Brutal Truth – Evolution Through Revolution (Relapse, 2009)

Con la bella stagione sbocciano i frutti migliori. In questo caso non è proprio una primizia, chiamiamola piuttosto un graditissimo ritorno. Li avevamo lasciati alla fine della decade scorsa con l'emblematico doppio epitaffio Goodbye Cruel World che racchiudeva, oltre ad un bellissimo live in Giappone, un cd extra di outakes e covers. Poi lo scioglimento, una separazione dovuta a problemi personali tra i componenti che, come si dice, erano "caratterini di tutto rispetto". Per gli approfondimenti del caso vi rimando all'intervista a Kevin Sharp ancora disponibile nelle pagine del vecchio sito. In questi dieci anni di cose ne sono successe tante: Kevin Sharp si è laureato, ha collaborato con gli australiani Damaged, ha formato Venomous Concept con King Buzzo e Shane Embury (autori di due pregevoli lavori old-core su Ipecac). Brent McCarty ha messo sù famiglia, Rich Hoak ha agitato le pelli di Total Fucking Destruction, mentre Danny Lilker (sicuramente la figura più importante di sempre nel metal estremo) ha rimaneggiato S.O.D, Exit 13 e Nuclear Assault. il moniker Brutal Truth è tornato alla ribalta solo per l'album tributo a Eye Hate God (volto a raccogliere fondi per la ricostruzione dello studio degli stessi E.H.G., distrutto del tornado Katrina). E siamo al presente. "Gurn" Mc Karty è stato definitivamente sostituito da Erik Burke (Kalibas, Sulaco ed ultimi Nuclear Assault), mentre il resto della band è rimasto invariato. Il nuovo lavoro non si scosta molto dagli ultimi prodotti anni novanta: rifferama vorticoso, raramente  ritmico, avvitato su certa scuola grind giapponese. I break rumoristici sono stati accantonati per privilegiare piuttosto alcuni disperati intermezzi sludge (Detached) che rimembrano l'intro di Need To Control. Oggi più che mai la voce al vetriolo di Kevin Sharp si muove disinvolta e varia all'interno di strutture talmente serrate da lasciar poco spazio al "bel canto". Un disco non certo innovativo, ma che non deluderà l'attesa di tutti quei fans che hanno atteso pazienti, ma fiduciosi questo grande ritorno. Da segnalare le sperimentazioni free di Semi-Automatic Carnation e i passaggi armonici (si fa per dire) di Afterworld. Smoke! Grind! Sleep!

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi / Fabio Orsi - Soundpostcards (Cold Current, 2008)

L'altro giorno ho fatto un discorso con il buon Ferraris sulla qualità di certa musica elettronica italiana rispetto a quella…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Nicola Ratti - Prontuario Per Giovani Foglie (Megaplomb, 2006)

Con colpevole ritardo recensiamo questo CD di Nicola Ratti. L'impressione è buona ed è rimasta la stessa che avevo avuto…

11 Jun 2007 Reviews

Read more

Caligine - II 3” (Monstre Par Exces, 2009)

Ho tardato tanto a fare la recensione del debutto dei Caligine che hanno fatto in tempo a mandarci il secondo…

30 Apr 2009 Reviews

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more

June - Happy Boys Cry Loud (Here I Stay, 2007)

La Here I Stay è l'etichetta sarda che qualche tempo fa aveva fatto uscire i Plasma Expander in collaborazione con…

04 Aug 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - 8 Heretical Views / Two Views (Aagoo, 2013)

Addirittura due uscite di remix per Anyway Your Children Will Deny It dei Father Murphy: un 12" con il disco…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

Fabrizio Modonese Palumbo – Doropea (Old Bycicle, 2015)

Torino difficilmente lascia indifferenti, ma come tutti i luoghi, per essere conosciuto, va vissuto e anche questo può non bastare.…

24 Jul 2015 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Sex And Dead Cities (Boring…

In questi ultimi anni nessuno ha saputo raccontare la Sardegna, il suo spirito, la sua storia e il suo presente,…

27 Dec 2019 Reviews

Read more

Stefano Isidoro Bianchi - Prewar Folk, "The Old Weird America":1900-1940…

Uscito da un po' di tempo, ma solo da qualche mese distribuito nelle librerie, il libro di Stefano Isidoro…

18 Jun 2009 Reviews

Read more

The Vaselines - 28/01/12 Bronson (Ravenna)

Reunion. Best of suonati pedissequamente. Ignobili crowdpleaser degni dei peggio leccapiedi del pubblico da letteratura di serie Z. Di solito,…

10 Feb 2012 Live

Read more

Father Murphy – 13/04/12 Agorà Del Polaresco (Bergamo)

Se avete letto la recensione del nuovo album dei Father Murphy, potrete capire che l'occasione di vederli dal vivo a…

27 Apr 2012 Live

Read more

Tongs - Jazz With The Megaphone? (Long Song, 2009)

Disco che suona parecchio intrigante alle mie orecchie questo Jazz With The Megaphone?, frutto della collaborazione tra Luca Serrapiglio, Antonio…

02 Feb 2010 Reviews

Read more

Les Man Avec Les Lunettes - Qui Cherche Trouve (MyHoney,…

Dopo Lumière Electrique, Fabio Benni sfoga tutta la sua passione per l'indie pop (dall'epoca C86 fino alle nuove scoperte scandinave,…

26 Sep 2006 Reviews

Read more

AA. VV. - Alessandria Post Industrial Area (Inverno/Creative Fields, 2017)

Torniamo in contatto con la Inverno records di Guido Bisagni aka Larva 108 con questa raccolta di musica ambient/industrial tutta…

23 Feb 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top