Benjamin Finger, James Plotkin & Mia Zabelka – Pleasure-Voltage (Karlrecords, 2019)

La prima cosa che colpisce di Pleasure-Voltage è una certa austerità della produzione che inaspettatamente si sposa alla perfezione con le diverse visioni improvvisative dei tre musicisti coinvolti, creando un contesto elegantemente estraniante. Un approccio che lavora su tensioni contraddittorie fatte di molteplici sfumature e approcci stilistici, riuscendo nell’impresa di tenerle assieme in modo organico. Anzi il punto di forza del disco è proprio il fare leva sui contrasti, lavorando sugli snodi delle sovrapposizioni per ottenere un unico flusso ambient drone dalla timbrica molto particolare.
Così il produttore elettronico e DJ, nonché fotografo e film maker, Benjamin Finger costruisce il perimetro nel quale interagire con la compositrice austriaca Mia Zabelka (violino, elettronica e imprecisati oggetti alieni) e James Plotkin (chitarra e sintesi granulare) dei fondamentali Kanathe e OLD. Un trio che non ha bisogno di presentazioni e mette a punto un linguaggio complesso e dilatato, che si auto genera di continuo nelle due tracce.
Un suono glaciale che parla un linguaggio altro, non solo per l’inserimento occasionale di sonorità che sembrano provenire da remoti spazi interstellari, ma fondamentalmente per il suo far interagire ambientazioni differenti, creando una stranezza inquieta di fondo all’interno dell’armonizzazione complessiva.
Hostile Structures parte da stilemi di modernità classica screziati di sottile rumorismo e accenti “alienanti”, immergendosi progressivamente dentro solenni paesaggi drone per poi decollare verso un’elettronica che amalgama commestibilità e ritmiche offuscate dalla corto circuitazione. Metodo compositivo ancora più efficace in Kaleidoscopic Nerves, che gioca amabilmente con il contrasto di armonia e dissonanza, innestando anche inaspettate partiture ancestrali, dove risonanze lamentose acuiscono la funzionalità del testo sonoro: uno sprofondare continuo tra freddezze tecnologiche, profondità concilianti sui quali arpeggiano incastri idiofoni e intermezzi dal sapore quasi schoenberghiano, risolvendosi infine nella melodia piena e rassicurante del finale.
Una buona prova che ha la giusta fattura ed eleganza da farsi pescare nel mucchio procurando più di qualche soddisfazione.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vulturum - Vivi Di Luce Riflessa/Voraussage 12" (Sangue Dischi/Trips Und…

Il tempo vola e sono già passati due anni dall'apprezzato Vineta. Dopo una serie ben congegnata di concerti, tornano i…

06 Feb 2011 Reviews

Read more

Amklon - Collision Of Absolutes (Boring Machines, 2016)

Sapere che nel progetto Amklon sono coinvolti Sergio Albano (Grizzly Imploded, Drowning In Wood, Monte Ossa) e il musicista elettronico…

12 Dec 2016 Reviews

Read more

Catherine Graindorge ft. Iggy Pop - The Dictator EP (Glittebeat,…

Iggy Pop si sta sempre più svelando come Dj capace e curioso (recente il suo passaggio degli Skiantos nella sua…

20 Sep 2022 Reviews

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Il Tempo... Tra Le Nostre…

    Forse è eccessivo definire questo un album di canzoni sebbene "ubriache e sbilenche", come fa il comunicato stampa che lo…

10 Apr 2009 Reviews

Read more

Brain In Vain – Inner Crowd (Monster, 2010)

Ancora bella musica dalla Monster, ancora, da ex-Caboto, musica che trova il coraggio d’esser coraggiosa: la tentazione di copia-incollare qui…

02 Jan 2011 Reviews

Read more

Snew - Snew You (Autoprodotto, 2008)

Non credo proprio che il nuovo Chinese Democracy riuscirà a riportare in auge lo street rock n'roll quanto lo…

30 Nov 2008 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita…

22 Feb 2019 Reviews

Read more

Scosse Elettriche - Rock Cut (MC Non Piangere, 2022)

Registrato nel corso del 2020 da Davide Zolli e Riccardo Sinigaglia. Batteria e percussioni il primo, piano, tastiere, sintetizzatori e…

17 May 2022 Reviews

Read more

Stefano Giaccone - Città Nuova (Fondo Giaccone, 2022)

Buttarsi a capofitto in un disco, senza provare a leggerne contenuti ed autori. Iniziando una mattina di settembre, cane a fianco.…

22 Sep 2022 Reviews

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more

The Pattern Theory - S/T (Valeot, 2011)

Chissà se Ulf Grenander, lo statistico svedese che formulò la Teoria dei Modelli (pattern), avrebbe mai pensato di ispirare così…

03 May 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Damn! Freistil Samplerin #3 (Chmafu, 2013)

Arriva al terzo capitolo la compilation in collaborazione fra la Chmafu Records e il giornale Freistil che raccoglie i contributi…

26 May 2014 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Thee Oh Sees - Putrifiers II (In The Red, 2012)

Non sapendo da dove cominciare, con i californiani Thee Oh Sees, (da O.C.?), credo non sia male, se ancora non…

25 Oct 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top