Buzz Aldrin – S/T (Unhip/Ghost, 2010)

Un gruppo di cui mi sembra che si sia parlato e che si parli parecchio, un po' perché avevano fatto uscire una cassetta per l'etichetta di mr. Jukka Reverberi dei Giardini Di Mirò e poi per essere usciti su due etichette indie di primo piano come Unhip e Ghost. Almeno per una volta parlerei di clamore meritato, infatti pur non inventandosi nulla i Buzz Aldrin hanno quel Supertouch millantato in un celebre pezzo dei Bad Brains. Post-punk anglofono e anglofilo di quello che gli americani stessi scimmiottano ma che trae la sua origine nel Regno Unito e sfido chiunque a dire il contrario (comunque per chi mi vuol sfidare, mio zio Alfredo "c'ha l'ape car truccato").
Batterie quadrate e dritte, basso felpato ma "pounding", come direbbe qualcuno che ne sa più di me, chitarre con i riverberi, pedali vari e i suoni al posto giusto e soprattutto la voce con quel bel riverbero degno dei primi Clinic (che ad ora sono uno dei gruppi che mi ricordano più da vicino, manco fosse poco). Qualcuno di voi ha detto che anche i Clinic a loro modo suonavano molto "garage"!? Ok ve la passo e la uso anche io, ma resta che non si tratta esattamente di garage a partire dalla produzione del disco che, pur facendo suonare tutto come deve, risulta molto pulita e "morbida". La capacità di questi ragazzi è quella di far suonare le tracce lavorando un riff ed arrangiandolo senza troppa fretta di stare a cambiarlo, il risultato più ovvio è che i pezzi seppur molto semplici sono scritti e sviluppati molto bene. Quest'ultima caratteristica, messa assieme al gusto per i riff tetri, li differenzia dal gruppo medio che si avvicina a queste sonorità senza quelle intuizioni che ad esempio fanno la differenza fra un semplicissimo pezzo dei Fall e quello di mille altri gruppi che cercano di fare la stessa cosa non riuscendoci. I modelli ci sono e sono ancora parecchio evidenti, non sarà neppure il genere preferito di molti nostri lettori, ma ad averne di gruppi del genere… un vinello sincero.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Unit Ama - s/t (Gringo, 2006)

Partire da una base molto semplice. Lavorarci sopra. Ricamare. E poi strappare tutti i fili inutili, tutti gli ornamenti e…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Nautilus Duo - Tales Of The Flying Whale (Setola Di…

Il duo in questione è composto da Mirko Busatto alla chitarra elettrica e Paolo Calzavara alle elettroniche: la cosa più…

04 Feb 2013 Reviews

Read more

Franz Rosati – Ruins (Nephogram, 2014)

Nuovo lavoro per il romano Franz Rosati, musicista, videoartista, discografico (sua l’etichetta che fa uscire il disco) e membro dell’attivissimo…

18 Jul 2014 Reviews

Read more

Orion - Builders Of The Cosmos (Taxi Driver/Brigante 2016)

Riffs belli cicciosi alla Conan, immaginario cosmologico di attribuzione vagamente pagana e cantato tra Kyuss e Hermano. Il gioco è…

14 Oct 2016 Reviews

Read more

The Asstemians – S/T (Neonparalleli/HYSM?, 2014)

Il nome prometteva male, le facce in copertina pure peggio. L’ascolto… Dio ce ne scampi! Mirko Spino, braccio e mente…

24 Jun 2014 Reviews

Read more

Kailash - S/T (Trazeroeuno, 2006)

Scintillante e stiloso Death iper-tecnico per i Kailash, giovani virgulti nostrani. La scuola del mai abbastanza compianto Chuck Schuldiner ha giustamente generato…

28 Apr 2007 Reviews

Read more

Rec_L – For Anita (Kaczynski, 2018)

La seconda uscita della Kaczynski, dopo la compilation Pulsioni Oblique, è un 7” in vinile che definire ultralimitato è un…

04 Apr 2018 Reviews

Read more

Hue - Live At Lab 12 Part 2: Hue Playing…

Se avete dato un'occhiata all'intervista che gli abbiamo fatto qualche tempo fa avrete capito che Matteo Uggeri in arte Hue…

05 Jun 2007 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

?Alos/Xabier Iriondo - Endimione (Brigadisco, 2012)

Il sodalizio fra Stefania Pedretti/?Alos e Xabier Iriondo, che avevamo sperimentato con il 7” su Tarzan Records, esordisce sulla lunga…

23 Oct 2012 Reviews

Read more

Enomisossab - O (CD EdisonBox, 2022)

Ascoltando una voce slegata dal corpo l’immaginazione vola. Spesso si tende a pensare chi sperimenta vocalmente come un gigioneggiatore, dati…

19 May 2022 Reviews

Read more

Anti You - Blank Stares (Agipunk, 2013)

Secondo disco sulla "lunga" distanza ed ennesima grande prova dei romani Anti You che, secondo i loro canoni, sfornano 16…

01 Apr 2014 Reviews

Read more

Action Beat + Nurse! Nurse! Nurse! – 06/11/09 Locanda di…

Un paese di campagna  che si chiama Campagna con una locanda che si chiama Locanda: stasera il suono dei tamburi…

19 Nov 2009 Live

Read more

Attilio Novellino - Strängar (Forwind, 2020)

Sicuramente per un musicista come Attilio Novellino l’aggettivo “poliedrico” non è usato a sproposito: da lui non si sa mai…

06 Oct 2020 Reviews

Read more

Luminance Ratio/Yannis Kyriakides – Split 7” (Fratto9 Under The Sky/Kinky…

Terzo episodio nella serie degli split che i nostri Luminance Ratio hanno deciso di dividere con musicisti stranieri di una…

02 Apr 2015 Reviews

Read more

VV. AA. - Cinque pezzi facili 5 (Under My Bed,…

Capolinea per la serie Cinque Pezzi Facili: quinto capitolo, ultimi due gruppi. E finalmente, accostando le copertine, potrete riconoscere il…

20 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top