Baumschule – (39:12) (Three:Four, 2022)

Ancora una volta Svizzera, questa volta a casa di Three:Four Records, una delle etichette più interessanti degli ultimi anni al mondo. No, non sto esagerando, scorrete soltanto di un poco il catalogo: Norberto Lobo, David Maranha & Helena Espvall, Dan Oxenberg & Bear Galvin, Oba Loba, La Tène, Eric Chenaux (in diverse accoppiate ed accezioni, i miei due centesimi per quella con Eloïse Decaux), Delphine Dora, Loup Uberto.
Questo solo per contestualizzare un riferimento mondiale nel fare un certo tipo di musica, musica che uscendo dai parametri dei confini abbracciano psichedelia, candore, tradizioni e diversi gradi di calore. Già conoscete il mio amore per la varietà, il riuscire a connetterla all’interno della medesima cognizione di causa è quello che io chiamo riuscire nella propria opera, punto ed a capo.
Ora arriva Baumschule, nato in sessioni di improvvisazione tra tre musicisti elvetici che forse non vi diranno molto come nomi ma che, spulciati curricula e partecipazione a dischi beh, direi che sono più volte passati nei nostri stereo.
Il disco di Baumschule è l’essenziale, del quale basta soltanto il suono.
Inizia come una cheta massa ronzante, nella quale via via si innestano rintocchi, ritmi e riprese.
Raphael Loher al piano, Julien Sartorius alla batteria e Manuel Troller alla chitarra danno vita ad una coesione unica.
Sembra di ascoltare tre insetti di specie differenti intenti nella costruzione di un unico nido. Le motivazioni e le tecniche sono differenti ma quella che sembra essere una coscienza comune li porta ad equilibrarsi. C’è un forte sentire analogico in questo viaggio, un ripulirsi da arrangiamenti ed ammennicoli che rende il risultato di questo incontro ricco e goloso.
Talvolta aereo, a tratti romantico, spesso umano. Un vero e proprio vivaio di emozioni, le cui spore trasportano un suono, quello di un felpato percorso jazz, in ogni dove, unendosi ed allineandosi al nostro ritmo interiore (e viceversa). Ho ascoltato così piacevolmente questo disco che, sinceramente, spendere altre parole per provare a descriverlo è come cercare un succedaneo che dia pari godimento dell’originale.
Fatelo partire, non ve ne pentirete. Abbracciate il vivaio.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Dutch Courage – An Antology Of Collected Wreckages (Under…

Echi di naufragi lontani. Registrato in un lasso di tempo che va dall’inverno del 1998 all’estate del 2003, An Antology…

10 Oct 2014 Reviews

Read more

AA.VV. - Damn! Freistil Samplerin #3 (Chmafu, 2013)

Arriva al terzo capitolo la compilation in collaborazione fra la Chmafu Records e il giornale Freistil che raccoglie i contributi,…

26 May 2014 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Enlaire (LP Total Silence, 2022)

Devo essere onesto, non so molto di Joan Jordi Oliver. So che risiede a Zurigo, dove organizza in diversi spazi…

15 May 2022 Reviews

Read more

Stearica/Acid Mothers Temple - Invade (Homeopathic, 2010)

Stearica e Acid Mothers Temple hanno fatto un tour assieme (entrambe le band sono uscite con un disco per la…

06 Nov 2010 Reviews

Read more

Slowcream - River Of Flesh (Nonine, 2010)

Tornano gli Slowcream di Me Rabenstein e il risultato tiene fede alle aspettative ed è anche sorprendente il fatto che…

01 Jan 2011 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Spazio Sacro (Time Released Sound, 2015)

Giulio Aldinucci già da qualche anno produce musica tra il field recordings e l'elettronica ambientale e ultimamente è molto attivo:…

16 Mar 2016 Reviews

Read more

Ryoji Ikeda – 21/03/2015 Interzona (Verona)

Pochi eventi ma buoni, aveva annunciato l’Interzona per questa nuova stagione. Sul pochi avrei da ridire – semplicemente per il…

27 Mar 2015 Live

Read more

Bob Corn - Songs From The Spiders House (Fooltribe, 2006)

Tiziano Sgarbi (Tizio per chi gli è amico, l'uomo dietro la label Fooltribe) è un nome che da anni…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Ranter’s Bay & Pablo Orza - ειμαρμενη (Kaczynski, 2020)

Fra le infinite collaborazioni che costellano il catalogo della Kaczynski quella fra Ranter’s Bay e Pablo Orza non l’avevamo ancora…

07 Aug 2020 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Songs About Music (Wallace/North Pole, 2010)

Mr. De Leon qualcuno di voi se lo ricorderà per i Rollerball, come molti di voi sapranno questo è il…

16 Mar 2010 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2012)

Il lato oscuro di Tahiti su Boring Machines: non musica da spiaggia o surf rock come lo intendiamo noi, al…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

We Need You - S/T (Eh?, 2008)

Da free a free di recente ho ascoltato Talibam!/Jelousy Party che quando vanno liberamente lo fanno portandosi dietro un bel…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

Bored Spies - Summer 720/Gerbils E (Damnably, 2013)

Ebbene sì, diciamolo: per alcuni come il sottoscritto il ritorno di Sooyoung Park (ex Seam, Bitch Magnet, EE, Team Xiaoping)…

10 Jun 2013 Reviews

Read more

Kongrosian - The Exit Door Leads In (Aut, 2012)

Non sempre quando si mettono assieme personaggi/musicisti importanti e con una lunga storia di collaborazioni la ciambella deve per obbligatorietà…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Drink To Me/Edible Woman - Split 7” (Smartz, 2009)

Smartz, etichetta canavesana da anni coinvolta in produzioni hardcore e d.i.y. (C.O.V., Distruzione, Arturo, Belli Cosi, Kafka, tra gli altri),…

19 Jun 2009 Reviews

Read more

Kinit Her - The Poet & The Blue Flower (Avant!,…

Una sorta di avvicinamento (super) uomo/natura, testa fra le nuvole, seduto su vette altissime e purissime: questa la copertina (opera…

18 Oct 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top