Bad Pritt – S/T (Shyrec, 2018)

Quando avevamo perso le tracce di The White Mega Giant, il trio veneto stava evolvendo il proprio suono, partito da coordinate post-rock, verso orizzonti interessanti al confine con l’elettronica più scura e certo rock rallentato, pur lontano dalle pesantezze doom. Oggi, dallo spazio profondo, ci arrivano segnali di vita da Luca Marchetto, in arte Bad Pritt, che del gruppo era chitarra, voce e penna e che qui sembra sviluppare il lato più dark e sintetico del progetto originario, arricchendolo però di nuovi elementi e portandolo verso nuovi approdi. I movimenti lenti e le dilatazioni rappresentano il legame più evidente e logico col passato, ma il retaggio rock è tralasciato per far spazio a un’elettronica neoclassica (fondamentali gli archi di Valeria Sturba del duo OoopopoiooO) non di rado venata di pop. Lo so, visti i riferimenti la mano dovrebbe immediatamente correre alla fondina, ma il grande lavoro di scrittura operato da Marchetto e teso a bilanciare le varie parti, ci restituisce un’opera potentemente evocativa, capace di giocare con la magniloquenza senza scadere nel barocchismo e col pop senza apparire melenso. L’intro The Ghost In My Bed, pur nella sua brevità, ci dice subito quali saranno gli argomenti sviluppati nel lavoro: atmosfera drammatica degna del Carpenter di Prince Of Darkness, pulsazioni sintetiche a scandire il tempo e aperture orchestrali.  Parte da queste premesse anche Stalactite_Stalagmite, ampliando il discorso con l’aggiunta di voci elegantemente pop e cadenze narcolettiche  e ancora più in là portano Falls Like A Domino e Burning Bridges, con solo una minor presenza dell’elettronica. La traccia che però più di tutte lascia il segno è International Dark Sky Association, summa e vertice di quanto detto finora, che associa contemplazione e senso del dramma, poesia e critica tagliente (si ascoltino i campionamenti, solo apparentemente slegati dal tema del brano) in un viaggio notturno sotto un cielo al cui cospetto appariamo minuscoli. Se è vero, come segnala il comunicato stampa, che questa è musica eminentemente cinematica, lo è però, più che per la forma in sé, per  la capacità che ha di utilizzare vari linguaggi, alternandoli come fossero cambi di scena e costruendo una narrazione in cui il rapporto con l’ascoltatore è aperto e in continua mutazione, fruibile su più livelli. Una rarità, in questo genere di cose.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Aer (Dronarium, 2014)

Con la cadenza di circa un disco solista all'anno Giulio Aldinucci continua il suo percorso musicale che lo sta portando…

20 Mar 2015 Reviews

Read more

Black Eagle Child - Poland (Sturmundrugs, 2010)

Nuove uscite per la Sturmundrugs il cui nome può essere chiaramente ridotto a Sud, lo sottolineo perché mostra la facciata…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

La Furnasetta/Leather Parisi – Past Present Temple (Industrial Coast, 2019)

Era inevitabile che La Furnasetta e Leather Parisi, dopo essersi incrociati in diverse compilation, finissero per condividere insieme un tratto…

27 Mar 2020 Reviews

Read more

Squadra Omega – Altri Occhi Ci Guardano (MacinaDischi/Sound Of Cobra/Outside…

È stato un periodo assai prolifico quello appena trascorso per  la Squadra Omega, che ha portato all’uscita di ben tre…

16 Oct 2015 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Beachwood Sparks - The Tarnished Gold (SubPop, 2012)

Da quasi tre lustri in circolazione i Beachwood Sparks sono tra i migliori, ai nostri tempi, nel riproporre una…

12 Jul 2012 Reviews

Read more

Brain In Vain – Inner Crowd (Monster, 2010)

Ancora bella musica dalla Monster, ancora, da ex-Caboto, musica che trova il coraggio d’esser coraggiosa: la tentazione di copia-incollare qui…

02 Jan 2011 Reviews

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Hobocombo - Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon…

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea…

18 Feb 2011 Reviews

Read more

Belanov - Paragraph (Dying Giraffe, 2008)

Dopo essere recentemente passati per l'Italia in occasione di un minitour che ha toccato esclusivamente il nord della Lombardia (!)…

24 Oct 2008 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

The Star Pillow Meet Bruno Romani – Via Del Chiasso…

Chissà se siano i musicisti, influenzati dall’aria di casa Setola Di Maiale, a produrre musica così fresca e intrigante o…

26 Jun 2014 Reviews

Read more

Vanishing Life - People Running (Collect, 2014)

Una manciata di minuti, tante riverenze per il passato e altrettante speranze per il futuro. Lo sono i Vanishing Life,…

29 Oct 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top