May 2018 Reviews

Read more

Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due,…

12 Oct 2011 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Nudist - See The Light Beyond The Spiral (Santavalvola/Taxi Driver/Shove/Deathcrush/Oniric/DioDrone,…

Nella più contemporanea tradizione sludge, il viatico dei nostrani Nudist fuoriesce istantaneamente dall'atmosfera come attacca l'apripista Horror Vacui. Immediatamente veniamo…

01 Apr 2015 Reviews

Read more

Le Singe Blanc + Ada-Nuki - 24/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Capitano certe volte clamorose botte di culo, fare una cosa con sufficienza, per noia o semplicemente perché non c'è nulla…

04 May 2009 Live

Read more

My Dear Killer – The Electric Dragon Of Venus (Boring…

Sorprende vedere come un'etichetta nota per la musica di ricerca come la Boring Machines stia, col tempo, accogliendo sotto la…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more

Kern/Batia Hasan – The Commercial Tape (Kaczynski, 2020)

Il secondo volume della serie Tape Session della Kaczynski conferma la felice idea di associare artisti in qualche modo complementari…

09 Jun 2020 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

St.Ride - Onde (Niente, 2009)

E così in un batter d'occhio la Niente è arrivata al Volume 4, spirito punk con grafiche ultra spartane (a…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Ovo – Creatura (Dio Drone, 2016)

Gli Ovo se ne escono dall’antro della Supernatural Cat lasciandosi alle spalle quel processo di relativa normalizzazione metal a cui…

11 Jan 2017 Reviews

Read more

White Hex - Heat (Avant!, 2012)

I White Hex sono un duo australiano composto da Tara Green e Jimi Kritzler, per un po' di tempo di…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

Fabio Orsi - The New Year Is Over (Silentes, 2012)

Mastodontica uscita per Fabio Orsi, infatti questo The New Year Is Over è addirittura un triplo: genericamente sono molto scettico…

09 Jul 2012 Reviews

Read more

Tsigoti – The Imagination Liberation Front Thinks Again (Autoprodotto, 2012)

The Imagination Liberation Front Thinks Again è un disco dalla storia complessa. Uscito solo in digitale e attualmente reperibile su…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top