David Tangye/Graham Wright – How Black Was Our Sabbath (Pan, 2005)

Il titolo e gli strilli sulla copertina promettono succosa ignoranza e lasciano presagire aneddoti da scambiarsi, la sera, di fronte a birre e Barbera superiore. Il fatto è che le promesse solitamente valgono quanto un centimetro di bava di lumaca… poi se sono fatte sulla copertina di un'edizione in brossura di una bio non autorizzata dei Black Sabbath, allora il valore della facenda precipita inesorabilmente. Iniziamo col dire che questo libro dovrebbe (DOVREBBE) esere stato scritto da due roadie della band. Il condizionale è imperativo, perché è chiaro che i due suddetti presunti autori – in realtà – si sono limitati a rilasciare qualche dichiarazione, poi cucita da qualcuno armato di pazienza e nessuna verve rockettara.
Ci voleva un genio da impiegato dell'anagrafe ultrasettanenne, o da giornalista della seconda republica, per smorzare ogni minimo afflato di mitologia in una storia che ha per protagonisti Tony Iommi, Ozzy Osbourne e i Black Sabbath. E che cacchio! Quello che stupisce e delude è, infatti, la mancanza di ignoranza e la piattezza della vicenda. Sembra una bio scritta da un editorialista de La Stampa in un giorno morto di metà agosto: dove sono gli eccessi, i casini, i disastri, le atmosfere mortifere? Tutte occultate, come a volersi tutelare da strali e menate, data la natura non ufficiale del libro. Pararsi il culo è un un'arte e una necessità, ma se poi significa scrivere la storia dei Sabbath facendola diventare la biografia di una cover band di Serravalle Scrivia, allora c'è qualcosa di profondamente sbagliato. Pollice verso. Da evitare, a meno che non lo troviate a 50 centesimi… allora val bene lo sforzo.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

oRSo - Ask Your Neighbor (Contraphonic, 2008)

"Molta della musica che ascolto oggi mi delude in maniera sorprendente perché è così dannatamente noiosa. Manca completamente di... bè,…

17 Sep 2008 Reviews

Read more

Airportman/Giaccone/Lalli - Anna E Sam (Lizard, 2016)

Tredicesima uscita per gli Airportman che continuando la collaborazione con gli amici Stefano Giaccone e Lalli, duo che non ha certo…

28 Nov 2016 Reviews

Read more

Valerio Cosi – Plays Popol Vuh (Dreamsheep, 2014)

Non si può dire che Valerio Cosi non ami il rischio: a misurarsi in maniera così scoperta con dei mostri…

02 Dec 2014 Reviews

Read more

Alessandro Ragazzo – Cinque Studi Sul Paesaggio (Disipatio, 2020)

Prima uscita sulla lunga distanza per Alessandro Ragazzo, musicista di area veneta che dopo alcune cassette e cdr esordisce sulla…

11 Jan 2021 Reviews

Read more

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Asymmetrical Warefare (Azoth, 2015)

Ultimamente più in forma che mai, Simon Balestrazzi decide anche di creare una propria etichetta per diffondere i suoi lavori…

10 Feb 2016 Reviews

Read more

Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon…

03 Oct 2016 Reviews

Read more

Leg Leg - Manta (Wallace, 2009)

"Ma l'amor mio non muore" e così la Wallace pur sfornando dischi diversi a ripetizione mantiene un suo profilo o…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Morose/Campofame – Cinque Pezzi Facili, Volume 4 (Under My Bed,…

Il penultimo capitolo della serie Cinque Pezzi Facili ospita due graditi ritorni: quello dei Morose, che dopo La Vedova Dell'Uomo…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

VV.AA. - DGT/DIJ (An Asbestos Digit Rant To Death In…

Esce giusto in concomitanza con la pubblicazione del nuovo lavoro dei Death In June, Essence!, questa compilation/tributo edita dalla Asbestos…

19 Jan 2019 Reviews

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Replace The Battery - Daily Birthday (In The Bottle, 2010)

Proprio dopo aver finito la recensione dei Ka Mate Ka Ora ecco che ci imbattiamo nei padovani Replace The Battery,…

27 Jan 2011 Reviews

Read more

The Magik Way - Il Rinato (My Kingdom, 2020)

Sono probabilmente un caso unico gli alessandrini The Magik Way, fazione fuoriuscita dallo storico ensemble metal dei Mortuary Drape per…

09 Feb 2021 Reviews

Read more

Hexen & Wailing Of The Winds - S/T (Diazepam, 2014)

Dopo l'esordio in cassetta sulla sua Diazepam e il CD su Paradigms, Wailing Of The Winds arriva alla terza uscita…

16 Dec 2014 Reviews

Read more

Kenta Kamiyama - Side Effects (Stochastic Resonance, 2018)

In genere non amo riportare stralci dei comunicati stampa, soprattutto quando pretendono di inquadrare, non di rado banalizzandolo, quanto ci…

04 May 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top