Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone e il gruppo australiano si ferma a tempo indeterminato. Peccato. Per tentare di consolarci ci lasciano in eredità questo vinile con CD accluso e splendida copertina color antracite con incrostazioni bituminose a formare nomi e titoli: un feretro di gran classe.
E di gran classe è il disco, con l’apripista Suture che mette in mostra le doti migliori del quartetto, quell’aria di Khanate passati in un tritacarne power violence e il corollario di urlacci, stop and go e chitarre che avanzano a fatica, un vero distillato di sofferenza. Nel corso del disco velocità e lentezza si alternano, ma è nettamente la seconda a prevalere, confermandosi il campo dove il gruppo sa dare il meglio di sé, facendo emergere una sporcizia che pare estratta a mani nude dalle viscere. È musica, quella dei Dad They Broke Me, che solo a tratti riesce ad articolarsi e che il più delle volte sfoga la propria frustrazione con battiti che sembrano mandati a 10 rpm ed elettricità statica che sfocia in sferraglianti impennate avant metal, a stento ingabbiate dalle strutture ritmiche. Valga per tutte la conclusiva (in tutti i sensi) Gutted Slowly, caos totale col suono che deraglia e va letteralmente in pezzi, per ricomporsi solo nel finale con un’improvvisa accelerazione che termina, presumibilmente, contro un muro. Si chiude qui: è stato un bel funerale.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Keiji Haino, Merzbow, Balazs Pandi - Become The Discovered, Not…

Dopo An Untroeblesome Defencelessness, tornano a fare danno i maestri del rumore Keiji Haino e Merzbow assieme al sodale Balasz…

18 Oct 2019 Reviews

Read more

Extra - F R Double E (Commune, 2006)

Già membro negli anni novanta dei Drill Team, band alt rock, il californiano J. Mills si diverte con questo progetto…

20 Dec 2007 Reviews

Read more

AIPS Collective – Postcards From Italy (Oak, 2013)

L’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori è un collettivo di musicisti il cui intento è quello di promuovere la cultura del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Hoch/Tief - S/T (Arctic Rodeo, 2011)

E' da vent'anni ormai che la band di Stoccarda calca il palco dell'indie rock: non è stata una proprio una…

22 Aug 2011 Reviews

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Sex On Toast + Pivixki - 13/10/10 The Toff In…

Il locale scelto per stasera è centralissimo e fa parte di un complesso molto particolare: un intero edificio di cinque…

08 Sep 2010 Live

Read more

Des Moines - Like Freshly Mown Grass (Dinotte/We Work, 2018)

Pur essendo orientati prevalentemente verso altri ambiti, capita talvolta, per particolari congiunzioni astrali, di imbattersi in lavori che sono il…

14 Nov 2018 Reviews

Read more

Derma - Signore E Signori, Buonanotte... (Luce Sia, 2021)

Glorioso ritorno in gran spolvero dopo due anni di silenzio. EBM, Sinth wave e Kraftwerk: musica a nostro giudizio immortale,…

25 Oct 2021 Reviews

Read more

Squadra Omega - Le Nozze Chimiche (MacinaDischi, 2011)

Momento di felice iperattività per uno dei gruppi più psicotropi della penisola: da poco abbiamo tolto dal lettore l'ottimo disco…

14 May 2011 Reviews

Read more

Inkarakua - S/T (Uk Division, 2007)

 Gli Inkarakua sono un quintetto sardo dedito ad un metal talmente ignorante e vuoto da far sembrare i Soulfly pari…

26 Jun 2010 Reviews

Read more

Earth + Mount Eerie + Ô Paon – 24/03/12 Auditorium…

Al quarto tentativo, dopo vari spostamenti di sede dovuti al terremoto di febbraio, finalmente la rassegna Sound Canvas riesce ad…

06 Apr 2012 Live

Read more

Atomic Papas - The Invisible Man (Hellbones, 2020)

Rockabilly di ampio respiro quello proposto dal terzetto toscano che, benché di recente fondazione, dimostra un rilassato e disinvolto affiatamento…

27 Oct 2020 Reviews

Read more

Monosonik - 42:728 Hours (Sottomondo, 2008)

Quando ho visto che il cd era uscito per la Sottomondo, senza curarmi troppo del nome del gruppo, avevo subito…

06 Aug 2008 Reviews

Read more

Dalila Kayros – 02/03/13 Il Revisionario (Brescia)

Fossimo dediti alle classifiche di fine anno, Nuhk di Dalila Kayros finirebbe certamente in testa alla mia lista; grande era…

15 Nov 2013 Live

Read more

Zippo - Maktub (Subsound, 2011)

Ennesimo misero tentativo di scimmiottare i Mastodon (ultimi) e tutta una certa tendenza stonerevolutiva che nei sopraccitati, insieme a…

06 Oct 2011 Reviews

Read more

Vivienne The Witch - Shadowbox (Taxi Driver, 2016)

La vecchiaia sopraggiunge quando un genere musicale esploso nella propria giovinezza ritorna sotto forma di revival? Può essere. Considerando che…

28 Sep 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top