Alessandro Fiori – Mi sono perso nel bosco ( 42, 2022 )

Perdersi nel bosco può essere una cosa tremenda oppure bellissima. Scatenare il panico oppure aprire porte inaspettate. Alessandro Fiori mi ha sempre dato l’idea di essere persona che, in 25 anni di carriera, abbia rappresentato soltanto una una minima parte di sé. Bene perdersi quindi, come occasione per poi uscirne, presentarsi di nuovo ai suoi ascoltatori e scuoterli. “…prendimi la mano, che tu, trovi sempre la strada, quella è la casa dove stiamo”. Non viaggia da solo Alessandro, che insieme a lui c’è un parterre d’artisti. Da Giovanni Ferrario ed Alessandro Stefana (produttori artistici del lavoro), a Dario Brunori e Claudia Lagona, da Giuseppe Peveri a Jacopo Incani, da Massimo Martellotti a Lorenzo Urciullo, da Emanuele Maniscalco a Lea Mencaroni, da Luca Caserta a Niccolò Fornabaio, da Stefano Amerigo Fantoni a Marco Parente.

Accompagnatori che guidano Alessandro a rientrare entro i confini della canzone d’autore dopo il meraviglioso Plancton. Il bosco e la natura rientrano come un contorno che fa parte ormai della vita di Alessandro, che con famiglia vive a discreta quota e gode della vicinanza di civette, corsi d’acqua e rumori furtivi. Sapori onesti ed agresti, che spingono spighe in bocca come in Io e Te o richiamano addirittura un Cristiano Bugatti in Amami Meglio. La verve e la poetica di Fiori sono inimitabili e riportano sempre di più a lui soltanto. Con un suono che si fa a tratti pastoso ed a tratti aereo, si cade su relazioni zoppicanti e terminali, affrontate con disillusione lirica, suoni desueti e giocattoli claudicanti. Molti brani di questo parlano ( e di che si dovrebbe parlare del resto?) ma non hanno né soluzioni né ipotesi, soltanto rese, gradi alcolici in leggera salita e tentativi che ovviamente non funzionano. Fermo accanto a te ha una batteria talmente bella e casereccia da sembrare un giocattolo dentro quel gran carillon di campagna che è mi sono perso nel bosco.

Poi, beh, c’è Una Sera. Onestà straziante, il racconto di un rapporto, di una vita, del protagonismo, dell’ineluttabilità e dell’amore. Piano, chitarre, violini ed oboe. Un brano ENORME. Da qui in avanti il campo sembra allargarsi, per tematiche e suono.

Pigi Pigi appoggia un testo di Luca Caserta (patron del Godot Art Bistrot di Avellino) su tocchi di piano, portando ai travagli delle traversate e dei morti in mare un momento di emozione misurata ed aperta. Facendo scorrere il disco si ha l’impressione di come non sia necessariamente il 2022 ma potrebbe tranquillamente essere il 1982: in L’Appuntamento addirittura si potrebbe abbozzare l’entrata in una discotechina, ricordando una perdita in maniera controllata e calda. Che dire? Siamo al finale, con Troppo Silenzio, ennesimo lavoro di cesello che riassume tutto il lavoro “ ..la vita è solo un sogno dimenticato da un altro sogno che si è svegliato di soprassalto perché ha sognato troppo silenzio e si è spaventato”. Il silenzio fa paura, basta riempirlo, se si vuole, con i suoni di questo disco prezioso.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show – S/T (Wallace, 2012)

Continua la navigazione la sgangherata nave (vichinga, si direbbe dalla copertina) capitanata da Xabier Iriondo alla chitarra e da Roberto…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Dalila Kayros – 02/03/13 Il Revisionario (Brescia)

Fossimo dediti alle classifiche di fine anno, Nuhk di Dalila Kayros finirebbe certamente in testa alla mia lista; grande era…

15 Nov 2013 Live

Read more

Daniele Brusaschetto - Rapida E Indolore (Bosco, 2014)

Continua con Rapida E Indolore la ormai nutrita discografia di Daniele Brusaschetto, da sempre indirizzata verso una musica tra l'elettrico…

06 Mar 2015 Reviews

Read more

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep (Black Candy, 2004)

Disclaimer: questa NON è la recensione del nuovo disco dei Pecksniff!! Là dove guizzano le trote immaginarie dei nostri sogni…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Dead Elephant + Zeus! + Spring Is Reverber – 27/12/09…

E si arriva così all'ultimo atto. Dopo due anni di attività, con molti dei migliori nomi del panorama italiano e…

12 Dec 2009 Live

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

Peter Piek - Cut Out The Dying Stuff (Solaris Empire/…

Che personaggio interessante Peter Piek: dipinge fin da bambino - e ne ha fatto un lavoro -, suona da quando…

23 Jun 2014 Reviews

Read more

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Yeti Lane - The Echo Show (Clapping Music, 2012)

Secondo giro di boa per il duo parigino che torna con quello che viene definito il loro capolavoro. Tra atmosfere…

30 May 2012 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti - The Carpenter (Wallace/Boring Machines, 2009)

Altre "Piccole donne crescono" e Claudio Rocchetti fra Teenage Wildlife e The Carpenter, in una vita in fuga dal tempo…

02 Jan 2010 Reviews

Read more

...qualcosa come Old Bicycle Records ma 10 anni fa: Haru…

A volte basta un input per scatenare il passato, ricostruendo il percorso che ci ha portato fino a questo momento…

08 Aug 2016 Articles

Read more

Benjamin Finger, James Plotkin & Mia Zabelka - Pleasure-Voltage (Karlrecords,…

La prima cosa che colpisce di Pleasure-Voltage è una certa austerità della produzione che inaspettatamente si sposa alla perfezione con…

28 Mar 2019 Reviews

Read more

Autoblastingdog - HermesLyre (Autoprodrodotto, 2010)

Non male davvero l'esordio di questi quattro giovanotti sperduti nei monti amiatini. La forza d'urto è notevole e, nonostante…

28 Aug 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top