Black Eagle Child/Donato Epiro – Split LP (Blackest Rainbow, 2010)

Sarà l'inverno o tutta la roba senza senso o tirata che ho ascoltato ed ascolto, ma ogni tanto provo un piacere incredibile nel far girare alcuni dischi folk, weird o "normali" che siano. Questo split, ad esempio, mi ha dato delle immense soddisfazioni, sia mentre cercavo di vincere la mia naturale pigrizia a cucinare, sia mentre gongolavo nella vasca da bagno. Si tratta di chitarre acustiche esperte e piuttosto rodate su entrambi i lati del vinile, da una parte uno yankee e dall'altra un italiano che abbiamo già recensito più volte e pure intervistato.
Black Eagle Child ha confermato tutto il bene che di lui avevo pensato ascoltando il lavoro su Sturm Und Drugs: pezzi semplici e molto ben registrati che si muovono su una o due incisioni di chitarra, talvolta accompagnate da glockenspiel o da altri suoni prevalentemente acustici e immolati all'amore per la melodia. Si tratta di canzoni semplicissime, prodotte perfettamente, senza nulla di particolare, ma proprio per questo direi che fanno effetto: generico, semplice, ma i pezzi girano lo stesso e si fanno ascoltare e riascoltare senza venire mai a noia. Rispetto ad altri suoi lavori, Donato Epiro si mette il vestito giusto per quest'occasione e fa eco all'americano con tre tracce altrettanto semplici ma un poco più ricche. Anche in questo caso sembra trattarsi di musica luminosa, campi di grano e luce del sole che li batte dall'alto. Sarà che a volte viene da pensare che uno scorcio rurale, Oregon o Tavoliere delle Puglie che sia, non è così differente se gli togliete il segno della mano dell'uomo. Invece dal secondo episodio direi che le migliori qualità dell'italiano, o forse la maggior cerebralità nella scrittura dei pezzi, escono allo scoperto e invece che american folk molto classico sembra di ascoltare qualche bella sventagliata di corde alla Grubbs o O'Rourke, poco meno deviante ma siamo da quelle parti. Semplicità e gran classe, bravi davvero.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bobby Soul E Il Maschio #1

Ammetto di essermici avvicinato quasi per caso. Nel modo più tipico poi: dal momento che qualcuno lo criticava, oltrettutto per…

18 Nov 2007 Interviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Bad Pritt – EP1 (Shyrec/Ricco, 2021)

Ascoltare ad alto volume. Per quanto possa sembrare strano riferito ad un EP che ha nel piano lo strumento principale…

29 Dec 2021 Reviews

Read more

Electric Mop - Pop (Chief Inspector, 2007)

Titolo più che mai azzeccato, anche perché a tratti più pop di così si muore, sia per il tipo di taglio…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Father Murphy/HMWWAWCIAWCCW - 7" split (Aagoo/Avant!/Boring Machines/Brigadisco et al., 2011)

Sotto la benedizione di ben sei etichette e con echi di tuono in lontananza, entriamo nella prima facciata a 45…

09 Nov 2011 Reviews

Read more

So.lo – Galvanica (Thingstoburn, 2011)

In Veneto, lo notavo durante le ultime trasferte, gran parte di quelli che girano per concerti suonano. O producono dischi.…

19 Oct 2011 Reviews

Read more

Adamennon/Alessandro Parisi – Il Plenilunio Del Fuoco (Flight Recorder, 2014)

Servisse conferma di quanto tutta la faccenda dell’Italian Occult Psychedelia sia solo una baracconata, basterebbe far notare come, nei vari…

03 Oct 2014 Reviews

Read more

Luigi Turra - Enso (Smallvoices, 2007)

Se non si chiamasse Luigi Turra e se non sapessi che è italiano, ascoltando il disco avrei pensato che si…

16 Nov 2007 Reviews

Read more

Au – Both Lights (Leaf, 2012)

Un magma musicale assurdo permea il lavoro di questi ay-yoo, progetto di Luke Wyland e Dana Valakta da Portland. …

01 Jun 2012 Reviews

Read more

Chris Brokaw - Gambler’s Ecstasy (Damnably, 2012)

Come accennato qualche recensione fa a proposito di Geoff Farina e altre vecchie glorie, la Damnably, in Europa, sta diventando…

11 Dec 2012 Reviews

Read more

3/4 Had Been Eliminated - Oblivion (Die Schachtel, 2011)

Ritorna quella che ormai può essere considerata a ragion veduta una delle glorie nazionali della musica "sperimentale", qualsiasi cosa significhi.…

20 May 2011 Reviews

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

Cursive + Green Like July - 19/05/12 Twiggy Club…

'I sogni son desideri di felicitààà...' e con un maggio che pare - oggettivamente dal punto di vista meteo e…

08 Jun 2012 Live

Read more

Transmontane – Staring Back At You (Sick Room, 2012)

Ryan Duncan aka Transmontane, cofondatore dell'etichetta Sick Room, imbraccia da solo una chitarra dal suono sporco e subito si sprecano…

15 Oct 2012 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top