K-Branding – Facial (Humpty Dumpty, 2009)

Molto interessante, ecco finalmente un gruppo che ha dei riferimenti che oggi non sono così comuni, non dico necessariamente fuori moda, ma già solo per avermi ricordato gruppi ed atmosfere del giro sperimentale di fine Ottanta, inizio Novanta fa sì che li differenzi di parecchio dalla maggioranza delle tavanate pseudo-free, proto-jazz-core, krimson-pure-io che spesso mi è capitato di sentire di questi tempi.
I belgi K-Branding di Brussel vengono presentati come trio jazz-core, ma in un certo modo questo potrebbe anche essere riduttivo visto che sì, è vero, vanno di jazz-core e di free suonato a badilate stile Ruins o Zu più soft, ma non si riducono a quello, infatti spesso assomigliano molto di più a delle cose strambe che uscivano qualche tempo fa dal Giappone e non solo, se proprio serve fare dei nomi oltre a quelli già fatti aggiungerei gli Ultrabidè, i Godz of Kremur, Optical Eye e qualche cosa dei vecchi Boredoms (che per il sottoscritto rappresentano il primo gruppo jazz-deviant-core visto da adolescente… e che bel vedere che erano! ). Esatto, i K-Branding in un certo senso si riallacciano ad una tradizione di musica rock-deviante europea che le teste di cazzo che mi dicono che dischi comprare si sono dimenticati velocemente (perché "yankee go home… ma se sono americani saranno senz’altro meglio che gli svizzeri, o i francesi"). Quanto detto implica che le melodie siano mediamente cupe, acide e mezze storte, un trip andato a male e quel sano gusto per la decadenza tutto europeo che ha fatto sì che Kaspar Brotzmann (Dio bono ho detto Kaspar Brotzmann!!), Bastard (quelli francesi) abbiano segnato più a fondo il rock di quanto a volte lo si voglia ricordare e il noise transalpino il suo suono ce l’aveva, molto di più di quanto ce l’abbia il post-rock che arriva da quelle lande (i K-Branding sono Belgi, quindi rientrano in gioco di sponda). Facial non suona per nulla vecchio, infatti anche se prende il via da quelle atmosfere si sposta pian piano altrove, brancolando nel buio e cercando pian piano una sua dimensione.
"Americans are cool! Americans are cool! Americans are cool! Bullshit!" (Spermbirds)

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more

The Giant Undertow - The Weak (InTheBottle/Shyrec/Indipendead/PopeV, 2016)

Obliquo e un po' sbronzo il folk di Lorenzo Mazzilli è ricco di un mood irresistibile e coinvolgente. A cercar…

21 Oct 2016 Reviews

Read more

Marta De Pascalis – Anzar (Tapeworm, 2016)

Il secondo lavoro della musicista italo-berlinese, stavolta pubblicato su nastro dall’inglese Tapeworm, è racchiuso in una copertina in bianco e…

30 Nov 2016 Reviews

Read more

Psss Psss Psss – S/T (Pezzente Produzioni, 2008)

Il gruppo in questione (è un gruppo?) ha suonato quest'anno al Tago fest ma me lo sono perso, in realtà…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

The Tablets - S/T (Autoprodotto, 2014)

Succede di frequente che gruppi o progetti non particolarmente degni di menzione abbiano la fortuna (o chiamatela come volete) e…

08 Sep 2014 Reviews

Read more

Sebastiano Meloni/Adriano Orrù/Tony Oxley - Improvised Pieces For Trio (Big…

Nella mole di cd che riceviamo e che escono, purtroppo ho accumulato un po' di ritardo nel recensire questo lavoro…

30 Sep 2010 Reviews

Read more

Alberorovesciato/Donato Epiro - S/T (Sturm Und Drugs, 2010)

Nuovo lavoro per l'etichetta pugliese e nuovo episodio per Donato Epiro, questa volta in combutta con Alberorovesciato per uno split…

04 Oct 2010 Reviews

Read more

Napalm Death - Smear Campaign (Century Media/EMI, 2006)

Ancora veterani. Suppongo che suonare Grind/Death sulla soglia dei quaranta ti faccia vivere una quotidianità piuttosto normale, forse più o…

29 Nov 2006 Reviews

Read more

Black Fluo - Billion Sands (Pulver Und Asche, 2014)

A scadenze temporali abbastanza regolari, sui 20 - 25 anni, ogni genere o sottogenere musicale viene ripreso, a volte attualizzato,…

27 Nov 2014 Reviews

Read more

Luigi Milani - Rockstar (Lulu, 2006)

Prendiamo la storia di una veejay disgustata dal suo lavoro su Mtv, il cantante di un gruppo grunge morto tragicamente…

16 Jun 2007 Reviews

Read more

Dead Man - S/T (Crusher, 2006)

Da rimanere a bocca aperta come ragazzini di fronte alla nuova Playstation o come pornofili per la prima volta in…

31 Oct 2006 Reviews

Read more

Ryoji Ikeda – 21/03/2015 Interzona (Verona)

Pochi eventi ma buoni, aveva annunciato l’Interzona per questa nuova stagione. Sul pochi avrei da ridire – semplicemente per il…

27 Mar 2015 Live

Read more

Levis Hostel - Star Bell Jar (Persian Surgery, 2009)

"Lo spirito del Natale ci ammorberà fino alla prossima estate", questo sottotitolo accompagna l'esordio dei pescaresi Levis Hostel dopo il…

20 Dec 2009 Reviews

Read more

Les Man Avec Les Lunettes - Qui Cherche Trouve (MyHoney,…

Dopo Lumière Electrique, Fabio Benni sfoga tutta la sua passione per l'indie pop (dall'epoca C86 fino alle nuove scoperte scandinave,…

26 Sep 2006 Reviews

Read more

Pan del Diavolo - 23/08/09 Festa Di Radio Onda D'Urto…

Se il valente Giorcelli, con gentile signora, si sobbarca i quasi 400 chilometri che dividono Brescia dalle spiagge della…

24 Sep 2009 Live

Read more

Crystal Plumage - Night Conference (Sincope, 2012)

Probabile omaggio a Dario Argento il nome di questo duo formato dal francese Benjamin L. Aman (Glue Pour, Lucie Huck…

27 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top