BiG A little a – gAame (Gigantic Music, 2007)

I meglio informati mi dicono dalla regia che questi BiG A little a sono gente da tener d'occhio, perché sono "nuovaiorchesi", bravi, "gajardi" e strani in quel modo "indolore" che potrebbe fargli fare la carriera di altri loro concittadini, quindi: "a me gl'occhi!". Quello che mi appresto a recensire non è un disco ma un cd + dvd fatto con i controfiocchi, penso che potrebbe fare gola a molti indie-pendentemente dal circuito di appartenenza (perché… caro piccolo uligano tutti apparteniamo a qualcosa/qualcuno no!?). Senza perderci in queste mie perle di saggezza da salumiere, inseriamo subito questi baldi figli della grande mela nello sterminato mondo dei freak, ma per restringere ulteriormente il campo d'azione la locazione è fra il post-punk, il kraut, e la psichedelia intesa nel modo più lato possibile. Queste poche informazioni avranno diretto il navigatore di alcuni ai loro concittadini che hanno fatto strada come i Liars, bene, potete star tranquilli che il vostro satellitare non vi ha ancora traditi perché, con le dovute differenze, l'accostamento ai "bugiardi", quanto meno per il risultato e per la forma mentis, ci sta tutto. Ma visto che a quanto pare l'esegesi del testo libera dall'interpretazione dello stesso, direi che l'analisi comparata dei live e del reperto audio fa capire che non improvvisino o meglio: non solo! Anzi, riconoscerete alcune delle tracce contenute su questo disco che in versione live. In sede di concerto tutto si allarga a dismisura in direzione di un percussionismo a più persone attraversato da elettronica analogica (o simile) che da colore ad un ritmo stile "drum-beating" (il percuotere i tamburi come allo stadio) che spesso capita di vedere in alcune dimostrazioni di protesta americane. Il vostro teleobiettivo non ha ancora inquadrato il bersaglio? Allora immaginatevi de suoni simil-synth a volte acidi volte giocattolosi e dei tempi di batteria che escono dall'evoluzione del punk, il disco è molto raffinato in realtà ma all'apparenza poco "fine", in verità è travolto da quell'irruenza fracassona da rock evoluto americano che anche da noi ha trovato parecchi estimatori. Per chiarire ulteriormente l'idea o per mescolare ulteriormente le carte direi che se se gli Einsturzende più melodici ma percussivi non venissero da un passato costellato di pere e non fossero stati tedeschi ma yenkee e se avessero messo su un gruppo con dei cazzoni come gli Experimental Dental School buttandoci dentro qualche minchione da giro Load forse avrebbero fatto qualcosa tipo gli Aa, sempre che non si fossero presi così fottutamente sul serio. I video meriterebbero un discorso a parte e vi dico subito che sono molto belli ma quello che mi ha colpito di più sono i live, senza palco come per i Lightning Bolt, in mezzo ad un prato, nel "lot" di un parcheggio con una quantità variabile di persone e di gruppi più o meno conosciuti ma alcuni veramente molto affollati. Due o tre considerazioni nascono spontanee: certo, per quanto dev'essere un'esperienza pazzesca vedere un concerto (e farlo) in una situazione del genere è anche vero che il pubblico americano è sì caldo, ma a vedere alcune delle file di osservatori verrebbe da pensare che stiano ancora praticando diffusamente la lobotomia come facevano nelle comunità psichiatriche del luogo ad inizio Novecento. Viene da pensare che l'Europa sia una "vecchia frigida" che se va bene finge orgasmi, ma che in realtà ti seziona da cima a fondo smontandoti e facendoti sciamare tutta la verve amatoria o qualsiasi vigore giovanile (o ciò che ne resta). Resta comunque che come prima cosa viene da pensare che per quanto criticabili in mille cose i figli di McDonald comunque possano assistere ad un concerto dentro ad un parcheggio, che se lo fai qui da noi arrivano la S.I.A.E., l'Emplas, la Cisl e la Uil e la Snai; viene da pensare  che da quelle parti ci sia ancora il gusto di partecipare ad un evento oltre che ad un concerto e che se va bene qui ti vai a vedere un gruppo straniero facendo una macchinata convincendo tua sorella di dodici anni che è la nuova line up dei Blue; viene da pensare che gruppi del genere qui da noi non troverebbero manco un'etichetta (o lo farebbero a fatica) oltre ai concerti in mezzo ad un prato; viene da pensare che non svilupperebbero così bene il loro suono da far rizzare anche un "Rosso Malpelo" come Thurston e non dimostrerebbero per l'ennesima volta che "ok su disco suonano bene, ma dal vivo è un altro pianeta".

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Tsigoti – The Imagination Liberation Front Thinks Again (Autoprodotto, 2012)

The Imagination Liberation Front Thinks Again è un disco dalla storia complessa. Uscito solo in digitale e attualmente reperibile su…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Plakkaggio - Verso La Vetta (Time To Kill/Hellnation, 2022)

L'eterno ritorno. Chris Nunnos e Gabbath si riaffacciano con band rimaneggiata, ma sempre fedele al metallo più puro e classico.…

22 Mar 2022 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 73% Phunk (Inmusica/Altoparlante, 2008)

Educato, ma fieramente maschilista, Bobby Soul ritorna, riformulando, ammorbidendo, impastando il precedente Draghi Rossi Buchi Neri; questa volta doppiando…

15 Jul 2008 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - 09/01/09 Morya (Cellatica - BS)

La neve, caduta abbondante in questo inizio d'anno sul basso Piemonte, ha causato l'annullamento della data dei Bachi Da Pietra…

27 Jan 2009 Live

Read more

Child Bite - Vision Crimes (Joyful Noise, 2013)

I Child Bite sono considerati la miglior band live di Detroit. In otto anni di carriera hanno cambiato diverse formazioni…

13 May 2013 Reviews

Read more

Billy Torello – Il Passato Ha Gli Zoccoli (Fumaio/Il Verso…

Avevo considerato Ultime Notizie Dalla Tartaruga, il precedente lavoro di Billy Torello (al secolo Angelo Bignamini di The Great Saunites…

20 Mar 2014 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

Fabio Chinca/Alberto Valgimigli - Il Memoriale Fantasma Di Gaston Cafard…

Strana creatura questo libro illustrato di Fabio Chinca (testi) e Alberto Valgimigli (disegni) pubblicato dalla piccola, ma coraggiosa casa editrice…

25 Jun 2013 Reviews

Read more

Matta-Clast - De Morbo (Autoprodotto, 2013)

Garbato ed eccentrico rock elettrico per questo prolifico trio perugino qui ormai giunto, tra lp e mini, alla quinta uscita.…

09 Jan 2014 Reviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

Alberto Boccardi/Lawrence English – split 12” (Fratto9 Under The Sky,…

Del bellissimo spettacolo organizzato all’oratorio di San Lupo a Bergamo un anno fa parlammo a suo tempo nella sezione live.…

13 Dec 2013 Reviews

Read more

Shelly Johnson Broke My Heart - Brighter (Stop!, 2011)

Caspita. La malinconia tutta all'improvviso. L'estate sta finendo dal punto di vista solare ed è finita per tutto il resto.…

20 Oct 2011 Reviews

Read more

Mortification To The Flesh - Le Trésor Maudit (Final…

La Final Muzik inaugura una nuova collana significativamente intitolata Eighties che si propone di rimettere in circolazione titoli di quel…

26 Jan 2012 Reviews

Read more

Aspec(t) – Abattoir (Nuun, 2011)

Arrivati al terzo album il duo napoletano degli Aspec(t) (gente di A Spirale, SEC_ e Weltraum) e dopo un titolo…

14 Feb 2012 Reviews

Read more

Koji Asano – Mileage Reimbursement (Solstice, 2012)

Non si ferma, ci preoccuperebbe il contrario, la prolifica produzione del giapponese Koji Asano e a pochi mesi da Travel…

05 Feb 2013 Reviews

Read more

Folklezmer - Puppets Theater Show (Ultra Sound, 2011)

Un gruppo che mette in chiaro tutto a partire dal nome e quindi non perdiamoci troppo in introduzioni sterili e…

29 Jul 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top